Decodifica oncomarker He-4: indicatori di norma e deviazione

La moderna oncologia pratica, negli ultimi anni, ha fatto un grande passo avanti nella diagnosi delle malattie maligne. Di grande importanza in questo risultato è l'introduzione di test di laboratorio per i marcatori tumorali. Questo tipo di ricerca consente in molti casi di diagnosticare il cancro nelle fasi iniziali, prima che il processo inizi a diffondersi all'esterno dell'organo. Ad esempio, il marker tumorale HE4 è molto popolare in oncologia ginecologica, che con un alto grado di probabilità indica lo sviluppo di un processo maligno nelle ovaie..

Il valore del marker tumorale HE4 in oncologia

Il rilevamento del marker tumorale HE4 è attualmente considerato il più promettente di tutti i metodi esistenti per la diagnosi precoce del carcinoma ovarico epiteliale. Per le donne che sono a rischio di sviluppare questo tumore, questo studio può essere attribuito al più prezioso. Ciò è dovuto al fatto che la rapida crescita di questo indicatore nel sangue inizia 3 anni prima della probabile rilevazione di una neoplasia.

Il marker tumorale HE4 ha un secondo nome: la proteina dell'epididimo umano, poiché è stata inizialmente isolata dal tessuto dell'epididimo negli uomini. Si presume che questa glicoproteina, collegata da quattro ponti disolfuro, favorisca la maturazione degli spermatozoi nel corpo maschile e nella femmina sia una variante della patologia in determinate concentrazioni. Oltre alle gonadi, he4 viene anche prodotto in tracce di concentrazione dalle cellule dei bronchi, dalla mucosa delle tube di Falloppio, dall'endometrio, che mostra in alcuni casi risultati falsi (falsi positivi), con patologia concomitante di questi organi. Tuttavia, è per il carcinoma ovarico che è tipico un aumento critico del valore della concentrazione di una sostanza nel sangue..

Spesso, gli esami del sangue per la presenza di proteine ​​HE4 e CA125 vengono somministrati insieme per ridurre la distorsione, sebbene HE4 sia un marker molto più specifico e sensibile. Una forte correlazione tra la concentrazione dell'oncomarker HE4 e l'intensità della crescita del tumore rende possibile utilizzarlo per monitorare le condizioni dei pazienti durante o dopo il trattamento.

Indicazioni per lo studio e la sua metodologia

Viene mostrato un esame del sangue per il marker tumorale he4:

  • nel caso di un alto grado di probabilità di sviluppare un carcinoma ovarico, in presenza di una storia gravata,
  • come controllo delle condizioni dei pazienti e monitoraggio delle trasformazioni tumorali durante il trattamento,
  • se esiste il rischio di metastasi da un tumore esistente.

Il prelievo di sangue per analisi viene effettuato da una vena. Il più corretto è eseguire la manipolazione al mattino a stomaco vuoto; lo stesso giorno, dovresti smettere di fumare. Il sangue riflette eventuali cambiamenti nel corpo, pertanto, queste regole non devono essere trascurate, in quanto è possibile ottenere falsi indicatori.

Controindicazioni

Non ci sono controindicazioni per questo tipo di ricerca, tuttavia in alcuni casi non sarà efficace. Tali situazioni includono la presenza nella storia del paziente di un'altra malattia oncologica, nonché lo sviluppo di una cellula germinale o di un tumore mucoide dell'ovaio.

In ogni singolo caso, l'oncologo deve decidere sulla necessità di prescrivere questa analisi. Questa tecnica non viene utilizzata per lo screening di massa del carcinoma ovarico tra la popolazione femminile, il che significa che è irragionevole sottoporsi a se stesso da soli, senza la nomina di uno specialista..

Interpretazione degli indicatori ottenuti

L'oncologo dovrebbe decifrare i test per i marcatori tumorali, tenendo conto di tutti i fattori che possono influenzare l'accuratezza dello studio. L'analisi per HE4 viene spesso utilizzata per calcolare l'indice prognostico per lo sviluppo del cancro epiteliale (ROMA), ma, a differenza di CA125, per HE4 e la norma di un singolo indicatore è considerata un valore abbastanza affidabile.

La norma nelle donne è considerata diversa a età diverse, quindi nelle donne in premenopausa sono considerati valori normali da 0 a 70 pmol / le nelle donne in postmenopausa - fino a 140 pmol / l. L'indice ROMA, per le donne a basso rischio di sviluppare il carcinoma ovarico, è inferiore all'11,4% nelle donne in premenopausa e inferiore al 29,9% nelle donne in postmenopausa. Di conseguenza, tutti gli indicatori che superano questi valori sono considerati caratteristici degli individui con un aumentato rischio di sviluppare il cancro epiteliale. In pratica, per HE4, la decodifica si basa non solo sui valori di riferimento, ma anche sulla presenza di malattie concomitanti in una donna.

Informazioni aggiuntive

Dovresti sapere che l'assenza di HE4 nel sangue non indica ancora l'assoluta salute delle ovaie. Nella maggior parte dei casi, ciò indica l'assenza di neoplasie maligne in esse, ad eccezione delle cellule germinali e delle forme mucose di tumori, che non sintetizzano il marker tumorale he4. I valori normali indicano una buona salute al momento, tuttavia, non possono garantire l'assenza di cancro diversi anni dopo l'analisi..

Nel caso in cui un tumore venga diagnosticato e trattato, questa analisi dovrebbe essere eseguita ogni 3 mesi. Una forte riduzione dell'indice he4, dopo il trattamento, indica l'eliminazione del focus e un graduale aumento dei valori, al contrario, indica la probabile presenza di un processo metastatico.

Tra le malattie di natura non neoplastica che possono causare un aumento del marker tumorale, ci sono fibrosi cistica, varie formazioni cistiche delle ovaie, endometriosi, processi infiammatori nella piccola pelvi, fibromi uterini, malattie infiammatorie croniche del fegato (cirrosi, epatite) e reni.

Conoscendo l'esistenza di una predisposizione a questa forma di cancro, dovresti chiedere il parere di un oncologo, poiché la diagnosi precoce di un processo maligno lascia la possibilità di un pieno recupero dopo un ciclo di terapia antitumorale. La minima invasività, sicurezza e accuratezza degli studi che utilizzano marcatori tumorali consentono di monitorare i cambiamenti nel corpo per lungo tempo e di effettuare una diagnosi tempestiva del cancro, in un momento in cui risponde ancora bene al trattamento.

I marcatori tumorali sono la norma, è possibile non aver paura del cancro?

Ultimo aggiornamento 10 luglio 2017 alle 20:24

Tempo di lettura: 7 minuti

I marcatori tumorali sono un moderno metodo diagnostico che viene utilizzato nella diagnosi del cancro.

Esistono un certo numero di proteine, antigeni e sostanze specifici del cancro (ad esempio un marker tumorale AFP) che possono essere associati a tumori maligni. In questo caso, potrebbe verificarsi una situazione del genere in cui i marker tumorali rientrano nell'intervallo dei valori normali, ma la malattia verrà rilevata di conseguenza.

In altre parole, nelle prime fasi di una malattia oncologica, solo alcuni degli indicatori specifici del cancro possono avere valori aumentati e una serie di altre ragioni spesso portano al loro aumento..

Cosa cercare quando si prendono i test del cancro

I marcatori tumorali per la diagnosi vengono utilizzati solo in combinazione con altri dati clinici e principalmente per lo screening preliminare della malattia o il monitoraggio del trattamento.

Un aumento dell'indicatore può essere causato da un certo stato fisiologico. Ciò che, ad esempio, è tipico delle proteine ​​specifiche delle lesioni maligne delle ovaie e della ghiandola mammaria, che aumenta durante i giorni critici.

È molto importante, durante la preparazione per l'analisi dei marcatori tumorali, rispettare tutte le raccomandazioni necessarie che sono pubblicate sui siti Web dei laboratori che offrono servizi. Seguire le raccomandazioni ti aiuterà a ottenere un risultato affidabile.

Se vuoi scoprire in dettaglio informazioni professionali sull'argomento "marker tumorali e sostanze specifiche per il cancro - che cos'è?", Guarda la descrizione delle proteine ​​specifiche per il cancro in qualsiasi laboratorio internazionale nella tua città. Nella sezione dei prezzi per i test, vengono forniti i nomi, le caratteristiche di preparazione per l'analisi e una descrizione medica accurata, che consente di avere un'idea precisa del test prescritto.

Il concetto di marker tumorale e le sue caratteristiche

Gli indicatori della maggior parte dei marcatori tumorali sono utilizzati nella medicina moderna per la diagnosi di malattie oncologiche..

Nella maggior parte dei casi, rappresentano una certa struttura proteica, sostanza o antigene, il loro aumento del contenuto nel campione del paziente può indicare la presenza di un processo maligno. Tuttavia, questo non è sempre il caso.

Ad esempio, il marker della proteina embrionale del cancro (CEA), che viene spesso utilizzato negli esami, può anche aumentare con cambiamenti cellulari benigni..

Oncormarker ca-125, che viene utilizzato per valutare i tumori ovarici, aumenta durante i giorni critici e in alcune patologie riproduttive. La fosfatasi ossea viene spesso utilizzata come marker tumorale per metastasi, mentre questa analisi viene eseguita solo da un numero limitato di laboratori e un aumento della fosfatasi alcalina può essere causato sia con danni al tratto gastrointestinale, sia, ad esempio, in gravidanza.

Di norma, marcatori tumorali molto elevati nel sangue umano sono caratteristici degli stadi avanzati del cancro. I dati normativi sono spesso osservati nella prima e nella seconda fase.

In alcuni casi, i marker potrebbero non aumentare, pertanto, per valutare il rischio di cancro nel processo di esame, vengono utilizzate diverse proteine ​​e sostanze specifiche, l'analisi del contenuto nel campione del paziente fornirà un quadro più accurato e una valutazione del rischio.

Marcatori tumorali come indicatori relativi del rischio di cancro

In altre parole, i marcatori tumorali sono indicatori relativi della probabilità del cancro..

La diagnosi finale può essere fatta dopo TC, risonanza magnetica, biopsia o istologia da un campione di tessuto.

Si noti che un'accurata diagnosi della malattia è molto importante per pianificare correttamente l'intervento chirurgico. Sia i risultati aumentati che quelli normali durante la donazione di sangue per marcatori tumorali non daranno una risposta accurata sulla presenza di oncologia. In questo caso, vengono spesso utilizzate proteine ​​specifiche per tracciare la dinamica del trattamento antitumorale..

Dove passare i marcatori tumorali e scoprire i dati sulla norma?

Le percentuali di molti marker tumorali dipendono dal metodo e dal sistema di test utilizzati nel laboratorio di vostra scelta. Le informazioni sulla gamma di valori dei marker tumorali saranno contenute nei risultati dell'analisi che verranno forniti al paziente in laboratorio. In genere, gli intervalli di valori sono elencati nella colonna adiacente accanto al risultato del paziente.

Se gli indicatori sono troppo alti, il grafico viene ulteriormente evidenziato con un segno speciale.

