Il cancro è contagioso?

Le malattie oncologiche si stanno rapidamente diffondendo tra la popolazione, quindi le persone sono preoccupate se è possibile essere infettati da un paziente e come prevenirlo. Non c'è dubbio che il cancro sia pericoloso, riduce la sopravvivenza e porta alla morte. Per proteggerti da esso, è importante sapere perché si verifica e come viene trasmesso. Durante l'esistenza della diagnosi di "carcinoma", sono stati condotti numerosi studi, ma l'oncologia non ha raggiunto un'unica conclusione sulla patogenesi di questa malattia.

Cause del cancro

Non esiste una teoria unica sullo sviluppo della divisione cellulare incontrollata patologica. Esistono diverse varianti su come il paziente viene infettato o su cosa innesca il processo patologico. Esistono i seguenti fattori che aumentano la probabilità di una neoplasia maligna:

  • predisposizione genetica;
  • casi di cancro nei parenti prossimi;
  • mutazioni geniche;
  • oncovirus;
  • contatto con agenti cancerogeni;
  • esposizione alle radiazioni;
  • formazioni benigne;
  • processi infiammatori cronici.

L'influenza di diversi fattori contemporaneamente aumenta significativamente il rischio di sviluppare un carcinoma.

È possibile essere infettati?

Il cancro non viene trasmesso da una persona malata a una persona sana da goccioline trasportate dall'aria, attraverso il sangue o altri liquidi. Ciò è stato scientificamente dimostrato molte volte. Lo scienziato francese Jean Albert ha condotto un esperimento iniettando un estratto di tumore a se stesso e ad altre persone sane. Nessuno dei soggetti del test si è ammalato, il che dimostra che il cancro non è contagioso. Anche con il contatto con un paziente con carcinoma polmonare di grado 4 con metastasi, non è possibile contrarre l'infezione. Questi pazienti sono al sicuro per coloro che li circondano nonostante la presenza di sintomi come tosse e espettorato, che non sono contagiosi..

Quando ti prendi cura di un paziente con cancro, non devi preoccuparti del trasferimento di cellule atipiche. Attraverso piatti, articoli per l'igiene, è impossibile essere infettati da un malato di cancro. Da persona a persona, è stata dimostrata solo la contagiosità in termini di mutazioni genetiche, vale a dire, nel carcinoma mammario. I geni difettosi sono stati trovati nelle donne che soffrono di questa patologia. Le loro figlie si ammalano molte volte più spesso dei figli di donne sane. La famosa attrice Angelina Jolie si è tolta il seno per prevenire lo sviluppo di una neoplasia, perché nel suo set cromosomico sono stati trovati geni patologici.

Virus infettivi che possono scatenare il cancro

Esiste una teoria dei microrganismi patologici che possono causare un processo maligno. Questi includono:

  • Helicobacter pylori;
  • Virus di Epstein-Barr;
  • l'agente eziologico dell'epatite B e C;
  • virus del papilloma umano;
  • HIV;
  • virus della mononucleosi.
Il corpo contiene microrganismi che innescano processi oncologici se lo esponi a stress, come il digiuno.

È importante capire che la presenza di questi microrganismi non significa che una malattia infettiva si trasformi in cancro. Questi agenti patogeni sono in grado di avviare il processo di trasformazione delle cellule normali in cellule atipiche a causa della prolungata esposizione agli organi. L'helicobacter pylori può essere contratto attraverso la saliva e più spesso attraverso il bacio. Le persone più sane hanno questi batteri. In caso di malnutrizione, abuso di alcol, fame, vengono attivati ​​e innescano lo sviluppo di gastrite, duodenite, ulcere allo stomaco e ulcere duodenali. Il decorso cronico di queste patologie porta di conseguenza alla metaplasia dell'epitelio e all'insorgenza del cancro.

Virus dell'epatite B e C, i papillomi sono infettivi sessualmente e attraverso il sangue, la superficie della pelle. L'oncologia ha dimostrato il pericolo di queste infezioni, poiché portano rapidamente a un'interruzione della normale funzione delle cellule, che è irta della rapida insorgenza dell'atypia. Il virus stesso non è oncologico, perché è la causa di molte condizioni patologiche e puoi infettarti senza la comparsa di neoplasie. Ma se si presentano le condizioni per la sua crescita e sviluppo, sotto la loro influenza, le normali cellule del corpo mutano e si sviluppa il cancro..

Gli esperti chiariscono che è falso supporre che il cancro esca dal nulla. Più spesso, la sua salute dipende dalla vita del paziente..

Fattori di rischio

La possibilità di sviluppare il cancro è aumentata se sono presenti le seguenti condizioni:

Le persone il cui lavoro ha un impatto negativo sulla salute corrono un rischio maggiore di sviluppare malattie maligne..

