Tumori polmonari benigni

I tumori polmonari benigni sono il nome collettivo di neoplasie di varia origine, struttura istologica e localizzazione. Possono svilupparsi in modo asintomatico o farsi sentire tossendo, emottisi, mancanza di respiro. Nella maggior parte dei casi, il trattamento di tali formazioni è chirurgico.

I tumori polmonari benigni possono svilupparsi da vari tipi di tessuto:

  • epitelio bronchiale (polipi, adenomi, cilindromi);
  • strutture neuroectodermiche (neuroma, neurofibroma);
  • tessuti embrionali (congeniti - teratoma, amartoma);
  • tessuti mesodermici (fibromi, leiomiomi, linfangiomi).

Prezzi per servizi a pagamento

I tumori polmonari benigni più comuni sono:

  1. Adenoma del bronco: una neoplasia ghiandolare di dimensioni fino a 2-3 cm, con tendenza alla malignità.
  2. Amartoma: ha origine embrionale, è costituito da elementi del tessuto embrionale. Ha una forma arrotondata e una superficie liscia. Cresce lentamente, raramente si trasforma in cancro.
  3. Il papilloma è una formazione dello stroma del tessuto connettivo con escrescenze papillari multiple. Cresce endobronchialmente, principalmente nei grandi bronchi.
  4. Il fibroma ha una massa benigna di 2-3 cm ed è costituito da tessuto connettivo. Può raggiungere proporzioni gigantesche, non incline alla malignità.
  5. Il lipoma è un tumore del tessuto adiposo. Si forma raramente nei polmoni, cresce lentamente, non tende a degenerare in un tumore maligno.
  6. Leiomioma: si sviluppa dalle fibre muscolari lisce dei vasi sanguigni o delle pareti dei bronchi. Cresce lentamente.
  7. Le neoplasie vascolari hanno una forma arrotondata, consistenza densa o densamente elastica, circondata da una capsula del tessuto connettivo.
  8. I tumori neurogeni si formano dai tessuti nervosi, hanno l'aspetto di nodi densi arrotondati con una capsula trasparente.

Cause e segni di tumori polmonari benigni

Si ritiene che le neoplasie derivino da mutazioni genetiche, esposizione a virus, esposizione al fumo di tabacco, sostanze chimiche e radioattive. I fattori di rischio includono:

  • asma bronchiale;
  • BPCO;
  • Bronchite cronica;
  • polmonite frequente e persistente;
  • tubercolosi.

I sintomi dei tumori polmonari benigni dipendono dal loro tipo, dimensione, posizione e stadio di sviluppo.

Le formazioni periferiche nella fase preclinica non si manifestano in nulla. Nelle fasi dei sintomi clinici iniziali e gravi, possono causare respiro corto, dolore toracico e cardiaco, emottisi, emorragia polmonare.

I segni della presenza di tumori polmonari benigni centrali dipendono dalla gravità delle violazioni della pervietà bronchiale. Molto spesso, i pazienti si lamentano:

  • un aumento della temperatura corporea;
  • tossire catarro;
  • fiato corto;
  • emottisi;
  • dolore al petto;
  • stanchezza e debolezza.

Operazioni per tumori polmonari benigni

Indipendentemente dalle dimensioni e dal rischio di malignità, le neoplasie sono soggette a rimozione chirurgica.

Quelle centrali vengono eliminate con il metodo della resezione economica dei bronchi. Le neoplasie su una base stretta vengono asportate durante la resezione fenestrata della parete bronchiale con ulteriore sutura del difetto o broncotomia. I tumori su ampia base richiedono la resezione circolare del bronco e l'imposizione di un'anastomosi interbronchiale.

Quando si sviluppano complicanze, vengono eseguite operazioni per l'escissione di uno o due lobi polmonari (lobectomia o bilobectomia). In caso di cambiamenti irreversibili, viene indicata la pneumonectomia - la sua rimozione del tutto.

Con la posizione periferica delle formazioni, l'operazione comporta la loro enucleazione, resezione segmentale o marginale del polmone. Nel caso di una grande dimensione o di una forma complicata di patologia, ricorrono alla lobectomia.

Gli interventi chirurgici vengono eseguiti con il metodo della toracoscopia o della toracotomia. Le lesioni a stelo sottile possono essere rimosse endoscopicamente.

Le operazioni per tumori polmonari benigni sono eseguite da chirurghi esperti del Dipartimento di Oncologia presso il Dipartimento di Chirurgia della Facoltà della Prima Università Medica Statale. Academician I.P. Pavlova.

Il vostro messaggio è stato inviato

Nel prossimo futuro il nostro specialista risponderà alla tua domanda qui

Metodi moderni di trattamento del cancro del polmone

Il carcinoma polmonare è il noto "killer" dei malati di cancro, che si posiziona costantemente al primo posto nella classifica in termini di prevalenza, mortalità e diagnosi ritardata. Questa malattia è spesso spaventata dai fumatori e dalle persone che evitano la normale fluorografia. Allo stesso tempo, poche persone comuni sanno quali metodi di esame possono rilevare precocemente il cancro del polmone e cosa può offrire la medicina moderna come arma nella lotta contro un tumore..

Carcinoma polmonare: una diagnosi, non una frase

Le neoplasie maligne nei polmoni sono un gruppo abbastanza ampio di tumori, ognuno dei quali ha la sua localizzazione preferita, il tasso di sviluppo e la prognosi. Alcuni tumori possono passare inosservati nel corso degli anni, mentre altri hanno un corso accelerato. Tuttavia, i medici notano anche proprietà generali nelle neoplasie del tessuto polmonare: ad esempio, in realtà si trovano più spesso nelle persone che hanno fumato per molti anni, così come nei residenti di città con scarsa ecologia, minatori e dipendenti di industrie pericolose. La probabilità di sviluppare il cancro ai polmoni aumenta con l'età: nel gruppo ad alto rischio - gli anziani di età compresa tra 50 e 70 anni.

Circa una settima persona in Russia ha un cancro ai polmoni. Anche le statistiche mondiali sono deludenti: secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, ogni anno viene diagnosticato un milione di pazienti con questa malattia.

Nel frattempo, i medici sono sicuri che se i pazienti si rivolgessero a loro in modo tempestivo, nelle fasi 1 e 2 della malattia, la stragrande maggioranza dei pazienti potrebbe essere salvata dalla morte. E anche con una diagnosi tardiva, ci sono possibilità di recupero, l'importante è sottoporsi a un esame completo e ad un efficace ciclo di trattamento per il cancro del polmone.

Stadi del cancro polmonare

La classificazione del carcinoma polmonare semplifica la selezione delle tattiche di trattamento ottimali, ma i medici analizzano la situazione ben oltre gli stadi convenzionali - dopo tutto, ogni tumore e ogni paziente sono individuali.

  • Lo stadio zero - "cancro in atto" - viene rilevato molto raramente, perché implica la presenza di una formazione microscopica. Tale tumore si trova, di regola, per caso, durante il trattamento di un'altra patologia polmonare. È abbastanza semplice curarlo, la prognosi per la vita del paziente è favorevole.
  • Il primo stadio implica la presenza di un tumore fino a 3 cm di diametro, che non ha metastasi (in altri organi o linfonodi). Il trattamento ha quasi sempre successo.
  • Il secondo stadio viene diagnosticato quando il tumore è cresciuto a 6 cm e sono state trovate cellule maligne in uno o due linfonodi più vicini al polmone. In alcuni casi, in questa fase, gli oncologi possono rimuovere il tumore preservando il polmone.
  • Il terzo stadio è una condizione in cui il tumore è cresciuto così tanto da colpire il segmento adiacente del polmone (ce ne sono 10 nel polmone destro e 8 nella sinistra). Allo stesso tempo, molti linfonodi che circondano l'organo sono coinvolti nel processo patologico. La prognosi è generalmente scarsa, ma un trattamento adeguato può rallentare significativamente la progressione della malattia.
  • Il quarto stadio - chiamato anche terminale - significa che il tumore è uscito dal tessuto polmonare, diffondendosi al polmone vicino, agli organi mediastinici (esofago, cuore) e ad altre parti del corpo. Allo stesso tempo, non è necessario che il tumore iniziale sia grande: il carcinoma polmonare allo stadio 4 è esposto in ogni caso quando sono presenti metastasi a distanza. I pazienti con carcinoma avanzato raramente vivono più a lungo di 2 anni.