Se si utilizza il valore dei marcatori tumorali selezionati come stime del proprio stato di salute, per la precisione è meglio eseguire i test utilizzando gli stessi metodi e sistemi di test..

I dati di riferimento dei marker tumorali possono essere ottenuti in laboratorio direttamente o sul sito ufficiale.

Valori normativi e aumentati dei marker tumorali

La nostra recensione fornisce i risultati normativi di alcuni marcatori tumorali, nonché i sistemi di test che vengono comunemente utilizzati per condurre la valutazione. Richiamiamo di nuovo la vostra attenzione sul fatto che indicatori sia normativi sia aumentati non ci consentono di trarre conclusioni accurate sulla presenza o l'assenza di cancro.

Marcatori tumorali per determinare il tipo di tumori e cosa è meglio capire con esempi. Quali indicatori dovrebbero essere determinati in ciascun caso specifico, è necessario chiedere al proprio medico.

Marcatore tumorale per carcinoma ovarico epiteliale HE4 (sistema di test ARCHITECT)

  1. premenopausa: meno di 70 pmol / l, meno del 7,4%;
  2. postmenopausa: meno di 140 pmol / l, meno del 7,4%.

Il marker tumorale viene utilizzato per chiarire la natura delle neoplasie nelle appendici uterine prima dell'intervento chirurgico.

HE4 viene utilizzato solo per valutare la probabilità, non per fare una diagnosi precisa. Inoltre, un livello normale di HE4 può anche essere caratteristico delle donne con lesioni oncologiche dell'epitelio, ciò è dovuto al fatto che alcuni tipi di neoplasie oncologiche delle ovaie secernono raramente questa proteina, ma si verifica nei tumori delle cellule germinali e delle mucose.

Vi è anche evidenza di un aumento di questa proteina nelle donne non malate, così come nei pazienti con altri tipi di tumori (tratto gastrointestinale, seno, endometrio, ecc.).

Antigene carboidrato CA 72-4: per valutare la probabilità di cancro del tratto gastrointestinale e di altri tumori

Valori standard:

Valori indicativi: antigene prostatico specifico: valutazione del rischio prostatico


Valori standard (per uomini):

  • fino a 40 anni: fino a 1,4;
  • 40-50 anni: fino a 2.0;
  • 50-60 anni: fino a 3,1;
  • 60-70 anni: fino a 4.1;
  • oltre 70: fino a 4.4.

L'antigene viene utilizzato per valutare le condizioni della prostata, aumenti di tutti i tipi di lesioni - infiammatorie e benigne, in particolare cresce in un processo oncologico maligno.

Microglobulina nelle urine Beta 2

Valori indicativi: da 0 a 300 ng.

La microglobulina nelle urine Beta 2 nella pratica clinica viene valutata solo quando viene aumentata. In alcuni casi, può essere osservato con un danno tumorale ai reni. I test della microglobulina Beta 2 vengono eseguiti frequentemente durante il trattamento. Il suo aumento è tipico per alcune malattie renali non neoplastiche e rigetto di impianto renale..

Alfa-fetoproteina: marker tumorale epatico

Valori indicativi: 0,90 - 6,67 U / ml (uomini e donne non gravide).

Il marker tumorale AFP viene utilizzato come valore di test che valuta il livello di proteina embrionale sierica, che viene prodotta durante il periodo embrionale..

Negli adulti e nelle donne non in gravidanza, il valore è costante e significativamente inferiore rispetto ai bambini e alle donne in gravidanza.

La crescita dell'alfa-fetoproteina può essere osservata nei tumori maligni ed è osservata nel carcinoma epatico. Inoltre, il suo aumento può avvenire con neoplasie benigne..

Antigene cancro-embrionale

Valori indicativi: conclusione

Si noti che per determinare la malattia dei marcatori tumorali, la decodifica può essere eseguita solo da un terapista o un oncologo qualificato.

Per fare una diagnosi, vengono utilizzati una serie di indicatori relativi e assoluti, nonché metodi di valutazione qualitativa delle neoplasie, ad esempio CT e MRI. Per la valutazione iniziale del rischio di malattia, è possibile utilizzare sia i consueti esami del sangue generali che estesi..

Un processo maligno, di regola, contribuisce a un aumento significativo di fibrinogeno ed ESR. Un aumento della fosfatasi alcalina in presenza di un processo tumorale può indicare metastasi, mentre questo indicatore è relativo, poiché la sostanza svolge un ruolo protettivo per il tratto digestivo e aumenta un numero di malattie somatiche.

Per una valutazione completa del rischio oncologico, vengono utilizzati set di marker tumorali, presentati sotto forma di pannelli oncologici. Metodi di valutazione completi sono disponibili sul sito Web del laboratorio selezionato.

Tieni presente che l'elenco dei test specifici per il cancro è molto più ampio. Alcuni laboratori offrono di inviare analisi in Giappone o Germania. La Russia ha anche diversi laboratori ad alta tecnologia che possono effettuare una valutazione accurata della probabilità della malattia..

L'accuratezza dell'analisi è determinata dal sistema di test utilizzato, fornito dai più grandi produttori medici. Per ottenere un risultato accurato del monitoraggio di un marker tumorale, è necessaria la coincidenza del metodo di valutazione.

Tumore marker He-4

I marcatori tumorali sono un insieme di elementi chimici (molecole biologiche) che si formano nel corpo umano e hanno una diversa eziologia. Il loro contenuto nel sangue può aumentare sia in presenza di tumori maligni e benigni, sia in alcuni processi infiammatori. Uno studio che rileva l'oncologia è un esame del sangue per determinare il livello di marcatori tumorali, sostanze prodotte dal corpo in risposta alla comparsa di un tumore canceroso. Una di queste sostanze è il marker tumorale He-4 (proteina epidermica umana).

Tumore marker He-4 che cos'è? È una proteina del gruppo WFDC, una glicoproteina acida che si trova nell'epididimo negli uomini, nelle tube di Falloppio, negli organi respiratori, nel pancreas ed è coinvolta in molti processi biochimici e fisiologici nel corpo. Pertanto, è presente nel sangue di uomini e donne e in piccole quantità è completamente sicuro. Tuttavia, il livello del marker tumorale He-4 aumenta bruscamente in presenza di cancro (carcinoma endometriale, carcinoma ovarico epiteliale, raramente nel carcinoma mammario e polmonare). Il motivo della presenza di He-4, il suo scopo e il suo effetto sull'attività vitale dell'organismo non sono stati ancora completamente compresi..

Caratteristiche del marker tumorale

Il livello del marker tumorale He-4 è determinato dall'analisi dell'emoluminescenza, una caratteristica della quale è la combinazione della proteina He-4 con sostanze marcate che hanno la capacità di brillare. Con l'aiuto di attrezzature speciali, viene calcolata la concentrazione di He-4 nel sangue.

L'analisi per i marcatori tumorali, come qualsiasi analisi, può mostrare risultati falsi a causa dell'influenza di vari fattori. Risultati falsi positivi e falsi negativi possono essere ottenuti a causa di alcuni errori: la possibilità di un malfunzionamento nel funzionamento dell'apparecchiatura, la violazione delle regole per il superamento dell'analisi, la probabilità di errore di un tecnico di laboratorio. Inoltre, un aumento degli indicatori del marker tumorale He-4 nel corpo può anche essere causato da malattie non oncologiche, come:

  • Una cisti ovarica è una neoplasia benigna sotto forma di una cavità piena di liquido (con una cisti ovarica, c'è un leggero aumento dell'indice He-4);
  • I fibromi e il fibroma dell'utero sono tumori benigni dello strato muscolare;
  • La fibrosi cistica è una malattia ereditaria che colpisce le ghiandole della secrezione esterna e gli organi respiratori;
  • L'endometriosi è una malattia ginecologica in cui le cellule dello strato interno delle pareti dell'utero crescono oltre i loro limiti;
  • Insufficienza renale cronica;
  • La presenza di processi infiammatori negli organi pelvici;
  • Malattie del fegato (epatite, cirrosi).

Cliniche leader in Israele

Le ragioni della diminuzione del livello del marker tumorale He-4 possono essere:

  • Norma - assenza di malattia nel corpo;
  • Il livello del marker tumorale non è sufficientemente aumentato rispetto agli indicatori tipici della malattia;
  • Il marker tumorale non risponde al tessuto neoplasmatico;
  • In caso di buona efficacia del trattamento.

Frequenza del marker tumorale

Il livello normale di He-4 nel sangue nelle donne dipende dal ciclo mestruale o dalla menopausa ed è calcolato in picomole per litro. Nei pazienti di età inferiore ai 40 anni, 60 pmol / l è considerata la norma. Nel periodo postmenopausale, l'indicatore normale di un marker tumorale nel sangue è 140 pm / l.

Con l'aumento dei livelli del marker tumorale He-4, vengono prescritti ulteriori esami:

  • Esami del sangue (generale e biochimica);
  • Analisi per determinare il livello di ormoni (estradiolo o E2). Gli indicatori di risultato E2 possono essere calcolati su un calcolatore online e convertiti in pmol / l;
  • Esame ginecologico (esame della cervice);
  • Esame ecografico del peritoneo e degli organi pelvici;
  • Esame radiografico (per escludere metastasi);
  • Biopsia (esame dei tessuti per oncologia).

Applicazione

He-4 (proteina dell'epididimo umano) oncomarker è considerato il più sensibile nelle primissime fasi della formazione di tumori maligni, che aiuta la diagnosi precoce della malattia. Il suo principale svantaggio è che è immune alle cellule germinali e alle neoplasie mucose..

Il marker tumorale He-4 determina neoplasie maligne delle ovaie e dell'utero nelle donne. Secondo le statistiche, il carcinoma ovarico epiteliale (EOC) si colloca al 5 ° posto tra i tumori degli organi pelvici, il tasso di mortalità da loro è di circa il 50%. La ragione di questa elevata mortalità è l'assenza di sintomi nella fase iniziale della malattia. Le neoplasie maligne delle ovaie si verificano più spesso nelle donne di età compresa tra 55 e 70 anni.

Importante! Oncomarker He4 rileva il carcinoma ovarico nelle prime fasi, quando la malattia risponde positivamente al trattamento. Altri marcatori tumorali consentono di rilevare formazioni tumorali maligne molto più tardi, quando i sintomi della malattia sono già comparsi.

In molti casi, il marcatore CA-125 è stato utilizzato per rilevare l'oncologia ovarica, ma ai nostri tempi si è scoperto che è il marcatore He-4 a diagnosticare la presenza del cancro pelvico in modo molto più corretto. Gli studi hanno dimostrato che i livelli di CA-125 aumentano poco prima che venga fatta un'accurata diagnosi del carcinoma ovarico e che i livelli di He-4 aumentino 2 o 3 anni prima che venga rilevato il cancro. La combinazione dei due test (He-4 e Ca-125) è particolarmente efficace nei tumori epiteliali ovarici. Utilizzato anche il marcatore CD 15 (antigene leucocitario sidi).