  • infezioni croniche;
  • papillomi comuni;
  • stress frequente;
  • cattiva alimentazione;
  • lavorare nella produzione pericolosa;
  • esposizione prolungata alla pelle dei raggi ultravioletti;
  • anomalie congenite degli organi;
  • contatto costante con pesticidi ed erbicidi;
  • obesità;
  • forma cronica di epatite B o C;
  • Aids.
Torna al sommario

Prevenzione

Per prevenire l'insorgenza di processi maligni nel corpo, ci sono una serie di raccomandazioni non specifiche. È importante capire che la salute e la possibilità di metaplasia delle cellule normali del corpo dipendono dallo stile di vita, dalla nutrizione, dall'habitat, dalle patologie interne e dall'attività del sistema nervoso. È necessario mangiare bene, non abusare di alcol, cibo spazzatura, cibo pesante malsano. È necessario escludere dalla dieta alimenti geneticamente modificati che provocano un cambiamento nel contenuto nucleare delle cellule epiteliali dello stomaco.

La prevenzione delle neoplasie comprende il trattamento delle patologie infettive nelle prime fasi dello sviluppo prima che il processo diventi cronico. È necessario evitare le sostanze cancerogene della polvere inerenti a vari settori, gli effetti dei raggi radioattivi e dei raggi ultravioletti. Se hai una storia familiare di cancro, si consiglia di sottoporsi a controlli periodici, poiché la diagnosi precoce promuove il recupero del cancro e il normale funzionamento.

È necessario evitare un sovraccarico, un duro lavoro fisico. È necessario praticare vari sport, trascorrere del tempo all'aperto per rafforzare il sistema immunitario. L'alta immunità è in grado di combattere i disturbi infettivi e proteggere il corpo dagli effetti dannosi di fattori ambientali negativi. Se vengono rilevate neoplasie benigne, devono essere rimosse immediatamente, poiché ci sono casi della loro trasformazione in maligna.

È possibile contrarre il cancro allo stomaco?

Uno dei tumori più comuni è il cancro allo stomaco. Una malattia così pericolosa è caratterizzata dalla formazione di un tumore maligno, che si è formato dalle cellule del tessuto epiteliale dell'organo interno. La malattia non viene trasmessa attraverso il sangue o le goccioline trasportate dall'aria, sessualmente, in famiglia. Pertanto, una persona malata non può infettare le persone intorno a lui..

Oncologia dello stomaco: cause e sintomi

Il cancro è una mutazione genetica nelle cellule. Colpisce il tratto digestivo in circa 700.000 persone all'anno..

Più spesso, i medici parlano di una predisposizione alla malattia. A rischio sono quelli che hanno avuto casi di oncologia nelle loro famiglie. Una causa comune di un tumore è lo sviluppo di un'ulcera allo stomaco. Se non si inizia il trattamento in tempo, i tessuti dell'organo interno verranno distrutti, il che porterà al processo oncologico. Il batterio Helicobacter pylori spesso contribuisce allo sviluppo di ulcere. Si verifica anche nei tumori. Le metastasi di malattie oncologiche di altri organi (intestino, ghiandole mammarie) provocano la comparsa di neoplasie nello stomaco. Un'alimentazione scorretta, bassi standard di vita contribuiscono a cattive condizioni di salute. Si ritiene che le persone che mangiano molti cibi in salamoia, salati e fritti e abbiano poche fibre soffrano della malattia più spesso di coloro che seguono la loro dieta..

Sintomi della malattia

Nelle prime fasi, i segni del cancro allo stomaco sono invisibili o simili ad altre malattie. Le persone con un'ulcera pensano che questo sia un altro attacco della malattia, mentre altri confondono la patologia per un'indigestione frivola e si limitano a una dieta. In una fase precoce della malattia, il paziente avverte lieve debolezza, lieve dolore allo stomaco, perdita di peso e perdita di appetito. Quindi compaiono sintomi più gravi:

  • vomito;
  • nausea;
  • diarrea;
  • gonfiore;
  • bruciore di stomaco;
  • disfagia (difficoltà a deglutire);
  • sanguinamento nello stomaco.

Per un rilevamento tempestivo, è necessario essere costantemente esaminati da un medico e cercare aiuto in tempo. Per una ricerca dettagliata, viene utilizzata la gastroscopia. Permette di prendere una parte separata del tessuto interessato per la ricerca. Una biopsia viene utilizzata per determinare se il tumore è benigno o maligno. Radiografie e laparoscopia meno comunemente utilizzate.

Il cancro allo stomaco è contagioso??

I medici affermano inequivocabilmente che la malattia stessa non viene trasmessa e che è impossibile contrarre il cancro da una persona malata. Non passa né con mezzi quotidiani né con goccioline trasportate dall'aria dalle persone che lo circondano. Toccando i malati, vivendo con loro nella stessa casa, è impossibile contrarre una malattia pericolosa. Ma allo stesso tempo, il cancro si sviluppa spesso a causa di danni allo stomaco da parte del batterio Helicobacter pylori, che è contagioso e provoca vari processi patologici nel corpo. Il cancro è spesso trasmesso per predisposizione genetica.