Come trattare il cancro ai polmoni: approcci alla medicina moderna

Il fattore determinante per il successo del trattamento del cancro del polmone è la diagnosi tempestiva. In molti paesi progressisti è già apparsa la pratica dell'esame di screening regolare obbligatorio mediante tomografia computerizzata a basso dosaggio (CT). Tale procedura non richiede molto tempo e non mette in pericolo i pazienti a causa di alte dosi di radiazioni. Rispetto alla fluorografia tradizionalmente utilizzata per questi scopi in Russia, la TC consente di stabilire o confutare la diagnosi di "cancro ai polmoni" con una precisione molto maggiore. Inoltre, un grave problema nel nostro paese è la mancanza di una cultura di visite preventive regolari dal medico. Di conseguenza, i sintomi che sono già caratteristici degli stadi 3 e 4 del cancro diventano motivo di preoccupazione: tosse persistente, strisce di sangue nell'espettorato, polmonite cronica ed emaciazione.

Allo stesso tempo, nei paesi europei noti per la progressiva organizzazione dell'assistenza sanitaria - in Germania, Israele, Svezia e altri - i medici sanno da quali, a prima vista, segni non ovvi si può sospettare un cancro ai polmoni nelle prime fasi, come stabilire in modo affidabile la posizione del tumore e con l'aiuto di quali analisi e campioni per scoprire il tipo specifico di neoplasia al fine di scegliere la migliore combinazione di metodi di trattamento.

Quando vengono raccolti i dati necessari sulla malattia, il medico decide sulle tattiche di lotta contro il cancro. È un errore pensare che la chirurgia sia l'unico trattamento efficace per un tumore. Tuttavia, in alcune situazioni, gli oncologi preferiscono la chemioterapia, la radioterapia o le ultime tecnologie che offrono l'opportunità di ridurre il volume della neoplasia, preservando al contempo il polmone.

Chirurgia

Il trattamento chirurgico viene utilizzato in situazioni in cui il tumore ha confini chiari e può essere rimosso allo stesso tempo insieme ai linfonodi più vicini. Se il cancro è nelle sue fasi iniziali, i medici decidono di rimuovere un lobo polmonare (lobectomia). Tuttavia, se gli oncologi hanno motivo di sospettare che le cellule maligne si siano diffuse più ampiamente, suggeriranno di rimuovere un segmento (diversi lobi) o l'intero polmone (polmonectomia). Non è necessario aver paura di un simile approccio: la pratica clinica mostra che i pazienti sono in grado di vivere una vita attiva a tutti gli effetti con un solo polmone. In alcuni casi, quando non vi è alcuna speranza di una completa guarigione, i chirurghi eseguono un'operazione volta a ridurre il volume del tumore e rimuovere le metastasi dagli organi vitali..

Chemioterapia

Alcuni tipi di tumore polmonare, come il carcinoma a piccole cellule, crescono così rapidamente che tentare di rimuoverlo con un bisturi è quasi sempre destinato al fallimento. La chemioterapia viene in soccorso: il trattamento dei tumori con farmaci che sono distruttivi per le cellule maligne (purtroppo, spesso per quelle sane). In alcuni casi, questo metodo è l'unico che può aiutare il paziente. In altri, la chemioterapia è combinata con la chirurgia, consentendo di ridurre la quantità di chirurgia ed escludere la ricorrenza.

La soluzione ottimale è una selezione individuale di farmaci, tenendo conto delle caratteristiche del decorso della malattia, che è possibile solo dopo l'analisi genetica delle cellule tumorali estratte durante una biopsia.

Le medicine sono prescritte in cicli, a intervalli di diverse settimane (questo è necessario per consentire al corpo di riprendersi dagli effetti collaterali). Alla fine della terapia, il paziente viene sottoposto a tomografia per monitorare come il tumore cambia sotto l'influenza della chemioterapia.

Radioterapia

La radioterapia si basa sull'effetto distruttivo delle radiazioni sulle cellule viventi che sono soggette a una rapida divisione. Se una persona ha il cancro, allora il tumore sarà il primo a soffrire di radiazioni. I medici utilizzano macchine che dirigono un raggio di raggi X focalizzato nell'area in cui si trova il tumore. In questo caso, i tessuti sani soffrono solo leggermente, specialmente se le radiazioni vengono "erogate" direttamente al polmone con una sonda introdotta nel corpo attraverso il tratto respiratorio superiore. Per alcuni tumori e con controindicazioni all'intervento chirurgico, la radioterapia diventa l'unico trattamento. È anche prescritto per distruggere o ridurre le metastasi nei linfonodi e in altri organi..

Tecnologia ad arco rapido

La combinazione di questo metodo con la radioterapia classica aumenta significativamente l'efficacia di quest'ultima direttamente sulle cellule tumorali, riducendo al minimo gli effetti dannosi delle radiazioni sui tessuti sani. L'approccio consente di accelerare la sessione di radioterapia di 5 volte.

Terapia fotodinamica

Questo metodo è apparso nell'arsenale di oncologi relativamente di recente. La terapia fotodinamica è una sessione di esposizione a fasci di luce di una certa lunghezza su un tumore, che è pretrattata con un farmaco speciale (agente fotosensibilizzante) che aumenta la sensibilità delle cellule maligne a tale effetto. Sotto l'influenza dei raggi, la neoplasia diminuisce di dimensioni e l'effetto del decorso dura per diversi mesi. La terapia fotodinamica può essere utilizzata come metodo aggiuntivo per il trattamento del carcinoma polmonare, migliorando la prognosi del recupero e come principale tattica terapeutica, per alleviare i sintomi della malattia in uno stadio irreversibile..

Approcci terapeutici avanzati

Se il tuo medico offre trattamenti di cui non hai mai sentito parlare, non dovresti pensare che finirai nel ruolo di "sperimentale". Non stiamo necessariamente parlando dell'uso di alcuni farmaci stravaganti o di dispositivi inventati di recente. Questo gruppo include anche metodi comprovati, che sono stati menzionati sopra, ma con modifiche al modo in cui vengono utilizzati. Ad esempio, molte cliniche moderne offrono ai pazienti di sperimentare il Cyber ​​Knife, un dispositivo per radioterapia focalizzata che cauterizza letteralmente il tumore, senza incisioni e anestesia. Un altro esempio è l'uso degli ultimi farmaci chemioterapici che bloccano la crescita dei vasi sanguigni attorno alla neoplasia, interrompendone la nutrizione. Di conseguenza, aumentano le possibilità di una vittoria positiva sul cancro..

Nonostante i risultati incoraggianti della ricerca, i medici non possono ancora garantire il risultato in una determinata situazione clinica: il cancro del polmone è un nemico insidioso e paziente che a volte reagisce in modo imprevedibile al trattamento. Tuttavia, sia il paziente che la sua famiglia devono fare tutto il possibile per non dare una possibilità al tumore. L'atteggiamento psicologico del paziente gioca un ruolo importante nella prognosi: anni felici di vita senza cancro saranno la ricompensa per dedizione, pazienza e ottimismo..

In quale paese puoi andare per il trattamento del cancro del polmone?

La diagnosi di "cancro" non può che immergersi nello shock, ma non si dovrebbe perdere tempo a decidere ulteriori azioni. Sfortunatamente, il cancro al polmone si sta sviluppando molto rapidamente e non è sempre possibile ricevere cure oncologiche in modo tempestivo nelle cliniche domestiche. Di norma, la ragione di ciò è la mancanza di medici e, di conseguenza, lunghe code, per non parlare del fatto che non tutte le istituzioni mediche sono dotate delle attrezzature moderne necessarie. Pertanto, ha senso contattare una clinica straniera per chiarire la diagnosi e il successivo trattamento. Una delle destinazioni più popolari in questo caso è Israele. Le cure mediche qui sono sotto il pieno controllo dello stato, inoltre le cliniche utilizzano attrezzature avanzate per la diagnosi e il trattamento dei tumori. Pertanto, anche in caso di diagnosi tardiva del cancro, la prognosi della guarigione è generalmente più ottimista rispetto alla Russia..

Tra i centri medici in Israele, Top Ichilov merita attenzione. La clinica offre non solo un alto livello di servizi e servizi medici, ma anche il pieno supporto del paziente in diverse fasi. Prima dell'arrivo del paziente, i rappresentanti della clinica elaboreranno un programma medico che descrive tutte le possibili procedure diagnostiche e terapeutiche. Le code per le consultazioni con i professori e per la diagnostica saranno programmate anche prima dell'arrivo del paziente. I rappresentanti della clinica aiuteranno anche a risolvere i problemi organizzativi: dall'acquisto dei biglietti e dalla prenotazione degli hotel all'organizzazione di escursioni nel tempo libero. Grazie al lavoro organizzato dello staff, la clinica riesce a risparmiare tempo e denaro per i pazienti e rendere il soggiorno nel centro medico il più confortevole possibile.