Con il carcinoma ovarico, è comune non avere sintomi nelle prime fasi della malattia. Le neoplasie maligne delle ovaie non possono essere rilevate su un esame di routine in ginecologia. Pertanto, è molto difficile diagnosticare in tempo senza un'analisi per determinare il livello del marker tumorale HE-4. I sintomi compaiono nelle fasi avanzate della malattia e le metastasi si verificano precoce (all'utero, al peritoneo, al fegato, all'intestino).

Indice ROMA

L'analisi combinata di He-4 e Ca-125 (indice di rum) ha la massima sensibilità (circa l'80%) e mostra i risultati più affidabili per la diagnosi di neoplasie maligne ovariche (oltre il 90%). Viene anche utilizzato come test prognostico per determinare la predisposizione di una persona alla possibilità di malattie oncologiche, il cosiddetto calcolo del rischio di carcinoma ovarico. Utilizzato efficacemente per monitorare l'efficacia del trattamento, l'insorgenza di metastasi e recidive.

La decodifica del coefficiente di analisi per He-4 e Ca-125 viene utilizzata per calcolare l'indice ROMA (Risk of Ovarian Malignancy Algorithm). Per valutare ROMA, è necessario sapere se il paziente è in premenopausa (ROMA 1) o in postmenopausa (ROMA 2). Quando una lettura di ROMA è superiore all'11,4% in un esame del sangue, ciò significa un'alta probabilità di oncologia nelle ovaie durante la premenopausa. Le donne in postmenopausa hanno un alto rischio di carcinoma ovarico a circa il 25%.

Indicazioni per l'uso

Non è necessario un esame del sangue per determinare il marker tumorale He-4 quando si esaminano tutti i pazienti. Il medico prescrive tale studio solo nei casi in cui una donna ha alcuni disturbi, come: ciclo mestruale irregolare, dolore nella regione pelvica, incontinenza urinaria, difficoltà a urinare, perdita di appetito, nausea, perdita di peso improvvisa, debolezza e malessere generale... Inoltre, l'analisi per He-4 è raccomandata per i pazienti con una predisposizione ereditaria al carcinoma ovarico, con malattie croniche degli organi pelvici e che lavorano in condizioni di lavoro pericolose..

Prima di effettuare la diagnosi finale, il medico invia più volte il paziente per analizzare la definizione del marker tumorale He-4. Ciò è necessario affinché lo specialista possa determinare accuratamente se vi è un aumento degli indicatori e qual è la dinamica della malattia. Nelle prime fasi del carcinoma ovarico, la chemioterapia viene spesso prescritta. Se non si osserva alcun miglioramento, si raccomanda l'intervento chirurgico e la terapia riabilitativa dopo l'intervento chirurgico..

Vuoi conoscere il costo della cura del cancro all'estero?

* Dopo aver ricevuto i dati sulla malattia del paziente, il rappresentante della clinica sarà in grado di calcolare il prezzo esatto del trattamento.

Attenzione! Quando il carcinoma ovarico viene diagnosticato in una fase precoce e il tumore non si è ancora diffuso oltre l'ovaio, la prognosi è buona in quasi il 95% dei casi. Pertanto, la diagnosi precoce è la chiave per il successo del trattamento..

Consigli di base prima di effettuare l'analisi

Per l'analisi del marker tumorale He-4, viene utilizzato il sangue prelevato da una vena. È molto importante che il sangue venga consegnato al laboratorio entro un'ora dalla raccolta. Di solito, i risultati dello studio possono essere ottenuti già il secondo giorno. Per rendere l'analisi il più accurata possibile, i medici consigliano di aderire alle seguenti raccomandazioni:

  1. Per 4 ore, e preferibilmente 8 ore prima del test, rifiuta di mangiare;
  2. Per 8 ore, rinuncia a tè, bevande gassate zuccherate, caffè e succhi di frutta. Bevi solo acqua bollita;
  3. Smettere di usare qualsiasi medicinale diversi giorni prima del test;
  4. Non bere bevande alcoliche durante la settimana;
  5. Smetti di fumare qualche ora prima della consegna;
  6. Rinuncia agli alimenti fritti, grassi, piccanti e dolci;
  7. Per un giorno o due prima dell'analisi, si raccomanda di astenersi dall'attività sessuale;
  8. Evita il forte stress fisico ed emotivo.

Ci sono casi in cui l'analisi per il marker tumorale He-4 è prescritta ai bambini. Mezz'ora prima dell'analisi, il bambino deve bere almeno un bicchiere di acqua bollita.

Bisogno di sapere! Un'analisi per determinare il livello di He-4 non dovrebbe essere presa durante le mestruazioni, poiché è probabile che il risultato sia aumentato. Si consiglia di eseguire il test da 5 a 7 giorni dopo le mestruazioni. Il riesame viene eseguito secondo le istruzioni del medico curante dopo 2-3 mesi.

Prevenzione del cancro ovarico

Per evitare la comparsa di neoplasie maligne delle ovaie, è necessario seguire alcuni semplici suggerimenti:

  • Esaminato regolarmente da un ginecologo;
  • Donare periodicamente sangue per analisi generali e biochimica;
  • I pazienti a rischio devono essere testati per He-4 ogni 3 mesi;
  • Cerca di vestirti calorosamente;
  • Smettere di fumare e bere alcolici;
  • Mangiare una dieta sana e controllare il proprio peso, in quanto il sovrappeso raddoppia il rischio di cancro alle ovaie;
  • Rispettare l'igiene dei genitali;
  • Prendi i farmaci ormonali e contraccettivi seguendo le istruzioni del medico.

Ricorda! Con un indicatore aumentato del marker tumorale He-4, non fatevi prendere dal panico. La possibilità di errore non dovrebbe essere esclusa. Solo un medico può stabilire una diagnosi accurata della malattia e decifrare correttamente l'analisi. L'importante è essere attenti alla propria salute e sottoporsi a esami medici in modo tempestivo..

NON 4 marker tumorali: che cos'è

NON 4 marker tumorali: cos'è questa sostanza e perché dovrebbe essere studiata? Questa è una domanda molto attuale, poiché, nonostante la disponibilità di informazioni, non tutti i laici conoscono questi concetti. Non è una cosa buona o cattiva, ma una malattia come il cancro non chiede l'età, lo stile di vita e la qualità della vita di una persona. Può impressionare anche coloro che conducono uno stile di vita sano, riposano regolarmente e mangiano bene. Pertanto, vale la pena conoscere i marcatori tumorali he4, in modo che in caso di pericolo di pericolo, sia possibile sottoporsi all'esame necessario e non perdere tempo su ciò che non è informativo in questo caso.

Cosa NON è un marker tumorale 4 e a cosa serve?

La scienza "dice" che il marker tumorale HE 4 è una glicoproteina acida che appartiene alla famiglia degli inibitori delle proteine. Prodotto in una certa quantità in ogni persona nelle cellule epiteliali del tratto respiratorio superiore, pancreas e ovaie.

Il suo scopo nel corpo è di eseguire la spermatogenesi. Ma è presente anche nel corpo femminile..

In presenza di un nodulo maligno, la quantità di 4 proteine ​​aumenta bruscamente, specialmente nelle ovaie. Pertanto, se si sospetta il cancro di questo particolare organo, viene prescritta un'analisi per il marker tumorale HE4, che viene anche indicato come marker delle ovaie e del sistema riproduttivo..

A differenza di altre proteine, questo marker tumorale aumenta solo con lo sviluppo di un processo maligno. Inoltre, con il suo aiuto, è possibile rilevare il cancro nella fase dell'embrione, quando non ci sono sintomi e altri metodi diagnostici non rivelano patologie.

Se confrontiamo questa proteina con CA125 (marker tumorale ovarico), la sua specificità è del 75% -96% per i tipi epiteliali di tumori, mentre CA125 è un massimo di circa il 40%.

Il marker tumorale HE4 è insensibile alle cellule germinali e alle neoplasie mucose. Pertanto, in questo caso, sono prescritti altri metodi per controllare la presenza o l'assenza di cancro..

Quando è necessario sottoporsi al test per un marcatore a 4 tumori?

Si noti che il marcatore tumorale NOT 4 è una proteina, l'analisi per la quale è prescritta solo quando ci sono lamentele da parte del paziente o le sue condizioni cambiano senza motivo apparente, ma il medico comprende che l'oncologia è possibile, soprattutto per donne e donne geneticamente predisposte dopo 50 anni.

Il rischio di sviluppare il carcinoma ovarico aumenta non appena la funzione riproduttiva si attenua e perde fertilità. Pertanto, le donne che hanno iniziato la menopausa (45-55 anni) dovrebbero essere più attente alla propria salute..

Le principali indicazioni per lo screening del cancro sono:

Gruppo a rischio (se il cancro è stato registrato nella storia familiare).
Donne dopo i 45-55 anni che hanno avuto la menopausa.
Presenza di dolore pelvico e gonfiore per ragioni sconosciute.
Violazione del ciclo mestruale, non associata a cause adeguate (cambiamenti climatici, dieta, ecc.).
Una notevole riduzione del peso corporeo sullo sfondo dell'assenza di cambiamenti nello stile di vita in generale e nella nutrizione in particolare.
Perdita di appetito, affaticamento, apatia.

È inoltre necessario controllare il marker tumorale HE4 per coloro che sono stati precedentemente trattati per una malattia maligna: per la prima volta dopo il completamento del trattamento, l'analisi deve essere presentata ogni trimestre, quindi - due volte l'anno per prevenire la ricaduta.

Affinché l'analisi sia il più informativa e affidabile possibile, è molto importante prepararsi adeguatamente per la sua consegna. Non ci sono requisiti speciali per questo processo, ma ci sono una serie di raccomandazioni:

  • Tre giorni prima dell'analisi, è necessario interrompere l'assunzione di farmaci previo accordo con il medico.
  • Per 8-12 ore devi smettere di mangiare, bere bevande dolci, forti e alcoliche. È consentito solo acqua naturale il giorno del test.
  • Alla vigilia della procedura, non essere esposto a stress ed eccessivo sforzo fisico. Inoltre, il massaggio e qualsiasi tipo di visita medica sono controindicati..

Si ritiene che il momento migliore per controllare la frequenza del marker tumorale he4 sia il periodo dalle 8 alle 12.

Prima di effettuare l'analisi, le donne devono fornire informazioni sullo stato del sistema riproduttivo: gravidanza, premenopausa, postmenopausa e così via. Ciò ti consentirà di formare correttamente e accuratamente il risultato..

Con quale metodo e come viene effettuata l'analisi

Per controllare il marker tumorale HE 4 (che mostra), il metodo ECLIA aiuta soprattutto: un metodo immunologico per la determinazione qualitativa e / o quantitativa di tutti i tipi di composti a basso peso molecolare. Condotto in condizioni di laboratorio utilizzando attrezzature speciali e lavori manuali.

Per cominciare, il sangue venoso viene raccolto dal paziente in modo tradizionale, dopo di che viene trasferito sul mezzo di trasporto, dove il siero viene separato dal plasma sanguigno. Il siero risultante è un campione per il test manuale.