Helicobacter pylori

Questo batterio è presente nel corpo di tutte le persone e non è pericoloso in circostanze normali. Ma con l'inizio di processi patologici, provoca un'ulcera, che può svilupparsi in carcinoma. È lei che passa da un portatore all'altro con la saliva ed eccita i processi infiammatori. Questo deve essere ricordato quando si contatta una persona con gastrite o ulcera.

Altri virus

Oltre a Helicobacter, ci sono altri 3 virus che provocano l'oncologia. Molte donne sono esposte all'HPV, il papillomavirus umano. È trasmesso sessualmente ed è la causa primaria del cancro cervicale. Ma inizia la sua attività solo con un'immunità debole e se il trattamento viene assunto in modo tempestivo, il virus viene facilmente distrutto dalla terapia farmacologica. I virus dell'epatite B e C, che provocano malattie del fegato, non sono meno comuni. Una persona viene infettata da esso attraverso il sangue o sessualmente. A volte, se si ignora la mononucleosi, sfocia nel cancro dei linfonodi o del rinofaringe. È facilmente trasmesso attraverso la saliva e il virus è particolarmente comune nei bambini di età compresa tra 9 e 10 anni. Ma lui, come l'HPV, agisce con un'immunità debole e guarisce rapidamente. La mononucleosi provoca il virus Epstein-Barr.

Prevenzione

Il modo migliore per prevenire il cancro allo stomaco è vivere uno stile di vita sano. L'esercizio fisico moderato, una dieta sana e la mancanza di cattive abitudini riducono il rischio di malattia. Le persone con una predisposizione genetica devono essere sistematicamente controllate dai medici e diagnosticate. Si consiglia alle donne di visitare regolarmente il proprio ginecologo per prevenire il cancro al seno.

Come si diffonde il cancro? I primi sintomi del cancro

Dall'isolamento del virus che causa il cancro, si pensava che la malattia fosse contagiosa, quindi sono sorte domande illogiche, ad esempio se il cancro viene trasmesso attraverso la saliva. Nel corso del tempo, il meccanismo d'azione sulla cellula è stato rivelato e la teoria dell'infettività della malattia è stata confutata.

Segni comuni di cancro

Il cancro induce le cellule a rilasciare tossine che influenzano negativamente l'intero corpo, causando alcuni sintomi. I primi sintomi del cancro negli uomini, nelle donne e nei bambini sono diversi, ma hanno caratteristiche comuni:

  1. Con il trattamento a lungo termine delle malattie, problemi nella lotta contro i quali non sono sorti prima, vale la pena considerare la possibilità di cancro. Sintomi che non sono caratteristici di una particolare malattia, la mancanza di risultati dal trattamento tradizionale è un motivo per consultare un medico.
  2. Esposizione allo stress, riduzione dell'immunità, drammatica perdita di peso - tali sintomi apparentemente frivoli possono indicare indirettamente lo sviluppo di un tumore. Sono comuni a qualsiasi tipo di cancro. La perdita di peso di soli 5-7 kg è una buona ragione per prestare attenzione alla tua salute.
  3. Se trovi tumore, deformazione dei tessuti, escrescenze, asimmetria delle parti del corpo, consulta immediatamente un oncologo. Tali neoplasie devono essere esaminate per escludere lo sviluppo dell'oncologia..
  4. Un aumento della temperatura corporea senza motivo apparente. Febbre e brividi regolari senza altri sintomi che suggeriscono una malattia infettiva sono spesso un segno di un tumore.
  5. I cambiamenti nella pelle sotto forma di pallore o scolorimento blu, l'insorgenza di prurito, irritazione, secchezza possono indicare danni al cancro agli organi interni. Tutti questi sono anche possibili primi sintomi del cancro..
  6. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle talpe. Cambiarne forma, dimensione, colore e soprattutto il numero è un motivo su cui concentrarsi.
  7. Disturbi intestinali regolari, dolore durante la minzione, presenza di sangue nelle feci o nelle urine dovrebbero essere un campanello d'allarme durante la diagnosi del cancro.
  8. Anche il mal di testa regolare, le vertigini, un forte aumento o una diminuzione della pressione sanguigna sono un motivo per chiedere aiuto a uno specialista.
  9. Anemia. Se il lavoro degli organi interessati viene interrotto, il processo di produzione degli eritrociti rallenta, il che influisce sul contenuto di emoglobina nel sangue. La diagnostica è possibile in condizioni di laboratorio usando un esame del sangue generale e la manifestazione esterna è la pelle pallida, la perdita dei capelli.