Tumore ai polmoni

Il cancro del polmone è una malattia accompagnata dallo sviluppo di un tumore maligno nei polmoni.

Il carcinoma polmonare, i cui sintomi possono essere assenti per lungo tempo, per lo più si verifica a causa del fumo, e la sua individuazione, proprio a causa dell'assenza di sintomi, senza metodi preventivi di ricerca nell'area in questione, spesso si verifica già nelle fasi gravi del processo.

Per abbinare il mondo e le statistiche russe delle malattie oncologiche: il 12% dei pazienti russi con patologie oncologiche soffre di cancro ai polmoni. Tra i casi letali dovuti a tumori maligni, il cancro ai polmoni in Russia rappresenta il 15 percento dei casi. La situazione, secondo gli esperti, è vicina alla critica. È inoltre necessario evidenziare il fatto che il cancro al polmone è più una patologia maschile. Tra tutte le neoplasie maligne negli uomini, il cancro del polmone rappresenta uno su quattro casi, mentre nelle donne solo uno su dodici.

Cause e fattori di rischio

Il fumo è considerato il principale fattore affidabile per lo sviluppo del carcinoma polmonare. Negli ultimi anni, una grande quantità di ricerca è stata condotta in questa direzione. Ora non c'è bisogno di dubitare: circa l'88% dei casi è in un modo o nell'altro associato al fumo di tabacco.

Qual è il segreto? Nell'effetto cancerogeno del fumo, che è dovuto alla presenza di idrocarbonati policiclici aromatici (prodotti di combustione del tabacco) nel fumo. Inoltre, il fumo di tabacco contiene ulteriori agenti cancerogeni, che includono derivati ​​della nicotina come le nitrosammine.

Il fumo aumenta il rischio di cancro ai polmoni 12 volte nelle donne e 22 volte negli uomini, secondo i dati recentemente pubblicati dall'OMS..

È impossibile non parlare del fumo passivo. Gli scienziati americani hanno scoperto che le persone che sono in frequente contatto con un fumatore sviluppano il cancro il 32% più spesso. È stata inoltre trovata una relazione diretta tra l'insorgenza del cancro del polmone e l'aumento del numero di sigarette fumate al giorno (2 confezioni = 25 volte un aumento del rischio) e la durata del fumo. Si osserva una relazione inversa con la qualità del tabacco.

Tuttavia, non solo il fumo di tabacco è cancerogeno. Oggi è stato dimostrato che sostanze come arsenico, berillio, amianto, idrocarburi, cromo e nichel sono anche in grado di provocare la crescita delle cellule tumorali. Non dimenticare le radiazioni. Questi sono gli agenti cancerogeni più comuni, ma in realtà ce ne sono molti altri... E molti di loro non sono ancora stati completamente studiati.

Pertanto, i 4 fattori più importanti possono essere identificati:

  • fumatori;
  • Predisposizione genetica;
  • Fattori ambientali e condizioni di lavoro;
  • Malattia polmonare cronica.

Tipi di cancro

  1. Carcinoma polmonare a piccole cellule - si verifica nel 20% dei casi, ha un decorso aggressivo. È caratterizzato da una rapida progressione e metastasi, diffusione precoce (diffusione) delle metastasi ai linfonodi del mediastino.
  2. Carcinoma polmonare non a piccole cellule:
    • L'adenocarcinoma - osservato nel 50% dei casi, si diffonde dal tessuto ghiandolare dei bronchi, più spesso nelle fasi iniziali procede senza sintomi. Caratterizzato da abbondante produzione di espettorato.
    • Il carcinoma a cellule squamose si verifica nel 20-30% dei casi, si forma da cellule piatte nell'epitelio di bronchi piccoli e grandi, nella radice dei polmoni, cresce e metastatizza lentamente.
    • Il cancro indifferenziato è caratterizzato da un'elevata atipicità delle cellule tumorali.
  3. Altri tipi di cancro:
    • i carcinoidi bronchiali sono formati da cellule che producono ormoni (asintomatici, difficili da diagnosticare, a lenta crescita).
    • tumori dai tessuti circostanti (vasi, muscoli lisci, cellule immunitarie, ecc.).
    • metastasi da tumori localizzati in altri organi.

Carcinoma polmonare a piccole cellule

Ha ricevuto questo nome a causa della forma delle cellule, è anche chiamato tumore polmonare neuroendocrino. Si riferisce alle forme più aggressive di cancro ai polmoni. Si verifica principalmente nei fumatori di sesso maschile di età superiore ai 40 anni. Il tasso di rilevazione di questa malattia non supera il 25% di tutti i tipi istologici di cancro.

Caratteristiche biologiche del carcinoma a piccole cellule:

  • di piccole dimensioni (solo due volte più grande di un linfocita - cellule del sangue);
  • malignità;
  • crescita rapida, raddoppio attivo del volume entro 30 giorni, per confronto in altre forme di cancro - più di 100 giorni;
  • sensibilità dei recettori delle cellule tumorali alla chemioterapia e alla radioterapia.

Esistono diversi tipi di carcinoma a piccole cellule:

  • fiocchi d'avena;
  • intermedio;
  • combinato.

Le neoplasie a piccole cellule sono in grado di produrre determinati ormoni (ACTH, antidiuretici, somatotropici).

I sintomi clinici del carcinoma a piccole cellule non differiscono sostanzialmente dalle altre forme di carcinoma polmonare, con l'eccezione che la patogenesi si sta sviluppando rapidamente e le manifestazioni visibili al ricercatore sono scarse.

Carcinoma polmonare non a piccole cellule

Questo gruppo di malattie oncologiche differisce dalle piccole cellule nelle caratteristiche istologiche. Manifestato clinicamente:

  • aumento della fatica;
  • sindrome polmonare (respiro corto, tosse, emottisi);
  • perdita di peso progressiva.

Include circa l'80% di tutti i pazienti con malattie maligne.

Esistono tre principali forme istologiche di carcinoma a piccole cellule:

  • squamose;
  • cella grande;
  • adenocarcinoma.

La malattia è caratterizzata da un decorso subclinico di patogenesi fino allo stadio 2-3. Ad esempio, circa il 30% dei pazienti riconosce la diagnosi in 3 fasi, circa il 40% - in 4 fasi.

La malattia è caratterizzata da un rapido decorso di queste ultime fasi. Entro cinque anni, solo il 15-17% dei pazienti rimane in vita.

I primi segni di cancro ai polmoni

È molto importante identificare la malattia nelle prime fasi dello sviluppo del tumore, mentre il più delle volte il decorso della malattia è asintomatico o basso sintomo.

I sintomi nel carcinoma polmonare non sono specifici, possono manifestarsi in molte altre malattie, ma un complesso di sintomi può essere una ragione per andare dal medico per un ulteriore esame della presenza di cancro.

A seconda dell'entità della lesione, della sua forma, posizione e stadio, i primi segni di cancro ai polmoni possono essere diversi. Tuttavia, ci sono una serie di sintomi generali in presenza dei quali si può sospettare:

  1. Tosse. Secco, frequente, hacking, parossistico, successivamente - umido con abbondante scarica di espettorato denso (mucoso o purulento).
  2. Dispnea. Si manifesta con uno sforzo fisico insignificante: più il tumore è danneggiato, più il respiro corto si manifesta. Possibile mancanza di respiro per il tipo di ostruzione bronchiale, accompagnata da sibilo rumoroso.
  3. Emottisi. È raro e si manifesta nella comparsa di striature o coaguli di sangue nell'espettorato, può esserci una scarica abbondante di espettorato schiumoso o gelatinoso, in rari casi, sanguinamento abbondante, che può portare a una rapida morte del paziente.
  4. Dolore. Il dolore può essere diverso: da intermittente a acuto parossistico e costante. Il dolore può irradiarsi alla spalla, al collo e allo stomaco. Inoltre, il dolore può aumentare con la respirazione profonda, la tosse. Il dolore non viene alleviato con antidolorifici non narcotici. Dall'intensità del dolore, si può giudicare il grado di danno ai polmoni e ad altri organi del torace.
  5. Aumento della temperatura Un sintomo comune di cancro. Può essere un sintomo temporaneo (come con l'ARVI) o ricorrente (a volte i pazienti non prestano attenzione a questo sintomo).
  6. Sintomi generali. Diminuzione dell'appetito, perdita di peso, affaticamento, disturbi del sistema nervoso e altri.