L'assistente di laboratorio inietta anticorpi nel campione ottenuto. Sulla base dei risultati della loro interazione, viene visualizzata una reazione: la presenza o l'assenza di un aumento della norma del marker tumorale HE4 nel corpo.

Di norma, i risultati sono pronti in un giorno. Ma se sono necessari "per ieri", puoi fare un'analisi espressa, che viene eseguita in moderni laboratori dotati di apparecchiature ad alta tecnologia.

Se viene rilevato un aumento delle proteine ​​patologiche, viene prescritto un ulteriore esame: ultrasuoni (ultrasuoni), imaging a risonanza magnetica (MRI), radiografia, tomografia computerizzata (CT) e un esame del sangue per marcatori tumorali concomitanti. La migliore combinazione è considerata HE-4 + CA125.

Decodifica e norme dei marker tumorali

Si noti che la decodifica del marker tumorale HE4 viene eseguita dal medico del laboratorio in cui è stata effettuata l'analisi. È necessario disporre di un modulo che contenga le informazioni personali e una descrizione dettagliata della reazione. La quantità di proteina HE viene misurata in picomoli per litro (Pmol / L) o in nanogrammi (ng / ml).

Quindi, se il corpo è sano, la norma del marker tumorale HE4 degli organi pelvici non deve superare i seguenti indicatori:

Mestruazioni sanenon più di 70 Pmol / l
Le donne in menopausanon più di 140 Pmol / l
Giovani sanifino a 4 ng / ml e inferiori
Marcatori tumorali da 4 anni per uomini dopo 40 anninormale, se non superano 2,5 ng / ml. E per gli over 60 - da 4,5 a 6,5 ​​ng / ml. Con un aumento di questi indicatori, esiste il rischio di sviluppare una malattia maligna della ghiandola prostatica. In questo caso, un'analisi viene assegnata al marker PSA.

Pertanto, un aumento di queste norme è un motivo per continuare l'esame per fare una diagnosi accurata e selezionare una terapia adeguata..

Cosa mostra un esame del sangue per il marker tumorale He4??

Le malattie oncologiche, specialmente in una fase avanzata dello sviluppo, sono difficili da trattare, quindi è estremamente importante identificare la patologia il prima possibile. Uno dei metodi per la diagnosi precoce del carcinoma ovarico ed endometriale nelle donne è l'analisi per il marker tumorale HE4 - una proteina prodotta nelle cellule dei tumori maligni.

Che cos'è e cosa mostra?

He4 è una proteina specifica prodotta dalle cellule epiteliali degli organi riproduttivi, del tratto respiratorio superiore e del pancreas.

Un contenuto insignificante di questa proteina nel sangue di uomini e donne è normale, ma i suoi valori aumentati di solito indicano la presenza di neoplasie epiteliali maligne, poiché alcuni geni contenuti nelle loro cellule provocano grandi quantità di sintesi proteica.

La particolarità della proteina è di aumentare la sua quantità solo in presenza di cellule maligne - la maggior parte dei processi infiammatori o formazioni benigne simili a tumori non influiscono sugli indicatori He4.

Il livello proteico aumenta nettamente già nelle prime fasi del cancro, pertanto un esame del sangue per questo marker tumorale può confermare o negare la presenza di un tumore e, se necessario, è possibile iniziare il trattamento in modo tempestivo.

Questo test è positivo in circa il 75% delle donne con carcinoma ovarico o endometriale nella fase preclinica, in cui non vi sono sintomi e altri metodi diagnostici non sono in grado di rilevare la presenza di patologia.

Inoltre, l'analisi consente di determinare il grado di sviluppo della patologia, la probabilità di ricorrenza e lo sviluppo di metastasi, nonché di monitorare l'efficacia del trattamento, attraverso regolari esami del sangue, l'assenza di marcatori tumorali in cui indica l'efficacia della terapia.

Il marker tumorale He4 non mostra tumori a cellule germinali e mucoidi.

Indicazioni per l'analisi

L'analisi per il marker tumorale HE4 è facoltativa. Il medico lo prescrive solo se i risultati dell'ecografia degli organi e dei tessuti della piccola pelvi o un esame bimanuale della vagina indicano la probabilità di una neoplasia.

Se lo sviluppo del tumore non è stato stabilito, l'indicazione per la nomina dello studio può essere lamentele su:

  • dolore nella regione pelvica e nelle appendici,
  • fallimento nel ciclo mestruale, non associato a cause adeguate,
  • una forte riduzione del peso corporeo in assenza di cambiamenti nello stile di vita,
  • perdita di appetito e aumento della fatica,
  • improvviso deterioramento del benessere,
  • allocazioni interciclo,
  • dolore durante il rapporto.

Inoltre, un'analisi può essere prescritta dopo aver valutato il rischio di sviluppare il cancro in una donna in menopausa, poiché il rischio di carcinoma ovarico aumenta dopo l'estinzione della funzione riproduttiva, nonché nei pazienti a rischio aumentato:

  • quelli che hanno disturbi patologici cronici degli organi pelvici,
  • persone con una predisposizione genetica alla malattia,
  • impiegati di industrie pericolose.

Un'analisi per il marker tumorale He4 deve essere passata a tutti coloro a cui è stato diagnosticato un tumore e che sono stati sottoposti a trattamento al fine di prevenire la ricaduta.

Il test può essere avviato da una donna che desidera sottoporsi a un test di screening per rilevare il carcinoma ovarico precoce.

Varianti dei dati ricevuti

La ricerca condotta può fornire 2 varianti di risultati:

  • il contenuto di proteina He4 nel sangue rientra nei valori medi del laboratorio - l'opzione più favorevole che si adatta alla norma consentita,
  • la concentrazione del marker tumorale è aumentata - un indicatore dello sviluppo di una neoplasia maligna.

È importante capire che anche un basso livello della proteina He4 non è una prova assoluta dell'assenza di cancro, soprattutto in presenza di sintomi clinici. In tale situazione, è necessario un ulteriore esame per rilevare la presenza di un tumore, il cui tipo non influisce sulla sintesi di He4..

Se a un paziente è stata precedentemente diagnosticata una malattia oncologica e viene prescritta un'analisi per la proteina He4 per monitorare l'efficacia della terapia e lo sviluppo della patologia, un aumento del livello del marker tumorale può indicare l'aggressività del tumore e una prognosi sfavorevole, nessun effetto del trattamento, recidiva o sviluppo di metastasi. Allo stesso tempo, aumentati, ma inferiori a poche settimane fa, gli indicatori indicano chiaramente un trend positivo..

Decifrare la norma negli uomini e nelle donne

Donne
Meno di 40 anniNon più di 60 pmol / l
Durante la premenopausaMassimo 70 pmol / l
Dopo la menopausaNon più di 140 pmol / l
Gli indicatori 160-164 pmol / l con un alto grado di probabilità indicano la presenza di un tumore maligno
Uomini
Meno di 40 anniFino a 4 ng / ml e inferiori
Oltre 40 anniMassimo 2,5 ng / ml
Oltre 60 anni4,5-6,5 ng / ml
Punteggi più alti indicano un rischio di sviluppare il cancro alla prostata e la necessità di ulteriori test per il marcatore PSA

I dati sono mediati, poiché il concetto di norma rispetto all'analisi He4 è piuttosto vago: il laboratorio può fornire solo valori di riferimento caratteristici di una persona sana di una certa età e in base all'apparecchiatura e al sistema di test utilizzati.

È anche necessario ricordare che solo un medico con altre conoscenze sul paziente, come età, peso, malattie concomitanti, sintomi, può interpretare correttamente i risultati degli esami del sangue..

Valori aumentati

Valori aumentati del marker tumorale He4 sono osservati in oncologia delle ovaie, delle ghiandole mammarie, dell'endometrio dell'utero, della ghiandola prostatica e, in rari casi, dei polmoni.

Un gene localizzato solo nelle cellule mutanti è responsabile della sintesi dei marcatori tumorali, pertanto, con lo sviluppo di neoplasie maligne, vengono rilasciati attivamente nello spazio intercellulare e quindi nel sangue.

Se l'indicatore si discosta dalla norma verso l'alto, il paziente riceve un rinvio a un oncologo che, sulla base dei risultati di un esame su larga scala, elabora un corso di trattamento, compresa la chemioterapia e, se necessario, la rimozione chirurgica del tumore. Il trattamento può essere regolato tenendo conto della sua efficacia, dello stadio della malattia e delle condizioni del paziente.

Potrebbe esserci un falso test positivo?

L'esposizione a determinati fattori può portare a risultati falsi in qualsiasi studio. Un errore nell'analisi dei marker tumorali He4 potrebbe essere dovuto a:

  • attrezzatura di laboratorio malfunzionante,
  • inosservanza delle regole di preparazione alla prova,
  • malattia del sangue,
  • un errore di specialisti.

Inoltre, è possibile un alto tasso di annessite acuta e in caso di sviluppo:

  • fibrosi cistica,
  • fibromi uterini o fibromi,
  • endometriosi,
  • insufficienza epatica o renale,
  • Cisti ovariche.

Gli indicatori falsi negativi non sono esclusi. Ad esempio, nel caso di un'analisi prima dell'inizio di un aumento della quantità di proteina He4 o se il tumore non provoca la sua sintesi intensiva.

La proteina He4 nel sangue aiuta a determinare la presenza di una neoplasia maligna nel corpo. Allo stesso tempo, è importante ricordare la probabilità di risultati falsi e la necessità di ulteriori esami: solo un complesso di metodi diagnostici consente di ottenere informazioni affidabili sulla presenza o l'assenza di una malattia patogena.

Marcatori tumorali - decodifica degli esami del sangue. Quando c'è un livello aumentato e diminuito di marker tumorali secreti dalle cellule tumorali (CA 125, CA 15-3, CA 19-9, CA 72-4, CA 242, HE4, PSA, CEA)

Il sito fornisce informazioni di base a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Caratterizzazione di vari marker tumorali e interpretazione dei risultati del test

Considerare il significato diagnostico, la specificità per le neoplasie di vari organi e le indicazioni per la determinazione dei marker tumorali utilizzati nella pratica clinica..

Alfa-fetoproteina (AFP)

Questo marker tumorale è quantitativo, cioè è normalmente presente in una piccola concentrazione nel sangue di un bambino e di un adulto di qualsiasi sesso, ma il suo livello aumenta bruscamente nelle neoplasie e nelle donne durante la gravidanza. Pertanto, la determinazione del livello di AFP viene utilizzata nel quadro della diagnostica di laboratorio per rilevare il cancro in entrambi i sessi, nonché nelle donne in gravidanza per determinare anomalie nello sviluppo fetale..