I sintomi generali sopra descritti spesso accompagnano altre malattie e non devono essere ignorati in ogni caso. Ci sono anche segni più stretti di manifestazione oncologica, ogni tipo di cancro ha il suo.

Metodi di rilevazione del cancro

  • donare sangue per analisi generali e biochimica;
  • sottoporsi a fluorografia;
  • fare un elettrocardiogramma;
  • fare una tomografia computerizzata;
  • realizzare una risonanza magnetica.

Tipi comuni di tumore nelle donne

Il cancro che progredisce esclusivamente nelle donne sta guadagnando sempre più diffusione: cancro al seno e cancro cervicale. Sono necessarie ulteriori ricerche per verificare:

Un atteggiamento attento nei confronti di se stessi aiuterà a mantenere la salute e, se necessario, a fornire assistenza nel trattamento della malattia.

Come viene trasmesso il cancro: fattori esterni e interni

Nel processo di sviluppo dell'oncologia, si forma un tumore nel corpo umano, che può essere benigno e maligno. Nella maggior parte dei casi, un tumore benigno viene rimosso e non disturba più, un tumore maligno deve essere combattuto per anni, ma in alcuni casi non può essere sconfitto.

L'emergere di una delle malattie più complesse del 21 ° secolo è dovuta all'impatto di fattori interni ed esterni.

Fattori esterni

  • Radiazione.
  • Radiazioni ultraviolette.
  • Sostanze cancerogene.
  • Alcuni virus.
  • Fumo di tabacco.
  • Inquinamento dell'aria.

Sotto l'influenza di fattori esterni, le cellule dell'organo interessato mutano. Le cellule iniziano a dividersi ad alta velocità e appare un tumore.

Fattori interni nello sviluppo del cancro

Fino ad ora, gli scienziati di tutto il mondo hanno discusso delle cause e dei metodi di trasmissione delle cellule tumorali. In questa fase della ricerca, è stato rivelato che la cellula interessata appare a seguito di mutazioni genetiche. Nel corso della vita, tali cellule mutano sotto l'influenza di fattori esterni..

A causa della mancanza di metodi per influenzare la mutazione, non sono stati determinati i metodi per prevedere lo sviluppo delle cellule tumorali, quindi il moderno trattamento delle malattie oncologiche consente solo di influenzare il risultato, sopprimendo la crescita tumorale dovuta alla chemioterapia e alla radioterapia.

Tipi di cancro ereditari

  • Tumore al seno. Quando alcuni geni sono ereditari mutazione, la probabilità di sviluppare il cancro al seno aumenta fino al 95%. Avere questo tipo di cancro nei membri della famiglia immediata raddoppia il rischio.
  • Cancro ovarico. La comparsa di un tumore maligno sulle ovaie raddoppia in presenza di questo disturbo in parenti stretti.
  • Tumore ai polmoni. Ha una tendenza familiare. Il forte sviluppo provoca il fumo. Pertanto, rispondendo alla domanda se il cancro è ereditato dal padre, si può sostenere che se una persona smette di fumare, si possono evitare conseguenze negative.
  • Cancro allo stomaco. Il 15% di coloro che soffrono di questo tipo di oncologia ha parenti stretti con la stessa diagnosi. Ulcera allo stomaco, pancreatite e altri tipi di malattie del tratto gastrointestinale provocano lo sviluppo di cellule tumorali.

Le cause più comuni di cancro

  • Smoking. Il 30% dei casi è causato dal fumo di tabacco.
  • Nutrizione impropria Il 35% dei pazienti ha avuto problemi digestivi a causa di una dieta scorretta.
  • Infezioni. Il 14% dei pazienti si è ammalato a causa di una grave malattia infettiva.
  • Impatto sul corpo degli agenti cancerogeni. Rappresenta il 5% di tutti i casi.
  • Ionizzazione e radiazione ultravioletta. Il 6% dei pazienti è stato esposto a radiazioni regolari.
  • Alcol. Il 2% dei pazienti presentava dipendenza da alcol.
  • Ambiente inquinato. L'1% dei casi si verifica in regioni con grave inquinamento atmosferico da sostanze chimiche pesanti.
  • Stile di vita inattivo. Il 4% dei pazienti conduce uno stile di vita sedentario.

Quali conclusioni si possono trarre?

Molti sono anche spaventati dalla domanda su come viene trasmesso il cancro del sangue. La risposta è inequivocabile: non viene trasmessa attraverso il sangue! Una volta nel corpo di una persona sana, le cellule colpite lasceranno semplicemente il corpo dopo un po ', senza causare alcun danno.

Medici e scienziati in tutto il mondo non smettono di lavorare su metodi di diagnosi e cura del cancro. Non è lontano il momento in cui sarà possibile scoprire lo stato di salute da un esame del sangue istantaneo. Fino a quel momento, è importante essere attenti alla propria salute, ascoltare e ascoltare il proprio corpo, perché in alcuni casi il cancro viene ereditato. Il contatto tempestivo con specialisti ti aiuterà a salvarti la vita e a proteggere i tuoi cari dalla perdita delle persone care.