Sintomi del cancro del polmone

Le manifestazioni cliniche del carcinoma polmonare dipendono in modo significativo dalla localizzazione del nodo tumorale primario..

Carcinoma polmonare centrale

Un tumore originato dalla mucosa di un grande bronco si manifesta abbastanza presto. Con la sua crescita, irrita la mucosa del bronco, provoca una violazione della pervietà bronchiale e la ventilazione di un segmento, del lobo o dell'intero polmone sotto forma di ipoventilazione e atelettasia. In futuro, germinando i tronchi nervosi e la pleura, il tumore provoca la sindrome del dolore e una violazione dell'innervazione del nervo corrispondente (frenico, ricorrente o vago), nonché un'immagine del coinvolgimento della pleura nel processo tumorale. Le metastasi associate portano alla comparsa di sintomi secondari dagli organi e dai sistemi interessati.

Quando il tumore cresce nei bronchi, appare una tosse, inizialmente secca, quindi con espettorato leggero, a volte mescolato con sangue. C'è ipoventilazione del segmento polmonare e quindi delle sue atelettasia. Il catarro diventa purulento, accompagnato da un aumento della temperatura corporea, malessere generale, mancanza di respiro. La polmonite da cancro si unisce, che è relativamente facile da curare, ma spesso ricorre. La polmonite da cancro può essere associata a pleurite cancerosa, accompagnata da dolore..

Se il tumore invade il nervo ricorrente, viene aggiunta raucedine a causa della paralisi dei muscoli vocali. Il danno al nervo frenico provoca la paralisi del diaframma. La germinazione del pericardio si manifesta con dolore al cuore.

La sconfitta del tumore o delle sue metastasi della vena cava superiore provoca una violazione del deflusso di sangue e linfa dalla metà superiore del corpo, degli arti superiori, della testa e del collo. Il viso del paziente diventa gonfio, con una tonalità cianotica, vene nel collo, braccia, rigonfiamento del torace.

Carcinoma polmonare periferico

Nella fase iniziale, un tumore periferico è asintomatico a causa dell'assenza di terminazioni dolorose nel tessuto polmonare. In futuro, il nodo tumorale aumenta, crescono i bronchi, la pleura e gli organi vicini; successivamente, possono verificarsi disintegrazione e sanguinamento al centro del tumore.

Con il carcinoma polmonare si possono osservare i seguenti sintomi locali: tosse, scarico di sangue con espettorato, raucedine, una sindrome di compressione da un tumore della vena cava superiore e spostamento del mediastino, sintomi di invasione del tumore degli organi vicini. Un quadro clinico particolarmente caratteristico, dovuto alla localizzazione, si manifesta con il cancro dell'apice del polmone con sindrome di Pancost.

Con la pleurite cancerosa, si unisce la sindrome di compressione del polmone con essudato.

I sintomi comuni includono un generale deterioramento delle condizioni del corpo, caratteristica dello sviluppo di tumori maligni: intossicazione, mancanza di respiro, debolezza, perdita di peso e febbre. Per il carcinoma polmonare, vengono anche aggiunti disturbi del metabolismo del calcio, dermatiti e deformità delle dita come "bacchette".

Nelle fasi avanzate, si uniscono i sintomi delle lesioni metastatiche degli organi vitali, nonché i processi di disintegrazione del tumore e del tessuto polmonare, l'ostruzione bronchiale, l'atelettasia e la grave emorragia polmonare che unisce la crescita del tumore.

fasi

Di fronte al cancro del polmone, molti non sanno come mettere in scena la malattia. In oncologia, quando si valuta la natura e il grado della malattia del cancro del polmone, vengono classificate 4 fasi dello sviluppo della malattia.

Tuttavia, la durata di ogni fase è altamente individuale per ciascun paziente. Dipende dalle dimensioni della neoplasia e dalla presenza di metastasi, nonché dalla frequenza della malattia..

  • Stadio 1: il tumore è inferiore a 3 cm e si trova all'interno dei confini del segmento polmonare o di un bronco. Non ci sono metastasi. I sintomi sono difficili da vedere o nessuno.
  • 2 - tumore fino a 6 cm, situato all'interno dei confini del segmento del polmone o dei bronchi. Metastasi singole nei singoli linfonodi. I sintomi sono più pronunciati, compaiono emottisi, dolore, debolezza, perdita di appetito.
  • 3 - il tumore supera i 6 cm, penetra in altre parti del polmone o nei bronchi vicini. Numerose metastasi. Sangue nell'espettorato mucopurulento, mancanza di respiro viene aggiunta ai sintomi.

Come si manifestano gli ultimi 4 stadi del carcinoma polmonare??

In questa fase del tumore polmonare, il tumore si metastatizza in altri organi. La sopravvivenza oltre i cinque anni è dell'1% per i tumori a piccole cellule e dal 2 al 15% per i tumori a piccole cellule

Il paziente sviluppa i seguenti sintomi:

  • Dolore costante durante la respirazione, con cui è difficile convivere.
  • Dolore al petto
  • Diminuzione del peso corporeo e dell'appetito
  • Coaguli di sangue lentamente, spesso fratture (metastasi ossee).
  • Insorgenza di gravi attacchi di tosse, spesso con produzione di espettorato, a volte con sangue e pus.
  • La comparsa di un forte dolore al petto, che parla direttamente di danni ai tessuti vicini, poiché non vi sono recettori del dolore nei polmoni stessi.
  • I sintomi del cancro comprendono anche la respirazione pesante e la mancanza di respiro, se i linfonodi cervicali sono interessati, si sente la difficoltà del linguaggio.

Per il carcinoma polmonare a piccole cellule, che si sviluppa rapidamente e colpisce il corpo in breve tempo, sono caratteristici solo 2 stadi di sviluppo:

  • stadio limitato, quando le cellule tumorali sono localizzate in un polmone e nei tessuti situati nelle immediate vicinanze.
  • uno stadio esteso o esteso, quando il tumore si metastatizza in un'area esterna al polmone e in organi distanti.

Diagnostica

Il carcinoma polmonare viene diagnosticato in più fasi. Se vengono rilevati cambiamenti patologici alla fluorografia o alla radiografia degli organi toracici (messa a fuoco, compattazione, diminuzione del volume polmonare, aumento del modello polmonare, ecc.), Le immagini vengono prescritte in proiezioni aggiuntive con ingrandimento multiplo in diverse fasi del ciclo respiratorio.

Il paziente viene sottoposto a tomografia computerizzata per chiarire la presenza di metastasi e le condizioni dei linfonodi.

La broncoscopia è un metodo di indagine efficace, ma non per tutti i tipi di tumori. Quindi, è assolutamente inutile per rilevare il cancro periferico..

Se necessario, viene eseguito un esame broncologico endoscopico e, in caso di tumore periferico, la diagnosi può essere chiarita utilizzando una biopsia mirata transtoracica (attraverso il torace) sotto controllo radiografico.

Se tutti questi metodi non consentono di fare una diagnosi, ricorrono alla toracotomia (aprire il torace). In questo caso, viene eseguito un esame istologico urgente e, se necessario, il focus della crescita tumorale viene immediatamente rimosso. Quindi, la procedura diagnostica va immediatamente nel trattamento chirurgico della malattia..

Trattamento

I trattamenti standard per il carcinoma polmonare sono:

  • rimozione chirurgica del tumore;
  • chemioterapia - somministrazione endovenosa di sostanze chimiche che sopprimono la crescita delle cellule tumorali.
  • radioterapia - esposizione di cellule alterate a tipi duri di radiazioni.

Applicare quanto sopra come metodo singolo o in combinazione. Alcune forme, come il carcinoma a piccole cellule, non rispondono all'intervento ma sono sensibili alla chemioterapia.

Chemioterapia

Le tattiche della chemioterapia di massa sono determinate dalla forma della malattia e dallo stadio della carcinogenesi.

I citostatici comuni sono farmaci farmacologici che hanno la capacità di sopprimere la crescita delle cellule tumorali: Cisplatino, Etoposide, Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina, Nimustin, Paclitaxel, Carboplatino, Irinotecan, Gemcitabina. Questi farmaci vengono utilizzati prima dell'intervento chirurgico per ridurre le dimensioni del tumore. In alcuni casi, il metodo ha un buon effetto curativo. Gli effetti collaterali dopo l'uso dei citostatici sono reversibili.