Il livello di AFP nel sangue è aumentato nei tumori maligni dei testicoli negli uomini, nelle ovaie nelle donne e nel fegato in entrambi i sessi. Inoltre, la concentrazione di AFP è aumentata nelle metastasi epatiche. Di conseguenza, le indicazioni per determinare l'AFP sono le seguenti condizioni:

  • Sospetto carcinoma epatico primario o metastasi epatiche (per distinguere le metastasi dal carcinoma epatico primario, si raccomanda di determinare il livello di CEA nel sangue contemporaneamente ad AFP);
  • Sospetto di neoplasie maligne nei testicoli degli uomini o delle ovaie delle donne (si raccomanda di determinare il livello di hCG in combinazione con AFP per migliorare l'accuratezza della diagnosi);
  • Monitoraggio dell'efficacia della terapia per il carcinoma epatocellulare del fegato e dei tumori dei testicoli o delle ovaie (viene effettuata la determinazione simultanea dei livelli di AFP e hCG);
  • Monitoraggio delle condizioni delle persone che soffrono di cirrosi epatica al fine di rilevare un tumore epatico precoce
  • Monitorare le condizioni delle persone che hanno un alto rischio di sviluppare tumori degli organi genitali (in presenza di criptorchidismo, tumori benigni o cisti ovariche, ecc.) Al fine di rilevarli precocemente.

I seguenti valori AFP per bambini e adulti sono considerati normali (non elevati):

1. bambini maschi:

  • 1 - 30 giorni di vita - meno di 16400 ng / ml;
  • 1 mese - 1 anno - meno di 28 ng / ml;
  • 2-3 anni - meno di 7,9 ng / ml;
  • 4-6 anni - meno di 5,6 ng / ml;
  • 7-12 anni - meno di 3,7 ng / ml;
  • 13-18 anni - meno di 3,9 ng / ml.
2. Bambini femminili:
  • 1 - 30 giorni di vita - meno di 19000 ng / ml;
  • 1 mese - 1 anno - meno di 77 ng / ml;
  • 2-3 anni - meno di 11 ng / ml;
  • 4-6 anni - meno di 4,2 ng / ml;
  • 7-12 anni - meno di 5,6 ng / ml;
  • 13-18 anni - meno di 4,2 ng / ml.
3.Adulti di età superiore ai 18 anni - meno di 7,0 ng / ml.

I valori sopra indicati del livello di AFP nel siero del sangue sono tipici per l'uomo in assenza di cancro. Se il livello di AFP supera la norma di età, ciò può indicare la presenza dei seguenti tumori:

  • Carcinoma epatocellulare;
  • Metastasi epatiche;
  • Tumori a cellule germinali delle ovaie o dei testicoli;
  • Tumori del colon;
  • Tumori del pancreas;
  • Tumori polmonari.

Inoltre, i seguenti livelli di AFP al di sopra della norma di età possono essere rilevati anche nelle seguenti malattie non cancerose:
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • Blocco del tratto biliare;
  • Danno epatico alcolico;
  • Sindrome telangiectasica;
  • Tirosinemia ereditaria.

Gonadotropina corionica (hCG)

Come l'AFP, l'hCG è un marker tumorale quantitativo, il cui livello è significativamente aumentato nelle neoplasie maligne rispetto alla concentrazione osservata in assenza di cancro. Tuttavia, un aumento del livello di gonadotropina corionica umana può anche essere la norma - questo è caratteristico della gravidanza. Ma in tutti gli altri periodi della vita, sia negli uomini che nelle donne, la concentrazione di questa sostanza rimane bassa e il suo aumento indica la presenza di un focus sulla crescita tumorale.

Il livello di hCG è aumentato nei carcinomi ovarici e testicolari, nel corionadenoma, nelle talpe cistiche e nei germinomi. Pertanto, nella medicina pratica, la concentrazione di hCG nel sangue è determinata nelle seguenti condizioni:

  • Sospetto di una talpa idatiforme in una donna incinta;
  • Neoplasie nella piccola pelvi rilevate durante l'ecografia (il livello di hCG è determinato per distinguere un tumore benigno da uno maligno);
  • La presenza di un sanguinamento duraturo dopo un aborto o un parto (il livello di hCG è determinato per rilevare o escludere il carcinoma corionico);
  • Neoplasie nei testicoli degli uomini (i livelli di hCG sono determinati per rilevare o escludere i tumori delle cellule germinali).

I seguenti valori di hCG per uomini e donne sono considerati normali (non elevati):

1. Uomini: meno di 2 UI / ml a qualsiasi età.

2.Women:

  • Donne non gravide in età riproduttiva (prima della menopausa) - meno di 1 UI / ml;
  • Donne in postmenopausa non gravide - fino a 7,0 UI / ml.

Un aumento dei livelli di hCG al di sopra dell'età e delle norme sessuali è un segno della presenza dei seguenti tumori:
  • Deriva cistica o recidiva di deriva cistica;
  • Carcinoma corionico o sua recidiva;
  • seminoma;
  • Teratoma ovarico;
  • Tumori del tratto digestivo;
  • Tumori polmonari
  • Tumori renali;
  • Tumori dell'utero.

Inoltre, i livelli di hCG possono essere elevati nelle seguenti condizioni e malattie non cancerose:
  • Gravidanza;
  • Una gravidanza è stata interrotta meno di una settimana fa (aborto spontaneo, aborto, ecc.);
  • Assunzione di droghe per HCG.

Microglobulina beta-2

Questo marker tumorale è anche quantitativo, poiché in assenza di cancro, di norma, è presente nel sangue a bassa concentrazione, ma in presenza di un tumore, il suo livello aumenta rapidamente. In assenza di tumori, si osserva un aumento del livello di microglobulina beta-2 nei bambini durante i primi tre mesi di vita, nelle donne in gravidanza, sullo sfondo di un processo infiammatorio attivo, con malattie autoimmuni, reazioni di rigetto di trapianto, nefropatia diabetica, nonché con infezioni virali (HIV e CMV).

Il livello di microglobulina beta-2 è aumentato nel linfoma a cellule B, nel linfoma non Hodgkin e nel mieloma multiplo, e quindi la determinazione della sua concentrazione viene utilizzata per prevedere il decorso della malattia nell'oncologia dell'ematologia. Di conseguenza, nella medicina pratica, il livello di microglobulina beta-2 è determinato nei seguenti casi:

  • Previsione del decorso e valutazione dell'efficacia del trattamento del mieloma, linfomi B, linfomi non Hodgkin, leucemia linfocitica cronica;
  • Predire il corso e valutare l'efficacia della terapia per il cancro gastrico e intestinale (in combinazione con altri marker tumorali);
  • Valutazione dello stato e dell'efficacia del trattamento nei pazienti con HIV / AIDS o trapianti di organi.

Il livello normale (non elevato) di microglobulina beta-2 per uomini e donne di tutte le età è di 0,8 - 2,2 mg / l. Un aumento del livello di microglobulina beta-2 si osserva nelle seguenti malattie oncologiche e non oncologiche:
  • Mieloma multiplo;
  • Linfoma a cellule B;
  • La malattia di Waldenstrom;
  • Linfomi non Hodgkin;
  • Morbo di Hodgkin;
  • Cancro rettale;
  • Carcinoma mammario;
  • La presenza di HIV / AIDS in una persona;
  • Malattie autoimmuni sistemiche (sindrome di Sjogren, artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico);
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • Morbo di Crohn;
  • sarcoidosi.

Inoltre, va ricordato che l'assunzione di Vancomicina, Ciclosporina, Amfotericina B, Cisplastina e antibiotici-aminoglicosidi (Levomicetina, ecc.) Porta anche ad un aumento del livello di microglobulina beta-2 nel sangue.

Antigene del carcinoma a cellule squamose (SCC)

È un marker tumorale di carcinoma a cellule squamose di varia localizzazione. Il livello di questo marker tumorale è determinato per valutare l'efficacia della terapia e rilevare il carcinoma a cellule squamose della cervice, del rinofaringe, dell'orecchio e dei polmoni. In assenza di cancro, la concentrazione dell'antigene del carcinoma a cellule squamose può anche aumentare l'insufficienza renale, l'asma bronchiale o la patologia del fegato e delle vie biliari..

Di conseguenza, la determinazione del livello di antigene del carcinoma a cellule squamose nella medicina pratica viene effettuata per l'efficacia del trattamento del cancro della cervice, dei polmoni, dell'esofago, della testa e del collo, degli organi del sistema genito-urinario, nonché delle loro ricadute e metastasi..

Normale (non elevato) per le persone di qualsiasi età e sesso è la concentrazione dell'antigene del carcinoma a cellule squamose nel sangue inferiore a 1,5 ng / ml. Il livello di un marker tumorale al di sopra del normale è caratteristico per le seguenti patologie oncologiche:

Enolasi specifica del neurone (NSE, NSE)

Questa sostanza si forma in cellule di origine neuroendocrina e quindi la sua concentrazione può aumentare in varie malattie del sistema nervoso, tra cui tumori, lesioni traumatiche e ischemiche al cervello, ecc..

In particolare, un alto livello di NSE è caratteristico di carcinoma polmonare e bronchiale, neuroblastoma e leucemia. Un moderato aumento della concentrazione di NSE è caratteristico delle malattie polmonari non cancerose. Pertanto, la determinazione del livello di questo marker tumorale viene spesso utilizzata per valutare l'efficacia della terapia per il carcinoma polmonare a piccole cellule..

Attualmente, la determinazione del livello di NSE nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Per distinguere tra carcinoma polmonare a piccole e non a piccole cellule;
  • Per prevedere il corso, monitorare l'efficacia della terapia e la diagnosi precoce di recidiva o metastasi nel carcinoma polmonare a piccole cellule;
  • Se sospetti la presenza di carcinoma tiroideo, feocromocitoma, tumori intestinali e pancreatici;
  • Neuroblastoma sospetto nei bambini;
  • Come marker diagnostico aggiuntivo con seminom (in combinazione con hCG).

La concentrazione normale (non elevata) di NSE nel sangue è inferiore a 16,3 ng / ml per le persone di qualsiasi età e sesso.

Un aumento del livello di NSE si osserva nelle seguenti malattie oncologiche:

  • Neuroblastoma;
  • retinoblastoma;
  • Carcinoma polmonare a piccole cellule;
  • Carcinoma tiroideo midollare;
  • Feocromocitoma;
  • carcinoide;
  • gastrinoma;
  • insulinoma;
  • glucagonoma;
  • seminoma.

Inoltre, il livello di NSE supera la norma nelle seguenti malattie e condizioni non cancerose:
  • Insufficienza renale o epatica;
  • Tubercolosi polmonare;
  • Malattie polmonari croniche di natura non neoplastica;
  • fumatori;
  • Malattia emolitica;
  • Danni al sistema nervoso di origine traumatica o ischemica (ad esempio, trauma cranico, incidente cerebrovascolare, ictus, ecc.);
  • Demenza (demenza).

Tumore marker Cyfra CA 21-1 (frammento di citocheratina 19)

È un marker di carcinoma a cellule squamose di varia localizzazione: polmoni, vescica, cervice. La determinazione della concentrazione del marker tumorale Cyfra CA 21-1 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Distinguere i tumori maligni da altre masse nei polmoni;
  • Monitorare l'efficacia della terapia e rilevare ricadute del carcinoma polmonare;
  • Per controllare il decorso del cancro alla vescica.

Questo marker tumorale non viene utilizzato per la rilevazione primaria del carcinoma polmonare nelle persone che hanno un alto rischio di sviluppare una neoplasia di questa localizzazione, ad esempio nei fumatori forti, in quelli che soffrono di tubercolosi, ecc..