Il cancro è contagioso? Dovresti avere paura di passare agli altri

Il termine cancro si riferisce a circa 100 malattie che colpiscono il corpo..

Le malattie oncologiche sono caratterizzate da una divisione incontrollata di cellule mutate, a seguito della quale formano un tumore e colpiscono organi e sistemi..

Più una persona è anziana, maggiore è il rischio di ammalarsi. Più di 6,5 milioni di casi di neoplasie maligne sono registrati nel mondo ogni anno. Quindi non sorprende che le persone siano preoccupate di scoprire se il cancro è contagioso e come evitarlo..

Secondo la ricerca, una persona malata non può infettare gli altri né con goccioline trasportate dall'aria, né sessualmente, né attraverso la famiglia, né attraverso il sangue. Tali casi semplicemente non sono noti alla scienza. I medici che diagnosticano e curano i malati di cancro non usano le stesse misure di sicurezza del trattamento delle malattie infettive.

Gli scienziati stranieri sono stati in grado di dimostrare che il cancro non viene trasmesso all'inizio del XIX secolo. In particolare, un chirurgo della Francia Jean Albert stesso e diversi volontari hanno iniettato per via sottocutanea un estratto di un tumore maligno. Nessuno dei partecipanti all'esperimento audace si è ammalato. Un esperimento simile è stato condotto da scienziati americani nel 1970. Dipendenti dell'Istituto di ricerca. Sloan-Ketternig ha iniettato volontari sotto la pelle di una coltura di cellule tumorali. Nessuno dei volontari si è ammalato.

Ulteriori prove che il cancro non viene trasmesso da una persona malata a una persona sana sono state le ricerche condotte da scienziati svedesi. Nel 2007 sono stati pubblicati i risultati degli studi sulle trasfusioni di sangue nel paese nel periodo 1968-2002. Secondo i dati, dopo una trasfusione di sangue, si è scoperto che alcuni donatori avevano il cancro. I destinatari che hanno ricevuto trasfusioni di sangue non si sono ammalati.

Voci sul rischio di contrarre il cancro

Qualche tempo fa, si credeva ampiamente tra la gente comune che è possibile contrarre il cancro, poiché è di natura virale. Il panico ha prevalso tra la popolazione, ma si è rivelato infondato.

E la ragione di questa opinione errata era la pubblicazione dei risultati della ricerca da parte di scienziati che hanno scoperto virus del cancro in alcuni animali. Quindi, il virus del cancro al seno è stato trasmesso quando un topo adulto ha nutrito i suoi cuccioli.

Ma nell'uomo, durante studi a lungo termine, un tale virus non è stato rilevato. Il fatto è che esistono differenze biologiche tra uomo e animale, inoltre le malattie tumorali hanno specificità diverse nei rappresentanti della fauna e dell'homo sapiens.

Il cancro è ereditato? ?

La domanda riguarda la predisposizione genetica allo sviluppo del cancro. Gli scienziati hanno identificato casi in cui il cancro è stato trasmesso a livello genetico da una generazione all'altra. In particolare, stiamo parlando del cancro al seno. La probabilità che venga trasmessa ai discendenti è del 95% dei casi.

Per quanto riguarda il cancro dello stomaco o di altri organi, non vi sono dati sulla loro trasmissione ereditaria. Per la maggior parte, i medici parlano di una predisposizione familiare alle malattie tumorali dovuta alla debole immunità dei parenti e non alla genetica.

I parenti delle persone a cui è stato diagnosticato un cancro dovrebbero condurre uno stile di vita sano.

Quali virus vengono trasmessi e causano il cancro

La chiara risposta alla domanda se sia possibile contrarre il cancro da un paziente è la salute degli operatori sanitari che curano i malati di cancro. La storia della medicina non è a conoscenza di un singolo caso in cui il personale della clinica oi parenti che hanno fornito un paziente con cancro sono stati infettati dal cancro..

Contatti semplici, la comunicazione non è pericolosa. Ma ci sono virus che possono essere trasmessi da persona a persona. Tutto non sarebbe così spaventoso se questi virus non provocassero il cancro, specialmente nelle persone con ridotta immunità..

Ad esempio, baciare con una persona che ha il cancro allo stomaco, se si soffre di gastrite o ulcera, è indesiderabile. Gli scienziati hanno scoperto che il principale provocatore dei tumori dello stomaco è il microbo Helicobacter Pylori. Vive nello stomaco di ogni persona, sia essa malata o sana. Se una persona ha uno stomaco sano, il batterio non lo danneggerà, ma se c'è un lungo processo infiammatorio (ulcera, gastrite), il cancro può iniziare a svilupparsi nella lesione. Helicobacter viene trasmesso con la saliva, che è importante considerare per le persone con problemi di stomaco.