Recentemente introdotto nell'uso pratico:

  • trattamenti ormonali;
  • metodi immunologici (citochinetici) per combattere il cancro ai polmoni.

Il loro uso limitato è associato alla complessità della correzione ormonale di alcune forme di cancro. L'immunoterapia e la terapia mirata non combattono efficacemente il cancro in un corpo con immunità distrutta.

Conseguenze della chemioterapia

Gli effetti collaterali possono includere nausea, vomito o diarrea e perdita di capelli. Inoltre, tutti i problemi accompagnano le piaghe sulla mucosa orale, c'è una sensazione di maggiore affaticamento. Inoltre, la funzione ematopoietica del midollo osseo soffre, i leucociti e l'emoglobina diminuiscono e vari tipi di infezioni possono unirsi.

Esistono farmaci che minimizzano gli effetti collaterali, possono prevenire tutto, inclusa la nausea. Prima di usare i farmaci chemioterapici, è meglio raffreddare le radici dei capelli, questo effetto li influenza più che favorevolmente. Dopo che i farmaci sono stati interrotti, i capelli ricrescono e crescono a un ritmo ancora più veloce di prima..

Come terapia adiuvante nel trattamento del carcinoma polmonare ASD, che è un farmaco di origine naturale. Solo ora, prima di usare questo farmaco, una consultazione specialistica non sarà superflua, perché, come qualsiasi altro farmaco, ha le sue controindicazioni. L'ASD 2 stesso per il trattamento del carcinoma polmonare viene utilizzato internamente, ma è anche possibile l'uso locale.

Trattamenti promettenti per il cancro ai polmoni

Radioterapia

  • Esposizione controllata alle radiazioni visive a una cellula cancerosa o tecnologia (IGRT). Consiste nell'irradiare la cellula danneggiata, la sua correzione istantanea dopo una sufficiente esposizione e il trasferimento del carico nell'area adiacente del tessuto danneggiato.
  • Esposizione alle radiazioni da contatto o tecnologia di brachiterapia. Consiste nella consegna di sostanze speciali ai tessuti tumorali che aumentano l'effetto di targeting sulle cellule danneggiate.
  • Tecnologia a coltello intelligente. Il principio risiede nell'effetto perfettamente accurato del coltello cibernetico sull'accumulo di cellule danneggiate.

Chemioterapia moderna

  • Marcatura delle cellule tumorali (tecnologia PDT) con sostanze che aumentano la sensibilità all'esposizione laser esterna ed eliminano i danni ai tessuti sani.

Il principale svantaggio delle nuove tecnologie è che influenzano la patogenesi sviluppata, ma non prevengono le mutazioni patologiche.

operazione

Il trattamento chirurgico per il cancro ai polmoni può essere l'ultima goccia che un uomo che sta annegando può afferrare. Ma è possibile rimuovere il tumore con un intervento chirurgico, di solito nelle fasi 1 e 2 in NSCLC.

Inoltre, la chirurgia polmonare per il cancro viene eseguita in base ai fattori di prognosi della malattia, che tengono conto dello stadio della malattia, secondo la classificazione internazionale TNM, a seconda della struttura cellulare del tumore e del grado della sua trasformazione maligna, della patologia concomitante e degli indicatori di organi e sistemi di supporto alla vita. Può sorgere una domanda naturale se il cancro del polmone viene trattato con un intervento chirurgico? Si può rispondere in modo inequivocabile, sì, solo in combinazione con altri metodi che si completano a vicenda.

Vale la pena notare che se la posizione anatomica del tumore può essere rimossa completamente, l'operazione non è sempre possibile a causa della salute del paziente. Nella SCLC, la chirurgia è meno frequente che nella NSCLC, poiché i tumori a piccole cellule si trovano raramente nella stessa area.

La scelta dell'intervento dipende dalle dimensioni e dalla posizione del tumore.

Esistono diversi tipi di intervento chirurgico, i chirurghi aprono il torace ed eseguono:

  • resezione del cuneo del polmone (viene rimossa una parte di un lobo del polmone);
  • lobectomia - rimozione di un lobo del polmone;
  • polmonectomia - rimozione del polmone completamente;
  • linfoadenectomia - rimozione dei linfonodi.

La rimozione di un polmone con il cancro è una procedura piuttosto complicata e riverente e le conseguenze possono essere le più imprevedibili. Quando si esegue un intervento chirurgico, è necessario utilizzare l'anestesia generale, il ricovero in ospedale del paziente e l'osservazione dinamica per diverse settimane o addirittura mesi. Dopo l'intervento chirurgico, possono verificarsi problemi respiratori, respiro corto e debolezza. I rischi di un intervento chirurgico comprendono complicanze come sanguinamento, infezione e complicanze da anestesia generale.

Se una persona soffre di una forma rispettabile di carcinoma polmonare non a piccole cellule, di solito è da 1 a 3, nel qual caso il bisturi del chirurgo è il metodo di scelta. È importante solo prendere in considerazione tutte le controindicazioni all'intervento chirurgico..

Prevenzione

La prevenzione del cancro del polmone include le seguenti linee guida:

  • Smettere di cattive abitudini, principalmente fumare;
  • Rispetto di uno stile di vita sano: corretta alimentazione ricca di vitamine e attività fisica quotidiana, passeggiate all'aria aperta.
  • Trattare tempestivamente le malattie bronchiali in modo che non vi sia transizione verso una forma cronica.
  • Ventilazione dei locali, pulizia giornaliera bagnata dell'appartamento;
  • Il contatto con sostanze chimiche nocive e metalli pesanti dovrebbe essere ridotto al minimo. Durante il lavoro, assicurarsi di utilizzare dispositivi di protezione: respiratori, maschere.

Se hai sintomi descritti in questo articolo, assicurati di consultare il medico per una diagnosi accurata..

Previsioni per la vita

In caso di carcinoma polmonare non trattato, l'87% dei pazienti muore entro 2 anni dalla data della diagnosi.

Quando si utilizza il metodo chirurgico, è possibile raggiungere un tasso di sopravvivenza del 30% dei pazienti entro 5 anni. La diagnosi precoce di un tumore aumenta le possibilità di una cura: nella fase T1N0M0, raggiunge l'80%. L'implementazione congiunta del trattamento chirurgico, radiologico e farmacologico può aumentare il tasso di sopravvivenza a 5 anni di un altro 40%.

La presenza di metastasi peggiora significativamente la prognosi.

Igor

Ciao! Forse qualcuno conosce un bravo oncologo nologista di pulma. Per più di un anno sono stato trattato per raffreddore, bronchite, polmonite - dalla diagnosi alla diagnosi - dalla scorsa estate, atelettasia nel lobo inferiore del polmone destro, un graduale aumento dei "filamenti" sottili circondati da focolai molto piccoli. Sono già comparsi dolori intensi, ma mi mettono ancora "polmonite criptogenetica auto-organizzante". Voglio davvero ottenere la diagnosi corretta. Potrebbe non essere troppo tardi per estenderlo, o almeno rendere la vita più facile.

Come identificare e trattare i tumori polmonari benigni

Un tumore benigno nei polmoni è una neoplasia patologica che si verifica a causa di una violazione della divisione cellulare. Lo sviluppo del processo è accompagnato da un cambiamento qualitativo nella struttura dell'organo nell'area interessata.

Soddisfare

La crescita di tumori benigni è accompagnata da sintomi caratteristici di molte patologie polmonari. Il trattamento di tali neoplasie comporta la rimozione dei tessuti problematici..

Che cos'è un tumore benigno

I tumori benigni (blastomi) dei polmoni acquisiscono una forma ovale (arrotondata) o nodulare man mano che crescono. Tali neoplasie sono costituite da elementi che hanno preservato la struttura e la funzione delle cellule sane..

I tumori benigni non sono inclini alla degenerazione in cancro. Con la proliferazione dei tessuti, le cellule vicine si atrofizzano gradualmente, a seguito delle quali si forma una capsula del tessuto connettivo attorno al blastoma.

Le neoplasie polmonari di natura benigna sono diagnosticate nel 7-10% dei pazienti con patologie oncologiche localizzate in questo organo. I tumori sono più spesso rilevati nelle persone di età inferiore ai 35 anni.

Le neoplasie polmonari hanno uno sviluppo lento. A volte il processo del tumore va oltre l'organo interessato.

Le ragioni

Non sono state stabilite le ragioni per la comparsa di neoplasie che germinano dal tessuto polmonare. I ricercatori suggeriscono che la predisposizione genetica o le mutazioni genetiche possono provocare una proliferazione anomala dei tessuti..