La concentrazione normale (non aumentata) del marker tumorale Cyfra CA 21-1 nel sangue di persone di qualsiasi età e sesso non è superiore a 3,3 ng / ml. Un aumento del livello di questo marker tumorale si osserva nelle seguenti malattie:

1.Tumori maligni:

  • Carcinoma polmonare non a piccole cellule;
  • Carcinoma polmonare a cellule squamose;
  • Carcinoma vescicale muscolo-invasivo.
2. malattie patologiche:
  • Malattie polmonari croniche (BPCO, tubercolosi, ecc.);
  • Insufficienza renale;
  • Malattie del fegato (epatite, cirrosi, ecc.);
  • fumo.

Marcatore tumorale HE4

È un marcatore specifico per il carcinoma ovarico ed endometriale. HE4 è più suscettibile al carcinoma ovarico rispetto alla CA 125, soprattutto nelle fasi iniziali. Inoltre, la concentrazione di HE4 non aumenta nell'endometriosi, nelle malattie ginecologiche infiammatorie e nei tumori benigni dell'area genitale femminile, a seguito della quale questo marker tumorale è altamente specifico per il carcinoma ovarico ed endometriale. Grazie a queste caratteristiche, HE4 è un marcatore importante e accurato del carcinoma ovarico, che consente di rilevare un tumore nelle fasi iniziali nel 90% dei casi..

La determinazione della concentrazione di HE4 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Per distinguere il cancro dalle neoplasie di natura non oncologica, localizzate nella piccola pelvi;
  • Diagnosi primaria di screening precoce del carcinoma ovarico (HE4 è determinato sullo sfondo di un livello di CA 125 normale o aumentato);
  • Monitoraggio dell'efficacia della terapia per il carcinoma ovarico epiteliale;
  • Rilevazione precoce di recidiva e metastasi del carcinoma ovarico;
  • Rilevazione di carcinoma mammario;
  • Rilevazione del cancro endometriale.

Le concentrazioni normali (non elevate) di HE4 nel sangue di donne di età diverse sono:
  • Donne sotto i 40 anni - meno di 60,5 pmol / l;
  • Donne 40 - 49 anni - meno di 76,2 pmol / l;
  • Donne 50 - 59 anni - meno di 74,3 pmol / l;
  • Donne di età compresa tra 60 e 69 anni - meno di 82,9 pmol / l;
  • Donne sopra i 70 anni - meno di 104 pmol / l.

Un aumento del livello di HE4 al di sopra della norma di età si sviluppa nel carcinoma endometriale e nelle forme non mistiche di carcinoma ovarico.

Data l'elevata specificità e sensibilità di HE4, la rilevazione di una maggiore concentrazione di questo marker nel sangue in quasi il 100% dei casi indica la presenza di carcinoma ovarico o endometriosi in una donna. Pertanto, se la concentrazione di HE4 è aumentata, il trattamento del cancro deve essere iniziato il prima possibile..

Proteina S-100

Questo marker tumorale è specifico per il melanoma. Inoltre, il livello di proteina S-100 nel sangue aumenta con danni alle strutture cerebrali di qualsiasi origine. Di conseguenza, la determinazione della concentrazione di proteina S-100 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Monitorare l'efficacia della terapia, identificando ricadute e metastasi del melanoma;
  • Chiarimento della profondità del danno al tessuto cerebrale sullo sfondo di varie malattie del sistema nervoso centrale.

Il contenuto normale (non elevato) di proteina S-100 nel plasma sanguigno è una concentrazione inferiore a 0,105 μg / L.

Un aumento del livello di questa proteina si nota nelle seguenti malattie:

1. Patologia oncologica:

  • Melanoma maligno della pelle.
2. malattie patologiche:
  • Danni al tessuto cerebrale di qualsiasi origine (traumatico, ischemico, dopo sanguinamento, ictus, ecc.);
  • Il morbo di Alzheimer;
  • Malattie infiammatorie di qualsiasi organo;
  • Intensa attività fisica.

Tumore marker CA 72-4

Il marcatore tumorale CA 72-4 è anche chiamato marcatore tumorale dello stomaco, poiché è in relazione ai tumori maligni di questo organo che ha la maggiore specificità e sensibilità. In generale, il marcatore tumorale CA 72-4 è caratteristico del cancro dello stomaco, del colon, dei polmoni, delle ovaie, dell'endometrio, del pancreas e delle ghiandole mammarie..

La determinazione della concentrazione del marcatore tumorale CA 72-4 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Per la diagnosi primaria precoce del carcinoma ovarico (in combinazione con il marcatore CA 125) e del carcinoma gastrico (in combinazione con marcatori CEA e CA 19-9);
  • Monitoraggio dell'efficacia della terapia per il cancro gastrico (in combinazione con marcatori CEA e CA 19-9), ovarico (in combinazione con CA 125) e tumore del colon e del retto.

La concentrazione normale (non aumentata) di CA 72-4 è inferiore a 6,9 U / ml.

Un'aumentata concentrazione del marker tumorale CA 72-4 viene rilevata nei seguenti tumori e malattie non oncologiche:

1. Patologie oncologiche:

  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro ovarico;
  • Cancro del colon e del retto;
  • Cancro ai polmoni;
  • Tumore al seno;
  • Cancro al pancreas.
2. malattie patologiche:
  • Tumori endometrioidi;
  • Pancreatite;
  • Cirrosi epatica;
  • Tumori benigni del tratto digestivo;
  • Malattia polmonare;
  • Malattia ovarica;
  • Malattie reumatiche (difetti cardiaci, reumatismi delle articolazioni, ecc.);
  • Malattie del seno.

Tumore marker CA 242

Il marker tumorale CA 242 è anche chiamato marker tumorale del tratto gastrointestinale, poiché è specifico per i tumori maligni del tratto digestivo. Un aumento del livello di questo marcatore viene rilevato nel cancro del pancreas, dello stomaco, del colon e del retto. Per il rilevamento più accurato dei tumori maligni del tratto gastrointestinale, si consiglia di combinare il marcatore tumorale CA 242 con i marcatori CA19-9 (per carcinoma pancreatico e del colon) e CA 50 (per carcinoma del colon).

La determinazione della concentrazione del marcatore tumorale CA 242 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Se vi è il sospetto di cancro al pancreas, allo stomaco, al colon o al retto (la CA 242 è determinata in combinazione con la CA 19-9 e la CA 50);
  • Valutare l'efficacia della terapia per il cancro del pancreas, dello stomaco, del colon e del retto;
  • Per la prognosi e la diagnosi precoce di recidive e metastasi di carcinoma pancreatico, stomaco, colon e retto.

La concentrazione normale (non elevata) di CA 242 è inferiore a 29 U / ml.

Un aumento del livello di CA 242 si osserva nelle seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Patologia oncologica:

  • Tumore al pancreas;
  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro del colon o del retto.
2. malattie patologiche:
  • Malattie del retto, dello stomaco, del fegato, del pancreas e del tratto biliare.

Tumore marker CA 15-3

Il marcatore tumorale CA 15-3 è anche chiamato marcatore mammario, poiché ha la maggiore specificità per il cancro di questo particolare organo. Sfortunatamente, la CA 15-3 è specifica non solo per il carcinoma mammario; pertanto, la sua determinazione non è raccomandata per la diagnosi precoce di tumori mammari maligni asintomatici nelle donne. Ma per una valutazione completa dell'efficacia della terapia del carcinoma mammario, la CA 15-3 è adatta, specialmente in combinazione con altri marcatori tumorali (CEA).
La determinazione della CA 15-3 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Valutazione dell'efficacia della terapia per il carcinoma mammario;
  • Rilevazione precoce di recidive e metastasi dopo il trattamento del carcinoma mammario;
  • Per distinguere tra carcinoma mammario e mastopatia.

Il valore normale (non aumentato) del marker tumorale CA 15-3 nel plasma sanguigno è inferiore a 25 U / ml.

Un aumento del livello di CA 15-3 viene rilevato nelle seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche:

  • Carcinoma mammario;
  • Carcinoma dei bronchi;
  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro al fegato;
  • Cancro al pancreas;
  • Carcinoma ovarico (solo nelle fasi avanzate);
  • Cancro endometriale (solo nelle fasi avanzate);
  • Cancro uterino (solo stadio avanzato).
2. malattie patologiche:
  • Malattie benigne delle ghiandole mammarie (mastopatia, ecc.);
  • Cirrosi epatica;
  • Epatite acuta o cronica;
  • Malattie autoimmuni del pancreas, della ghiandola tiroidea e di altri organi endocrini;
  • Terzo trimestre di gravidanza.

Oncomarker CA 50

Il marker tumorale CA 50 è anche chiamato marker tumorale del pancreas, poiché è il più informativo e specifico in relazione ai tumori maligni di questo organo. La massima precisione nella rilevazione del carcinoma del pancreas si ottiene con la determinazione simultanea delle concentrazioni di marker tumorali CA 50 e CA 19-9.

La determinazione della concentrazione di CA 50 nella medicina pratica viene effettuata nei seguenti casi:

  • Sospetto carcinoma pancreatico (anche sullo sfondo dei normali livelli di CA 19-9);
  • Sospetto tumore del colon o del retto;
  • Monitoraggio dell'efficacia della terapia e diagnosi precoce delle metastasi o recidiva del carcinoma del pancreas.

La concentrazione normale (non elevata) di CA 50 è inferiore a 25 U / ml nel sangue.

Un aumento del livello di CA 50 si osserva nelle seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche:

  • Cancro al pancreas;
  • Carcinoma del retto o del colon;
  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro ovarico;
  • Cancro ai polmoni;
  • Carcinoma mammario;
  • Cancro alla prostata;
  • Cancro al fegato.
2. malattie patologiche:
  • Pancreatite acuta;
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • colangite;
  • Ulcera peptica dello stomaco o del duodeno.

Tumore marker CA 19-9

Il marker tumorale CA 19-9 è anche chiamato marker tumorale del pancreas e della cistifellea. Tuttavia, in pratica, questo marker è uno dei più sensibili e specifici per il cancro non di tutti gli organi dell'apparato digerente, ma solo del pancreas. Questo è il motivo per cui CA 19-9 è un marker per gli esami di screening per sospetti tumori del pancreas. Ma, sfortunatamente, in circa il 15-20% delle persone, il livello di CA 19-9 rimane normale sullo sfondo della crescita attiva di un tumore maligno del pancreas, che è dovuto all'assenza dell'antigene di Lewis in essi, a causa del quale CA 19-9 non viene prodotto in grandi quantità. Pertanto, per una diagnosi precoce completa e di alta precisione del carcinoma del pancreas, vengono simultaneamente determinati due marker tumorali: CA 19-9 e CA 50. Dopotutto, se una persona non ha l'antigene Lewis e il livello di CA 19-9 non aumenta, aumenta la concentrazione di CA 50, che consente di identificare cancro al pancreas.