Un altro esempio sono i virus dell'epatite B, C. Hanno un ruolo nella comparsa di tumori al fegato. Di norma, il cancro al fegato è una conseguenza della cirrosi e, a sua volta, è causato da virus dell'epatite. Possono essere necessari 10-20 anni dal giorno dell'infezione con il virus dell'epatite allo sviluppo del cancro al fegato. Puoi ottenere l'epatite attraverso il contatto sessuale, attraverso il sangue. Pertanto, è necessario prestare attenzione nel trattamento delle ferite in pazienti con carcinoma epatico, se sono stati diagnosticati virus dell'epatite.

I papillomi sul corpo sono la prova di un sistema immunitario indebolito e la probabilità di un rischio di esacerbazione del papillomavirus umano (HPV). Secondo le statistiche mediche, ogni donna viene infettata dall'HPV dopo circa 3 mesi di rapporti sessuali. È questo virus che è considerato un provocatore del cancro cervicale, ma non fatevi prendere dal panico per tutte le donne di fila.

L'HPV si diffonde attivamente solo se il sistema immunitario fallisce. Pertanto, tutti i papillomi che iniziano a diffondersi sul corpo dovrebbero consultare un medico. L'HPV viene trasmesso sessualmente, ma può anche entrare in contatto con microdamage sulla pelle degli organi genitali. A proposito, un preservativo non è in grado di proteggere contro l'HPV, poiché il virus penetra nei pori della gomma.

Poco noto a molti, il fatto che molti di noi fossero malati del virus Epstein-Barr durante l'infanzia. 9 persone su 10 ce l'hanno. La presenza del virus è asintomatica, in rare situazioni il virus si manifesta come mononucleosi (milza ingrossata, linfonodi sullo sfondo dei cambiamenti nella composizione del sangue).

Se la mononucleosi fluisce nello stadio cronico, aumenta il rischio di tumore nel rinofaringe e nei linfonodi. Considerando che quasi tutti hanno il virus, non è necessario aver paura del fatto che viene trasmesso con la saliva. Ma ciò che dovrebbe essere temuto è l'attività del virus con una diminuzione dell'immunità.

Quali fattori provocano un tumore

Lo stato dell'ambiente influenza il rischio di ammalarsi. Ad esempio, entrare in un'area con radiazioni aumentate, lavorare in una produzione pericolosa, rimanere al sole a lungo o inalare gas di scarico provoca lo sviluppo di cancro alla tiroide, leucemia, melanoma, ecc..

I fattori biologici comprendono gli effetti dei virus sopra elencati: HPV, epatite, Epstein-Barr, ecc..

Nutrizione sbilanciata, diete irragionevoli e eccesso di cibo - tutto ciò porta a disturbi metabolici. E se usi spesso aflatossine cancerogene (in arachidi, cibi ammuffiti, mais), inquinanti dell'acqua (arsenico), fast food, aumenta il rischio di sviluppare un tumore maligno.

Essere in sovrappeso influenza la quantità di estrogeni nel corpo e altri ormoni che possono influenzare lo sviluppo del cancro. L'obesità non provoca il cancro, ma interferisce con la sua diagnosi, il trattamento: uno strato di grasso riduce l'efficacia dell'azione.

Il fumo è un noto e controverso fattore controverso. Gli scienziati dei paesi stanno cercando di trovare la relazione tra fumo e cancro allo stomaco, ai polmoni, ma non possono fornire una base scientifica per le ipotesi. Tuttavia, secondo le statistiche, il cancro è molto più comune tra i fumatori..

Il cancro è contagioso per gli altri: i miti del debunking

Sin dai tempi antichi, le persone sono abituate al fatto che quasi tutte le malattie sono contagiose, cioè hanno i loro agenti patogeni, che possono essere trasmessi da una persona all'altra attraverso l'aria, il cibo o l'acqua. Per analogia con altre malattie, molti hanno iniziato ad attribuire tali proprietà a patologie oncologiche. Sembrava che una malattia così formidabile come il cancro, che porta via milioni di vite in tutto il pianeta, non potesse insorgere da sola. Per risolvere la questione se il cancro è contagioso, ci rivolgeremo alla medicina ufficiale per un aiuto e considereremo più in dettaglio il meccanismo di sviluppo del tumore.

Cos'è il cancro e alcuni miti al riguardo

Uno dei miti più comuni sul cancro è che il cancro è una malattia relativamente nuova. Fu considerato così all'inizio del 20 ° secolo. Tuttavia, con lo sviluppo della medicina, è stato rivelato che i cambiamenti del tumore nelle ossa sono stati osservati nell'uomo già nel 5000-7000 anni a.C. Ciò è dimostrato dai dati degli scavi archeologici e dai risultati di una serie di metodi di analisi..