Inoltre, i fattori causali includono l'esposizione prolungata alle tossine (incluso il fumo di sigaretta), patologie prolungate dell'apparato respiratorio, radiazioni.

Classificazione

I blastomi, a seconda dell'area di germinazione, sono divisi in centrale e periferico. Il primo tipo si sviluppa dalle cellule bronchiali che compongono le pareti interne. Le neoplasie centrali possono crescere in strutture vicine.

Su questo argomento

10 modi migliori per diagnosticare la sarcoidosi

  • Natalia Gennadievna Butsyk
  • 27 maggio 2019.

Le neoplasie periferiche sono formate da cellule che compongono i piccoli bronchi distali o frammenti separati dei polmoni. Questo tipo di tumore è tra i più comuni. Le formazioni periferiche crescono da cellule che compongono lo strato superficiale del polmone o penetrano in profondità nell'organo.

A seconda della direzione in cui si diffonde il processo patologico, si distinguono i seguenti tipi di tumori:

  1. Endobronchiale. Crescere all'interno del bronco, restringendo il lume di quest'ultimo.
  2. Extrabronchiali. Germoglio verso l'esterno.
  3. Intramurale. Germina all'interno dei bronchi.

A seconda della struttura istologica, le neoplasie polmonari sono classificate in:

  1. Mesoderma. Questo gruppo comprende lipomi e fibromi. Quest'ultimo germina dal tessuto connettivo e quindi ha una struttura densa.
  2. Epiteliale. Tumori di questo tipo (adenomi, papillomi) si verificano in circa il 50% dei pazienti. Le formazioni più spesso germogliano dalle cellule superficiali, localizzandosi al centro dell'organo problematico.
  3. Neuroectodermico. Neurofibromi e neurinomi crescono dalle cellule di Schwann, che si trovano nella guaina mielinica. I blastomi neuroectodermici raggiungono dimensioni relativamente piccole. La formazione di tumori di questo tipo è accompagnata da gravi sintomi..
  4. Dysembryogenetic. Teratomi e amartomi sono tumori congeniti. I blastomi disembriogenetici sono formati da cellule adipose ed elementi di cartilagine. All'interno di amartomi e teratomi si trovano vasi sanguigni e linfatici, fibre muscolari lisce. La dimensione massima è di 10-12 cm.

Citazione. I tumori più comuni sono adenomi e amartomi. Tali formazioni si verificano nel 70% dei pazienti..

adenoma

Gli adenomi sono proliferazione benigna delle cellule epiteliali. Neoplasie simili si sviluppano sulla mucosa bronchiale. Le neoplasie sono di dimensioni relativamente piccole (fino a 3 cm di diametro). Nell'80-90% dei pazienti, questo tipo di tumore è situato in posizione centrale.

A causa della localizzazione del processo tumorale, man mano che quest'ultimo progredisce, la pervietà bronchiale è compromessa. Lo sviluppo dell'adenoma è accompagnato da atrofia dei tessuti locali. Meno comunemente, ci sono ulcere nell'area del problema.

L'adenoma è classificato in 4 tipi, di cui il carcinoide viene rilevato più spesso di altri (diagnosticato nell'81-86% dei pazienti). A differenza di altri blastomi benigni, questi tumori sono inclini alla degenerazione in cancro..

Fibroma

I fibromi, la cui dimensione non supera i 3 cm di diametro, sono costituiti da strutture del tessuto connettivo. Tali formazioni vengono diagnosticate nel 7,5% dei pazienti con malattie oncologiche nei polmoni..

Primi sintomi e trattamento del cancro ai polmoni

Che cos'è il cancro ai polmoni, com'è, quali sono i suoi sintomi e segni? Questa pubblicazione fornisce informazioni estese su questo tipo di malattia, la portata della sua prevalenza e le conseguenze dello sviluppo. Il cancro al polmone è un gruppo di formazioni nei polmoni con un'eziologia maligna. Questo tumore cresce da varie parti del tessuto epiteliale dei bronchi, è caratterizzato da una rapida crescita, precoci e numerose metastasi.

Quali sono le cause della malattia?

Perché questa malattia? Il rischio di sviluppare un carcinoma polmonare dipende da vari fattori che contribuiscono, tra cui i seguenti: il luogo in cui vive una persona, le condizioni ambientali e industriali, le caratteristiche di genere ed età, la predisposizione ereditaria e un numero di altri..

Secondo dati statici, il primo e più comune fattore di influenza è il contenuto di aria che una persona inala - permanenza costante nella polvere, specialmente quando si lavora con amianto, arsenico, bismuto e varie resine. Quando si fuma una sigaretta, il fumo di nicotina rilascia tutte le sostanze sopra menzionate più l'ammoniaca, che, entrando nel tratto respiratorio, provoca il restringimento dei bronchi e dei vasi sanguigni, asciuga le loro mucose e danneggia significativamente l'intero lavoro degli organi respiratori.

Per riferimento: le sigarette sono uno dei più importanti agenti causali del cancro del polmone. Le persone che hanno fumato in media una ventina di sigarette al giorno per venti anni sono a maggior rischio di sviluppare il cancro ai polmoni. Il catrame contenuto nel fumo di tabacco contiene sostanze che provocano lo sviluppo dell'oncologia nell'uomo e negli animali. Gli studi di prova condotti sui conigli hanno dimostrato che se si applica una certa quantità di catrame all'orecchio, dopo un po 'iniziano a crescere un tumore..

I principali fattori di rischio per la malattia includono anche precedenti infezioni virali acute, processi cronici nel sistema respiratorio e focolai infiammatori non trattati nei tessuti polmonari. Secondo le statistiche, alcune persone sono geneticamente predisposte a processi tumorali nei polmoni..

Cliniche leader in Israele

Inoltre, le condizioni di vita influenzano il tasso di incidenza - ad esempio, i residenti di megalopoli si trovano ad affrontare il cancro del polmone molte volte più spesso delle persone che vivono nelle aree rurali, poiché ad alte temperature nelle condizioni urbane, l'asfalto si riscalda e inizia a rilasciare formaldeide e altri elementi dannosi. e la più forte radiazione elettromagnetica provoca immunodeficienza.

È degno di nota: i rappresentanti del sesso maschile devono affrontare un tumore polmonare 2 volte più spesso delle donne. Ciò è spiegato dal fatto che sono gli uomini ad essere maggiormente impiegati nella produzione con condizioni di lavoro dannose ed è la parte maschile del pianeta ad essere fumatori attivi. Questa malattia viene diagnosticata principalmente negli adulti e molto meno spesso nei bambini e negli adolescenti..

Classificazione

Sulla base della localizzazione del tumore polmonare, vengono utilizzati i seguenti tipi.

  • Carcinoma polmonare centrale. Con questo tipo di neoplasia, si verifica un danno permanente ai grandi bronchi. Di solito, la formazione si sviluppa all'interno del bronco o lungo la sua parete, il che provoca un restringimento di questo organo e la sovrapposizione del lume. A causa del fatto che una certa parte del polmone è privata dell'aria e si verifica il suo declino, la cosiddetta atelettasia. Con l'ulteriore progressione di questo processo, inizia l'infiammazione secondaria, che porta, già nelle ultime fasi del decorso della malattia, alla distruzione del tessuto polmonare. A sua volta, la formazione che si espande oltre le pareti dei bronchi ha un effetto dannoso sui tessuti e sui linfonodi vicini, formando una fitta giunzione di tessuti. La sopravvivenza nel carcinoma centrale dipende dalla diagnosi tempestiva della malattia;
  • Tumore polmonare periferico. In questo caso, si osserva un danno ai piccoli bronchi, la formazione cresce all'esterno e riempie l'alveolo polmonare (una depressione che partecipa al processo di respirazione e svolge scambio di gas con i capillari dei polmoni) o forma nodi molto allargati. Il pericolo di questo tipo di tumore è che per lungo tempo (da due a cinque anni) la malattia non si fa sentire e non può essere diagnosticata. Inoltre, nelle condizioni di qualsiasi impatto negativo esterno, tale educazione inizia a crescere rapidamente e si trasforma in un grande tumore. Di solito, i fattori provocatori sono la polmonite di origine virale o batterica, la fisioterapia, l'abuso di bagni e saune in visita, l'esposizione costante alla luce solare aperta, l'immunità repressa e altri motivi;
  • Carcinoma polmonare secondario. Questo tipo di oncologia deriva dalla comparsa di metastasi nei tessuti polmonari causate dallo sviluppo di un tumore in altri organi..