Oltre al cancro del pancreas, la concentrazione del marcatore tumorale CA 19-9 aumenta nel tumore dello stomaco, del retto, del tratto biliare e del fegato.

Pertanto, nella medicina pratica, il livello del marker tumorale CA 19-9 è determinato nei seguenti casi:

  • Distinguere il cancro del pancreas da altre malattie di questo organo (in combinazione con il marcatore CA 50);
  • Valutazione dell'efficacia del trattamento, monitoraggio del decorso, diagnosi precoce di recidiva e metastasi del carcinoma pancreatico;
  • Valutazione dell'efficacia del trattamento, controllo del decorso, diagnosi precoce di recidive e metastasi del carcinoma gastrico (in combinazione con il marcatore CEA e CA 72-4);
  • Sospetto cancro del retto o del colon (in combinazione con marcatore CEA);
  • Per rilevare forme mucose di carcinoma ovarico in combinazione con la determinazione di marcatori CA 125, HE4.

La concentrazione normale (non aumentata) di CA 19-9 nel sangue è inferiore a 34 U / ml.

Un aumento della concentrazione del marcatore tumorale CA 19-9 è stato osservato nelle seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche (il livello di CA 19-9 aumenta in modo significativo):

  • Cancro al pancreas;
  • Tumore della cistifellea o del tratto biliare;
  • Cancro al fegato;
  • Cancro allo stomaco;
  • Carcinoma del retto o del colon;
  • Carcinoma mammario;
  • Cancro uterino;
  • Carcinoma ovarico mucinoso.
2. malattie patologiche:
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • colelitiasi;
  • colecistite;
  • Artrite reumatoide;
  • Lupus eritematoso sistemico;
  • sclerodermia.

Tumore marker CA 125

Il marcatore tumorale CA 125 è anche chiamato marcatore ovarico, poiché la determinazione della sua concentrazione è più importante per la rilevazione dei tumori di questo particolare organo. In generale, questo marker tumorale è prodotto dall'epitelio delle ovaie, del pancreas, della cistifellea, dello stomaco, dei bronchi e dell'intestino, a seguito del quale un aumento della sua concentrazione può indicare la presenza di un focus della crescita tumorale in uno di questi organi. Di conseguenza, una così vasta gamma di tumori, in cui il livello del marker tumorale CA 125 può aumentare, determina la sua bassa specificità e il suo basso significato pratico. Pertanto, nella medicina pratica, si raccomanda di determinare il livello di CA 125 nei seguenti casi:

  • Come test di screening per il carcinoma mammario in donne in postmenopausa e per le donne di qualsiasi età che hanno un parente di sangue con carcinoma mammario o ovarico;
  • Valutazione dell'efficacia della terapia, diagnosi precoce di recidive e metastasi nel carcinoma ovarico;
  • Rilevazione di adenocarcinoma del pancreas (in combinazione con il marker tumorale CA 19-9);
  • Monitoraggio dell'efficacia della terapia e identificazione della ricorrenza dell'endometriosi.

La concentrazione normale (non elevata) di CA 125 nel sangue è inferiore a 25 U / ml.

Un aumento del livello di CA 125 si osserva nelle seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche:

  • Forme epiteliali di carcinoma ovarico;
  • Cancro uterino;
  • Tumore endometriale;
  • Cancro delle tube di Falloppio;
  • Carcinoma mammario;
  • Cancro al pancreas;
  • Cancro allo stomaco;
  • Cancro al fegato;
  • Cancro rettale;
  • Tumore ai polmoni.
2. malattie patologiche:
  • Tumori benigni e malattie infiammatorie dell'utero, delle ovaie e delle tube di Falloppio;
  • Endometriosi;
  • Terzo trimestre di gravidanza;
  • Malattia del fegato;
  • Malattie del pancreas;
  • Malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sclerodermia, lupus eritematoso sistemico, tiroidite di Hashimoto, ecc.).

Antigene prostatico specifico totale e libero (PSA)

L'antigene comune specifico della prostata è una sostanza prodotta dalle cellule della ghiandola prostatica, che circola nella circolazione sistemica in due forme: libera e legata alle proteine ​​plasmatiche. Nella pratica clinica, vengono determinati il ​​contenuto totale di PSA (forma libera + legata alle proteine) e il livello di PSA libero.

Il contenuto totale di PSA è un marker di qualsiasi processo patologico nella ghiandola prostatica maschile, come infiammazione, trauma, condizioni dopo manipolazioni mediche (ad esempio massaggio), tumori maligni e benigni, ecc. Il livello di PSA libero diminuisce solo nei tumori maligni della prostata, a seguito del quale questo indicatore, in combinazione con il PSA totale, viene utilizzato per la diagnosi precoce e il monitoraggio dell'efficacia della terapia per il carcinoma prostatico negli uomini..

Pertanto, la determinazione del livello totale di PSA e PSA libero nella medicina pratica viene utilizzata per la diagnosi precoce del cancro alla prostata, nonché per monitorare l'efficacia della terapia e la comparsa di recidive o metastasi dopo il trattamento per il cancro alla prostata. Di conseguenza, nella medicina pratica, la determinazione dei livelli di PSA liberi e totali è mostrata nei seguenti casi:

  • Diagnosi precoce del carcinoma prostatico;
  • Valutazione del rischio di metastasi del carcinoma della prostata;
  • Valutazione dell'efficacia della terapia del cancro alla prostata;
  • Rilevazione di recidive o metastasi del carcinoma prostatico dopo il trattamento.

La concentrazione di PSA totale nel sangue è considerata normale entro i seguenti valori per uomini di età diverse:
  • Meno di 40 - meno di 1,4 ng / ml;
  • 40 - 49 anni - meno di 2 ng / ml;
  • 50-59 anni - meno di 3,1 ng / ml;
  • 60 - 69 anni - meno di 4,1 ng / ml;
  • Oltre 70 anni - meno di 4,4 ng / ml.

Si osserva un aumento della concentrazione totale di PSA nel carcinoma della prostata, così come nella prostatite, nell'infarto della prostata, nell'iperplasia prostatica e dopo irritazione della ghiandola (ad esempio, dopo il massaggio o l'esame attraverso l'ano).

Il livello di PSA libero non ha un valore diagnostico indipendente, poiché per la rilevazione del carcinoma prostatico la sua quantità è importante come percentuale del PSA totale. Pertanto, il PSA libero viene determinato in aggiunta solo quando il livello totale è superiore a 4 ng / ml in un uomo di qualsiasi età e, di conseguenza, esiste un'alta probabilità di cancro alla prostata. In questo caso, viene determinata la quantità di PSA libero e il suo rapporto con il PSA totale viene calcolato come percentuale utilizzando la formula:

PSA gratuito / PSA totale * 100%

Inoltre, se il PSA libero è superiore al 15%, un uomo ha una malattia non oncologica della prostata. Se il PSA libero è inferiore al 15%, allora questa è quasi il 100% di conferma del cancro alla prostata..

Fosfatasi acida prostatica (PAP)

La fosfatasi acida è un enzima che viene prodotto nella maggior parte degli organi, ma la più alta concentrazione di questa sostanza si trova nella ghiandola prostatica. Inoltre, un alto contenuto di fosfatasi acida è caratteristico del fegato, della milza, degli eritrociti, delle piastrine e del midollo osseo. Parte dell'enzima dagli organi viene rilasciato nel sangue e circola nella circolazione sistemica. Inoltre, nella quantità totale totale di fosfatasi acida nel sangue, la maggior parte è rappresentata da una frazione della prostata. Ecco perché la fosfatasi acida è un marker tumorale per la prostata.

Nella medicina pratica, la concentrazione di fosfatasi acida viene utilizzata solo per controllare l'efficacia della terapia, poiché con una cura efficace del tumore, il suo livello scende quasi a zero. Per la diagnosi precoce del carcinoma prostatico, la determinazione del livello di fosfatasi acida non viene utilizzata, poiché a questo scopo il marker tumorale ha una sensibilità troppo bassa - non più del 40%. Ciò significa che solo il 40% dei tumori alla prostata può essere rilevato con fosfatasi acida..

La concentrazione normale (non elevata) di fosfatasi dell'acido prostatico è inferiore a 3,5 ng / ml.

Un aumento del livello di fosfatasi dell'acido prostatico si osserva nelle seguenti patologie oncologiche e non oncologiche:

  • Cancro alla prostata;
  • Infarto della prostata;
  • BPH;
  • Prostatite acuta o cronica;
  • Il periodo entro 3-4 giorni dopo l'irritazione della prostata durante l'intervento chirurgico, l'esame rettale, la biopsia, il massaggio o l'ecografia;
  • Epatite cronica;
  • Cirrosi epatica.

Antigene cancro-embrionale (CEA, SEA)

Questo marcatore tumorale è prodotto da carcinomi di varia localizzazione, cioè tumori originati dal tessuto epiteliale di qualsiasi organo. Di conseguenza, il livello di CEA può essere aumentato in presenza di carcinoma in quasi tutti gli organi. Tuttavia, CEA è più specifico per i carcinomi del retto e del colon, dello stomaco, del polmone, del fegato, del pancreas e del seno. Inoltre, il livello di CEA può essere elevato nei fumatori e nelle persone con malattie infiammatorie croniche o tumori benigni..

A causa della bassa specificità del CEA, questo marker tumorale nella pratica clinica non viene utilizzato per la diagnosi precoce del cancro, ma viene utilizzato per valutare l'efficacia della terapia e controllare la ricaduta, poiché il suo livello durante la morte tumorale diminuisce drasticamente rispetto ai valori che hanno avuto luogo prima dell'inizio del trattamento..

Inoltre, in alcuni casi, la determinazione della concentrazione di CEA viene utilizzata per rilevare i tumori, ma solo in combinazione con altri marcatori tumorali (con AFP per rilevare il cancro del fegato, con CA 125 e CA 72-4 per carcinoma ovarico, con CA 19-9 e CA 72- 4 - tumore allo stomaco, con CA 15-3 - carcinoma mammario, con CA 19-9 - carcinoma del retto o del colon). In tali situazioni, CEA non è il principale, ma un marker tumorale aggiuntivo, che consente di aumentare la sensibilità e la specificità del principale.

Di conseguenza, la determinazione della concentrazione di CEA nella pratica clinica è indicata nei seguenti casi:

  • Monitorare l'efficacia della terapia e rilevare metastasi di carcinoma intestinale, mammario, polmonare, epatico, pancreas e gastrico;
  • Per rilevare in presenza di sospetti di cancro intestinale (con il marker CA 19-9), seno (con il marker CA 15-3), fegato (con il marker AFP), stomaco (con i marker CA 19-9 e CA 72-4), pancreas (con marker CA 242, CA 50 e CA 19-9) e polmoni (con marker NSE, AFP, SCC, Cyfra CA 21-1).

I valori di concentrazione CEA normali (non elevati) sono i seguenti:
  • I fumatori di età compresa tra 20 e 69 anni - meno di 5,5 ng / ml;
  • Non fumatori di età compresa tra 20 e 69 anni - meno di 3,8 ng / ml.