L'origine del termine "cancro" ha diverse ipotesi. Secondo uno, si ritiene che questo nome della malattia sia stato dato da Ippocrate, disegnando un'analogia con la tenacia della malattia e l'alto tasso di mortalità tra i malati. Secondo un'altra ipotesi, un termine del genere prese piede all'inizio del XIX secolo, quando i campioni di tumore furono studiati con i primi potenti microscopi. Alcuni tipi di sarcomi sotto forma di preparati sembrano gli artigli di questo crostaceo.

La medicina moderna afferma che il cancro è una malattia polietiologica che ha molte cause e fattori predisponenti, ma ha un meccanismo di sviluppo. I fattori predisponenti più affidabili e significativi includono:

      • fattori genetici, ereditarietà,
      • agenti cancerogeni chimici,
      • impatto fisico (radiazione, temperatura e così via),
      • trauma cronico del tessuto,
      • virus,
      • peso in eccesso.

Nonostante l'affidabilità di questi motivi, il fattore chiave che porta alla degenerazione di una cellula da normale a maligna, capace di divisione incontrollata, non è ancora chiaro..

A metà del secolo scorso, i cosiddetti oncogeni erano chiaramente definiti. Si sono rivelati sezioni del DNA umano che normalmente controllavano la crescita dei tessuti. In condizioni sfavorevoli per la cellula, questi geni sono diventati il ​​punto di partenza all'inizio della carcinogenesi - la crescita e lo sviluppo di un tumore al cancro..

Informazioni sull'eziologia virale del cancro

Per la prima volta, la teoria secondo cui il cancro è una malattia virale e può essere infettata con essa è apparsa negli anni '30. Non molto tempo prima, nel 1911, lo scienziato americano Peyton Rouse annunciò la natura virale di alcuni sarcomi nei polli. Il virologo americano J. Bishop ha aggiunto combustibile al fuoco. Nel 1979, ha scoperto il primo oncogene cellulare (scr). La struttura scr era simile al gene del sarcoma di pollo e la sua mutazione ha portato alla formazione di un tumore maligno.

Tutto ciò ha portato a persistenti voci secondo cui il cancro è una malattia virale. E fino ad ora, ogni oncologo nella sua pratica almeno una volta ha sentito questa domanda dai parenti dei pazienti: è possibile essere infettati da un paziente con cancro come virus, il cancro è contagioso per gli altri? Diamo un'occhiata più da vicino al problema..

Meccanismi di sviluppo del tumore

Ad oggi, non è noto con certezza quali siano le cause del cancro. Ecco perché la medicina non può prevenire il cancro. Ed è per questo che nella società sorgono pregiudizi, miti e domande sul fatto che i malati di cancro siano contagiosi. Non ci resta che diagnosticare la malattia il prima possibile e iniziare a combatterla. Esistono diverse ipotesi sul perché si verifica un tumore maligno.

Il cancro può essere causato da mutazioni cellulari spontanee, fattori ereditari, effetti chimici e radioattivi. Delle cinque teorie esistenti sulla carcinogenesi (la teoria secondo cui il cancro si sviluppa da una cellula tumorale), solo una è virale. Dopo molte ricerche negli anni '40. il virologo Lev Zilber è giunto alla conclusione che le strutture del virus sono presenti nei tumori solo in una fase precoce.

Pertanto, il virus, se partecipa al processo patologico, è indirettamente. Le cellule tumorali si moltiplicano senza un virus! Secondo le statistiche, tra i portatori di oncovirus, il cancro si verifica in un massimo dello 0,1%. Troppi fattori devono coincidere affinché una persona infetta dal virus sviluppi il cancro..

Ad oggi, la medicina è a conoscenza di diversi tipi di virus che sono coinvolti nel 15% di tutti i tumori nell'uomo. L'HPV (papillomavirus umano) viene trasmesso principalmente attraverso il contatto sessuale, tuttavia è possibile una via di contatto di infezione attraverso il microdame alla pelle ed è possibile il papilloma stesso sugli organi genitali esterni. I virus che causano l'epatite B e C sono responsabili di quasi l'80% dei tumori del fegato. Ma non perché il cancro viene fornito con un virus.

L'infiammazione virale cronica del fegato porta allo sviluppo della cirrosi, che a sua volta interrompe la normale crescita cellulare. Il virus Epstein-Barr viene trasmesso attraverso la saliva. Quasi tutti abbiamo questo virus. Il meccanismo per la possibile comparsa del cancro con questa infezione è poco compreso..