Importante! I radiologi, se non seguono le regole di protezione del lavoro con le radiazioni e le macchine a raggi X, sono in una zona a rischio significativo di ammalarsi di cancro ai polmoni..

Segni precoci

Quali sintomi si possono osservare in una fase precoce del carcinoma polmonare e come riconoscerli? All'inizio del suo aspetto, l'oncologia polmonare non è associata a funzioni respiratorie, a seguito delle quali i pazienti iniziano a rivolgersi ad altri specialisti e, di conseguenza, ricevono una diagnosi errata e un trattamento errato.

Tra i segni primari di un tumore polmonare ci sono:

  • La temperatura, invariata durante il giorno, è di 37-37,2, a causa dell'intossicazione del corpo (stadio iniziale);
  • Esaurire debolezza e sudorazione;
  • Prurito alla pelle e dermatite. Molto spesso, è questo sintomo che diventa il primo sintomo di un tumore polmonare. Negli anziani, a volte compaiono piccole escrescenze sulla pelle, a causa del fatto che le cellule anormali causano un effetto allergico sul corpo del paziente;
  • Gonfiore degli arti e tono muscolare debole;
  • Cambiamenti nelle funzioni del sistema nervoso, che possono essere osservati a lungo prima della diagnosi di questa malattia. Il paziente sperimenta frequenti attacchi di vertigini, c'è una notevole violazione del coordinamento dei movimenti e della sensibilità. Nelle persone anziane viene registrato lo sviluppo della demenza;

Sintomi evidenti di danno al sistema respiratorio vengono rilevati anche quando la formazione si diffonde in una parte significativa del polmone e inizia a danneggiare i tessuti sani. Sulla base della specificità simile della diagnosi del carcinoma polmonare, gli esperti ritengono che se ci sono segni imprecisi, è necessario sottoporsi a un ciclo di consegna di test complessi e fare la fluorografia ogni anno.

Video: segni insoliti di cancro ai polmoni

Quali sono i sintomi del cancro ai polmoni?

Come si manifesta un tumore polmonare? Man mano che la malattia progredisce e le cellule tumorali crescono, il paziente inizia ad affrontare vari sintomi del cancro del polmone. Tra questi spiccano come:

  • Tosse. Inizialmente, una tosse con il cancro è secca, che peggiora di notte, ma a causa del fatto che tale tosse è la norma per la maggior parte dei fumatori, i pazienti non cercano aiuto da un medico. Successivamente, l'espettorato si unisce alla tosse, di consistenza mucosa o purulenta con un odore pronunciato;
  • Escrezione di espettorato striato di sangue (emottisi), a causa della crescita della formazione nei tessuti vascolari. Questo sintomo è il motivo più frequente per un paziente di consultare un medico;
  • Dolore acuto e grave al petto, derivante dal fatto che il tumore invade la pleura polmonare - il luogo in cui si trovano le terminazioni nervose. In questo caso, i dolori sono di solito acuti o opachi in natura, si verificano durante il processo respiratorio o lo sforzo fisico nella parte in cui è interessato il polmone;
  • Mancanza d'aria e mancanza di respiro costante (il paziente soffoca);
  • Un aumento della temperatura corporea a 37 e leggermente più alto (di solito il cancro del polmone non si verifica senza una temperatura), nell'ultima fase dello sviluppo del cancro del polmone, l'ipertermia può raggiungere i 40 gradi;
  • La comparsa di una sindrome di ipercortisolismo, accompagnata da eccesso di peso, abbondante pelosità, comparsa di strisce rosa sulla superficie della pelle. Tali manifestazioni sono dovute al fatto che alcuni tipi di cellule anormali sono in grado di produrre ormone adrenocorticotropo (ACTH), che causa questi sintomi;
  • Magrezza patologica (anoressia) e costante bisogno di vomito, disturbi del sistema nervoso. Questi sintomi sono caratteristici se la formazione inizia a produrre vasopressina (ormone antidiuretico);
  • Processi patologici del metabolismo del calcio nel corpo, manifestati dallo sviluppo di osteoporosi, vomito, letargia e problemi di vista. Questo accade nel caso della sintesi di ormoni paratiroidi;
  • Vene safene ingrandite, gonfiore del collo e delle spalle, difficoltà a deglutire:
  • Stadio 4 prima della morte - sviluppo di paralisi, paresi dei muscoli dell'articolazione della spalla, sanguinamento, febbre. Con metastasi al cervello, si verificano attacchi neurologici e morte del paziente.

Molto spesso i pazienti sono preoccupati per la domanda, i polmoni fanno male con il loro cancro? Considerando che non ci sono terminazioni nervose nei polmoni, il paziente praticamente non avverte dolore fino all'inizio del processo di metastasi e non c'è pressione sugli organi più vicini al tumore. Di solito i dolori con una tale diagnosi compaiono durante lo sforzo fisico, il processo di inalazione e hanno un carattere acuto, bruciante e pressante..

Va notato che gli esperti condividono i sintomi del tumore polmonare in base alla differenziazione di genere..

Quindi, i seguenti sono considerati segni di cancro ai polmoni nella metà maschile dell'umanità:

  • Sintomi offuscati nelle prime fasi del carcinoma polmonare;
  • Tosse a lungo termine senza un motivo particolare;
  • Raucedine delle corde vocali;
  • Mancanza di respiro costante;
  • Debolezza e affaticamento;
  • affanno;
  • Gonfiore del viso;
  • Tachicardia;
  • Difficoltà a deglutire;
  • Linfonodi ingrossati sotto le ascelle;
  • Sensazione di depressione e vertigini;
  • Dolore durante l'inalazione;
  • Mal di testa dolorante.

I sintomi del carcinoma polmonare nelle donne differiscono da quelli negli uomini per la presenza di un bisogno precoce di tossire, che all'inizio è secco e alla fine si bagna con una consistenza mucosa. Il cancro può essere sospettato se una donna ha:

  • La mancanza di respiro appare anche in condizioni di basso sforzo fisico;
  • Il peso corporeo diminuisce e l'appetito scompare;
  • Il riflesso della deglutizione peggiora;
  • I linfonodi sono ingranditi;
  • Si osserva la comparsa di striature di sangue nell'espettorato;
  • Sente brividi e febbre;
  • L'ittero si sviluppa quando il tessuto epatico è danneggiato a causa della diffusione delle metastasi.

Vuoi ottenere un preventivo per il trattamento?

* Solo a condizione che vengano ricevuti dati sulla malattia del paziente, un rappresentante della clinica sarà in grado di calcolare una stima accurata per il trattamento.

Classificazione delle fasi del carcinoma polmonare e specificità delle metastasi

Secondo la classificazione TNM, ci sono quattro fasi dei tumori polmonari. La differenziazione si basa sulla dimensione della massa iniziale (T), sulla presenza di focolai metastatici regionali (N) e sulla formazione di metastasi distanti (M).

  • Nella prima fase dello sviluppo della malattia, il tumore è di piccole dimensioni e consiste in una parte del bronco senza metastasi;
  • Nella seconda fase (2a), si osserva una singola formazione di piccole dimensioni con focolai metastatici regionali separati;
  • Allo stadio 3, il tumore cresce fuori dal polmone e ha molte metastasi;
  • Nella quarta fase, il processo blastomatoso copre la pleura polmonare, i tessuti adiacenti e ha metastasi a distanza. Il processo di metastasi nel carcinoma polmonare differisce nella sua velocità, poiché all'organo polmonare viene fornito un buon flusso sanguigno e linfatico, che assicura la rapida diffusione delle cellule tumorali ad altri organi. Le metastasi si verificano di solito nel cervello, nel fegato e nella seconda parte del polmone.

Sulla base della struttura cellulare, il carcinoma polmonare è suddiviso in:

  • Carcinoma a piccole cellule. È caratterizzato da aggressività e rapido sviluppo di metastasi. La prevalenza è del 15-20 percento dei casi;
  • Carcinoma a piccole cellule. Include tutti gli altri tipi.