Un aumento del livello CEA si osserva nelle seguenti malattie oncologiche e non oncologiche:

1. Malattie oncologiche:

  • Cancro del colon e del retto;
  • Carcinoma mammario;
  • Cancro ai polmoni;
  • Cancro della ghiandola tiroidea, pancreas, fegato, ovaie e prostata (un aumento del valore CEA è di valore diagnostico solo se anche i livelli di altri marcatori di questi tumori sono elevati).
2. malattie patologiche:
  • Epatite;
  • Cirrosi epatica;
  • Pancreatite;
  • Morbo di Crohn;
  • Colite ulcerosa;
  • prostatite;
  • Iperplasia della prostata;
  • Malattia polmonare;
  • Fallimento renale cronico.

Antigene polipeptidico tissutale (TPA)

Questo marcatore tumorale è prodotto da carcinomi - tumori originati da cellule epiteliali di qualsiasi organo. Tuttavia, la TPA è più specifica in relazione ai carcinomi della mammella, della prostata, dell'ovaio, dello stomaco e dell'intestino. Di conseguenza, nella pratica clinica, la determinazione del livello di TPA è mostrata nei seguenti casi:

  • Rilevazione e controllo sull'efficacia della terapia per il carcinoma vescicale (in combinazione con TPA);
  • Individuazione e monitoraggio dell'efficacia della terapia del carcinoma mammario (in combinazione con CEA, CA 15-3);
  • Rilevazione e controllo dell'efficacia della terapia del cancro del polmone (in combinazione con marcatori NSE, AFP, SCC, Cyfra CA 21-1);
  • Rilevazione e monitoraggio dell'efficacia della terapia per il cancro cervicale (in combinazione con marcatori SCC, Cyfra CA 21-1).

Il livello normale (non elevato) di TPA nel siero del sangue è inferiore a 75 U / L.

Un aumento del livello di TPA si osserva nelle seguenti malattie oncologiche:

  • Carcinoma vescicale;
  • Carcinoma mammario;
  • Tumore ai polmoni.

Poiché il TPA aumenta solo nelle malattie oncologiche, questo marker tumorale ha una specificità molto elevata in relazione ai tumori. Cioè, un aumento del suo livello ha un valore diagnostico molto importante, indicando in modo inequivocabile la presenza di un focus sulla crescita del tumore nel corpo, poiché un aumento della concentrazione di TPA non si verifica nelle malattie non oncologiche..

Tumore-M2-piruvato chinasi (PC-M2)

Questo marker tumorale è altamente specifico per i tumori maligni, ma non ha specificità d'organo. Ciò significa che la comparsa di questo marcatore nel sangue indica chiaramente la presenza di un focus sulla crescita del tumore nel corpo, ma, sfortunatamente, non dà l'idea di quale organo sia interessato..

La determinazione della concentrazione di PC-M2 nella pratica clinica è mostrata nei seguenti casi:

  • Per chiarire la presenza di un tumore in combinazione con altri marker tumorali specifici per organo (ad esempio, se un altro marker tumorale è elevato, ma non è chiaro se ciò sia una conseguenza della presenza di un tumore o di una malattia non cancerosa. In questo caso, la determinazione del PC-M2 aiuterà a distinguere se un tumore o un aumento della concentrazione è causato da un tumore o Dopotutto, se il livello di PC-M2 è elevato, ciò indica chiaramente la presenza di un tumore, il che significa che è necessario esaminare organi per i quali è specifico un altro marker tumorale con un'alta concentrazione);
  • Valutazione dell'efficacia della terapia;
  • Controllo per la comparsa di metastasi o recidiva del tumore.

La concentrazione normale (non elevata) di PC-M2 nel sangue è inferiore a 15 U / ml.

Un aumento del livello di PC-M2 nel sangue viene rilevato nei seguenti tumori:

  • Tumore del tratto digestivo (stomaco, intestino, esofago, pancreas, fegato);
  • Carcinoma mammario;
  • Carcinoma renale;
  • Cancro ai polmoni.

Chromogranin A

È un marcatore sensibile e specifico dei tumori neuroendocrini. Pertanto, nella pratica clinica, la determinazione del livello di cromogranina A è indicata nei seguenti casi:

  • Individuazione di tumori neuroendocrini (insulinomi, gastrinomi, VIPomi, glucagonomi, somatostatinomi, ecc.) E monitoraggio dell'efficacia della loro terapia;
  • Per valutare l'efficacia della terapia ormonale per il cancro alla prostata.

La concentrazione normale (non elevata) di cromogranina A è di 27 - 94 ng / ml.

Un aumento della concentrazione del marker tumorale si osserva solo nei tumori neuroendocrini..

Combinazioni di marcatori tumorali per la diagnosi di cancro di vari organi

Consideriamo combinazioni razionali di vari marcatori tumorali, le cui concentrazioni sono raccomandate per essere determinate per la rilevazione più accurata e precoce dei tumori maligni di vari organi e sistemi. Allo stesso tempo, presentiamo i marcatori tumorali principali e aggiuntivi per il cancro di ogni localizzazione. Per valutare i risultati, è necessario sapere che il marcatore principale del tumore ha la maggiore specificità e sensibilità ai tumori di qualsiasi organo e quello aggiuntivo aumenta il contenuto informativo di quello principale, ma senza di esso non ha un significato indipendente..

Di conseguenza, un aumento del livello sia dei marcatori tumorali principali sia di quelli aggiuntivi comporta un'altissima probabilità di cancro nell'organo esaminato. Ad esempio, al fine di rilevare il carcinoma mammario, sono stati determinati i marker tumorali CA 15-3 (principale) e CEA con CA 72-4 (aggiuntivo) e il livello di tutti si è rivelato essere aumentato. Ciò significa che la possibilità di avere il cancro al seno è superiore al 90%. Per confermare ulteriormente la diagnosi, è necessario un esame del seno con metodi strumentali..

Un livello elevato dei marker aggiuntivi principali e normali significa che esiste un'alta probabilità di cancro, ma non necessariamente nell'organo esaminato, poiché il tumore può crescere in altri tessuti per i quali il marker tumorale ha specificità. Ad esempio, se, quando si determinano i marker di carcinoma mammario, la CA 15-3 principale è aumentata e la CEA e la CA 72-4 sono normali, ciò può indicare un'alta probabilità della presenza di un tumore, ma non nella ghiandola mammaria, ma, ad esempio, nello stomaco, poiché CA 15-3 può anche aumentare nel cancro gastrico. In tale situazione, un ulteriore esame di quegli organi in cui si può sospettare un focus sulla crescita del tumore.

Se viene rilevato un livello normale del marker tumorale principale e un livello aumentato di quello secondario, ciò indica un'alta probabilità della presenza di un tumore non nell'organo esaminato, ma in altri tessuti, in relazione ai quali sono specifici marker aggiuntivi. Ad esempio, nel determinare i marcatori del carcinoma mammario, la CA 15-3 principale rientrava nell'intervallo normale, mentre la CEA secondaria e la CA 72-4 erano aumentate. Ciò significa che esiste un'alta probabilità della presenza di un tumore non nella ghiandola mammaria, ma nelle ovaie o nello stomaco, poiché i marcatori CEA e CA 72-4 sono specifici per questi organi..

Marcatori tumorali al seno. I marker principali sono CA 15-3 e TPA, quelli aggiuntivi sono CEA, PK-M2, HE4, CA 72-4 e microglobulina beta-2.

Marcatori tumorali ovarici. Il marker principale è CA 125, CA 19-9, HE4 aggiuntivo, CA 72-4, hCG.

Marcatori tumorali intestinali. Indicatore principale: CA 242 e CEA, CA 19-9 aggiuntivo, PK-M2 e CA 72-4.

Marcatori tumorali dell'utero. Per il cancro uterino, i marcatori principali sono CA 125 e CA 72-4 e marcatori aggiuntivi sono CEA, e per il cancro cervicale, i marcatori principali sono SCC, TPA e CA 125 e marcatori aggiuntivi sono CEA e CA 19-9.

Marcatori tumorali dello stomaco. Principale: CA 19-9, CA 72-4, REA, CA 242 aggiuntiva, PK-M2.

Marcatori tumorali pancreatici. I principali sono CA 19-9 e CA 242, altri - CA 72-4, PK-M2 e REA.

Marcatori tumorali al fegato. I principali sono AFP, aggiuntivi (adatti per il rilevamento di metastasi) - CA 19-9, PK-M2 CEA.

Marcatori tumorali polmonari. I principali sono NSE (solo per i tumori a piccole cellule), Cyfra 21-1 e CEA (per i tumori a cellule non piccole), altri sono SCC, CA 72-4 e PK-M2.

Marcatori tumorali della cistifellea e del tratto biliare. Principale - CA 19-9, aggiuntiva - AFP.

Marcatori tumorali della prostata. I principali sono il PSA totale e la percentuale di PSA libero, ulteriore è la fosfatasi acida.

Marcatori tumorali testicolari. Principale - AFP, hCG, aggiuntivo - NSE.

Marcatori tumorali della vescica. Capo - REA.

Marcatori tumorali della ghiandola tiroidea. I principali sono NSE, REA.

Marcatori tumorali del rinofaringe, dell'orecchio o del cervello. I principali sono NSE e CEA.

Marcatori tumorali per donne. Il kit è raccomandato per l'esame di screening per la presenza di tumori degli organi genitali femminili e comprende, di norma, i seguenti marcatori:

  • CA 15-3 - marker del seno;
  • CA 125 - marker ovarico;
  • CEA - un marcatore di carcinomi di qualsiasi localizzazione;
  • HE4 - marker di ovaie e ghiandole mammarie;
  • SCC - marker di cancro cervicale;
  • CA 19-9 - un marker del pancreas e della cistifellea.

Se il marker tumorale è elevato

Se aumenta la concentrazione di qualsiasi marker tumorale, ciò non significa che questa persona abbia un tumore maligno con una precisione del 100%. Dopotutto, la specificità di qualsiasi marker tumorale non raggiunge il 100%, a seguito della quale si può osservare un aumento del loro livello in altre malattie non oncologiche..

Pertanto, se viene rilevato un livello aumentato di qualsiasi marker tumorale, è necessario passare nuovamente l'analisi dopo 3-4 settimane. E solo se per la seconda volta la concentrazione del marker risulta essere aumentata, è necessario iniziare un ulteriore esame per scoprire se l'alto livello del marker tumorale è associato a una neoplasia maligna o è causato da una malattia non cancerosa. Per questo, è necessario esaminare quegli organi, la presenza di un tumore in cui può portare ad un aumento del livello di un marker tumorale. Se il tumore non viene rilevato, dopo 3-6 mesi è necessario donare nuovamente sangue per i marker tumorali.

Prezzo di analisi

Il costo per determinare la concentrazione di vari marcatori tumorali varia attualmente da 200 a 2500 rubli. È consigliabile scoprire i prezzi di vari marcatori tumorali in specifici laboratori, poiché ogni istituzione stabilisce i propri prezzi per ciascun test, a seconda del livello di complessità dell'analisi, del prezzo dei reagenti, ecc..

Autore: Nasedkina A.K. Specialista in ricerca biomedica.