Diagnosi del carcinoma polmonare

Come scoprire la presenza di oncologia nei polmoni e come può essere diagnosticata? Oggi, quasi il sessanta percento dei tumori nei polmoni può essere rilevato durante l'esame mediante fluorografia, che si consiglia di eseguire una volta ogni due anni e persino meglio una volta all'anno. Anche i modi più comuni per rilevare il cancro ai polmoni sono:

  • Metodo di radiografia. Uno dei primi modi per diagnosticare un processo oncologico nei polmoni, insieme alla fluorografia, è una radiografia del torace. Questo esame consente di identificare i focolai di patologie, la presenza di foche, i processi di deformazione dei polmoni, la gravità del modello polmonare;
  • Studio per tomografia computerizzata. Questo metodo consente di determinare la dimensione specifica della formazione, la sua posizione, la presenza di piccoli fuochi metastatici che non sono rilevabili su una radiografia, lo stato dei linfonodi nel torace. Allo stesso tempo, questo metodo esclude la formulazione di una diagnosi accurata e quindi richiede un'analisi aggiuntiva per l'istologia;
  • Esame bioptico La biopsia del tessuto tumorale sembra essere il metodo diagnostico più accurato per rilevare il carcinoma polmonare, ma non è il più sicuro. Ciò è dovuto al fatto che un tale intervento può provocare una rapida crescita dell'istruzione e aumenta il rischio che le cellule tumorali entrino nel sistema ematopoietico, causando lo sviluppo di metastasi. Sulla base di ciò, quando si decide una procedura di biopsia, è necessario prepararsi per l'eventuale rimozione della formazione;
  • Esame broncoscopico Per rilevare lo sviluppo del cancro centrale, viene utilizzato un metodo di broncoscopia o broncografia utilizzando un mezzo di contrasto. Il compito principale di tale indagine è determinare il grado di lume bronchiale e la presenza di educazione, esame per la rilevazione della tubercolosi;
  • Studio di esami del sangue per marcatori tumorali.

Metodi di trattamento

Come viene trattato il cancro del polmone? Il regime terapeutico per un tumore polmonare viene selezionato contemporaneamente da diversi medici, tra cui un oncologo, un medico di medicina generale e un radiologo. La selezione del metodo di trattamento dipenderà dallo stadio di sviluppo della malattia, dalla struttura della formazione, dal processo di metastasi e dalle condizioni del paziente..

Oggi, le varietà di metodi per il trattamento del carcinoma polmonare comprendono metodi come: radioterapia, chirurgia, una combinazione di radiazioni e rimozione chirurgica del tumore, chemioterapia e una serie completa di trattamenti. Se in un paziente viene trovato un carcinoma del tipo a piccole cellule, la scelta viene presa a favore della radioterapia e della terapia chimica..

Se il tumore ha altre forme, gli specialisti ricorrono all'intervento chirurgico in combinazione con il trattamento del fascio.

Nella quarta fase, la terapia chimica viene utilizzata come mezzo per mantenere la qualità della vita del paziente..

La rimozione del tumore è impossibile per i pazienti gravemente malati, in caso di crescita della formazione nella pleura polmonare e nella parete toracica, quando inizia il processo di metastasi nella regione mediastinica e in altri casi.

Sfortunatamente, i metodi efficaci per il trattamento del cancro del polmone in Israele non raggiungeranno molto presto la CSI. Ad esempio, la radioterapia su un acceleratore lineare di ultima generazione True Beam STx può quasi dimezzare la durata del corso di radioterapia, evitando una serie di effetti collaterali..

Avvertenza: il trattamento del cancro del polmone a casa non è possibile.

Prognosi di vita per carcinoma polmonare

Data la complessità del tumore in esame, sorge la domanda: quanti pazienti convivono con tale diagnosi e qual è la prognosi? L'aspettativa di vita con un tumore nei polmoni dipende dal tipo di tumore, dal processo di metastasi, dal rilevamento della malattia in uno stadio o nell'altro e da un trattamento tempestivo. Inoltre, l'aspettativa di vita del paziente sarà determinata dallo stato dei linfonodi intratoracici. I pazienti con metastasi nei linfonodi regionali muoiono entro 2 anni. Se il tumore è stato rimosso chirurgicamente al 1o e 2o stadio dello sviluppo della malattia, circa il sessanta e il quaranta percento dei pazienti vive per 5 anni. Il trattamento in stadio III di un tumore polmonare fornisce un tasso di sopravvivenza a cinque anni solo per il 25% dei pazienti.

Importante: se il tumore polmonare non viene curato, la malattia termina con la morte. Circa il 48 percento dei pazienti non trattati muore nel primo anno dopo la diagnosi di questo tipo di tumore, solo l'1 percento dei pazienti vive fino a cinque anni, solo il 3 percento vive per tre anni.

Molto spesso, i pazienti si chiedono per quanto tempo vivono con un tumore ai polmoni al quarto stadio della malattia? In questo caso, tutto dipenderà dalla classificazione del cancro e dal grado di sviluppo delle metastasi. Secondo le statistiche, solo il cinque percento dei pazienti ha la possibilità di vivere per 5 anni.

Video collegati

Misure di prevenzione

Oltre a fornire protezione da fattori ambientali avversi - lavorando con sostanze chimiche pericolose, fumo e altri, ogni adulto deve sottoporsi a un esame usando una radiografia dei polmoni ogni anno. Tale ricerca è necessaria anche perché nell'attuale ambiente, le persone che non sono mai esposte ai suddetti fattori possono anche diventare vittime di cancro ai polmoni. Le misure preventive di questa malattia oncologica sono: uno stile di vita sano, l'abbandono del consumo di tabacco e alcol, l'assunzione giornaliera di vari tipi di frutta e verdura.

Chirurgia toracicaPrezzo, rub.
Drenaggio della cavità pleurica con metodo endoscopico L'esame istologico viene pagato in aggiunta3900
Biopsia transtoracica L'esame istologico viene pagato in aggiunta4800
Biopsia (ago) del polmone o masse mediastiniche L'esame istologico viene pagato in aggiunta5.500
Biopsia polmonare aperta, masse mediastiniche L'esame istologico viene pagato in aggiunta21230
Endoprotesi della trachea e dei bronchi con protesi in silicone41.360
Drenaggio dell'ascesso polmonare moderato seguito dal trattamento5.500
Riabilitazione della cavità pleurica con farmaci per malattie purulente (1 procedura)4800
Toracoscopia diagnostica11.770
Splanchiectomia videotoracoscopica (un lato)24970
Mediastinoscopia video22.000
Biopsia polmonare videotoracoscopica L'esame istologico viene pagato in aggiunta22.000
Pleurectomia videotoracoscopica L'esame istologico viene pagato in aggiunta26400
Pleurectomia videotoracoscopica con irrorazione di farmaci sclerosanti L'esame istologico viene pagato in aggiunta33770
Bullectomia videotoracoscopica mediante cucitrici monouso41.360
Rimozione videotoracoscopica delle lesioni polmonari periferiche L'esame istologico viene pagato in aggiunta26400
Rimozione videotoracoscopica delle formazioni mediastiniche L'esame istologico viene pagato in aggiunta32230
Microtracotomia video-assistita con graffatrici riutilizzabili22.000
Pleurectomia L'esame istologico viene pagato in aggiunta22.000
Pleurectomia con decorticazione polmonare L'esame istologico viene pagato in aggiunta32230
Resezione polmonare regionale L'esame istologico viene pagato in aggiunta22.000
Rimozione di una neoplasia polmonare (resezione atipica) L'esame istologico viene pagato in aggiunta26400
Rimozione di formazioni periferiche arrotondate dei polmoni L'esame istologico viene pagato in aggiunta26400
Diminuzione del volume polmonare nei pazienti con BPCO, grande enfisema polmonare bolloso o diffuso65890
Decorticazione polmonare36630
Lobectomia 1 categoria41.030
Lobectomia categoria 248400
bilobectomia48400
Pneumonectomia L'esame istologico viene pagato in aggiunta48400
Pneumonectomia con resezione a cuneo della biforcazione tracheale L'esame istologico viene pagato in aggiunta58630
Pneumonectomia con resezione circolare della biforcazione tracheale L'esame istologico viene pagato in aggiunta58630
Resezione tracheale circolare in caso di neoplasie e stenosi cicatriziali L'esame istologico viene pagato in aggiunta77660
Resezione del torace26400
Chirurgia per tumori del mediastino L'esame istologico viene pagato in aggiunta61.600
toracoplastica44.000
Embolizzazione delle arterie bronchiali con emorragia polmonare e / o emottisi22.000
Toracoscopia terapeutica e diagnostica, somministrazione di farmaci a scopo di pleurodesi22.000
Videotoracoscopia terapeutica e diagnostica23430
Videotoracoscopia medica e diagnostica, somministrazione di farmaci a scopo di pleurodesi26400
Drenaggio pleurico e pleurodesi17600
Videotoracoscopia, drenaggio pleurico e pleurodesi26400
Videotoracoscopia, biopsia pleurica, drenaggio pleurico e pleurodesi L'esame istologico viene inoltre pagato27830