Inoltre, il virus dell'herpes umano di tipo 8 è ancora poco compreso, è spesso associato all'AIDS. Con il più forte indebolimento dell'immunità, il corpo non è in grado di resistere nemmeno al raffreddore. In questo contesto, la comparsa del cancro non è esclusa. Ma questo non ha nulla a che fare con il virus stesso o l'AIDS direttamente. Il virus della leucemia a cellule T umane è un virus molto raro che si diffonde da persona a persona attraverso trasfusioni di sangue, contatto sessuale o allattamento. I medici non hanno dubbi sul fatto che un paziente sia contagioso con il cancro! Oncologi, infermieri e altri lavoratori nei dipartimenti di oncologia non soffrono di oncologia più spesso di tutte le altre persone. Cioè, non vengono infettati dai loro pazienti.

Il cancro è contagioso per gli altri: la risposta dell'oncologo e le esperienze interessanti dei medici

La sicurezza della comunicazione con i malati di cancro è confermata da esperimenti. All'inizio del XIX secolo, il chirurgo francese Jean Albert isolò un estratto di un tumore maligno al seno e lo iniettò sotto la pelle di se stesso e di tre volontari. È stata osservata un'infiammazione acuta nel sito di iniezione, che è scomparso dopo pochi giorni. Più tardi, Albert ha ripetuto l'esperimento: il risultato è stato lo stesso.

Un esperimento simile fu condotto dall'italiana Carla Fonti a metà del XX secolo. Una delle sue pazienti ha sofferto di carcinoma mammario estremamente avanzato. Il gonfiore è emerso e le ulcere hanno coperto la pelle. Fonty trasferì la scarica da queste ulcere al petto. Pochi giorni dopo, tutti i segni del cancro erano sulla pelle, ma un'attenta diagnostica e il monitoraggio del decorso della malattia hanno mostrato che questo non aveva nulla a che fare con l'oncologia. Molto probabilmente, l'infiammazione è stata provocata da batteri provenienti dalle superfici ulcerative..

E finalmente, già oggi, gli scienziati hanno ricevuto una nuova conferma dell'impossibilità di contrarre il cancro dagli umani. Nel 2007, alcune interessanti osservazioni sono state rese pubbliche in Svezia. I medici hanno analizzato 350 mila procedure di trasfusione di sangue eseguite nel 1968-2002.

Successivamente, al 3% dei donatori è stato diagnosticato un tumore, ma nessuno dei destinatari aveva il cancro. Pertanto, neanche il cancro viene trasmesso attraverso il sangue. Ancora una volta, notiamo che il cancro non è una malattia virale e la questione se una malattia del cancro sia contagiosa si riferisce più alla mitologia che alla medicina. Il cancro si sviluppa nel corpo individualmente e non entra nel corpo attraverso un virus o il contatto con i pazienti.

Il cancro non si diffonde da persona a persona, proprio come il diabete o l'ipertensione.

Il cancro è contagioso o no: conclusioni

Un'altra importante conclusione che si suggerisce dopo l'analisi degli esperimenti di medicina sopra menzionati è che la componente genetica nello sviluppo di un tumore maligno è molto più importante di quella virale o di qualsiasi altra. Ciò significa che l'ingresso di qualsiasi virus (associato all'oncologia) nel corpo umano avrà un significato quasi nullo nello sviluppo della malattia, mentre un errore nel codice genetico è la chiave..

In termini semplici, la maggior parte degli esperti moderni concorda sul fatto che la predisposizione genetica di una persona allo sviluppo di un particolare tumore è di maggiore importanza rispetto alle altre ragioni combinate.

Pertanto, alla domanda se il cancro sia contagioso, la risposta dell'oncologo è inequivocabile: no. E l'opinione opposta si applica ai pregiudizi e ai miti delle caverne. Questo problema acquisisce particolare urgenza se ricordiamo che una persona con cancro è psicologicamente depressa, ha bisogno di una stretta comunicazione con l'ambiente, del suo supporto. Pertanto, tali miti danneggeranno solo il paziente e i suoi parenti..

Cancro contagioso: la regola o l'eccezione?

07 agosto 2018

Cancro contagioso: la regola o l'eccezione?

  • 6126
  • 5.1
  • 0
  • 3

Diavolo della Tasmania con gonfiore del viso

Autore
Editors

È noto da tempo che alcuni tumori possono essere causati da virus oncogenici come papillomavirus umano, virus T-linfotropico umano, virus Epstein-Barr e sarcoma di Kaposi. Ma le cellule tumorali possono agire da agenti infettivi e possono essere trasmesse da un individuo all'altro, causando il cancro? Si scopre che possono, anche se finora conosciamo solo alcuni esempi: tumori facciali del diavolo della Tasmania, malattie veneree nei cani e leucemia bivalva. Quali sono i meccanismi del cancro contagioso e perché la stragrande maggioranza delle cellule tumorali non può essere trasmessa da un individuo all'altro? Il nostro articolo è dedicato alle risposte a queste domande..

La natura virale di alcuni tipi di cancro è stata stabilita da molto tempo e ora non sorprende nessuno (puoi leggere di più sulla scoperta di virus oncogenici sulla biomolecola: "Il premio Nobel 2008 per la fisiologia o la medicina è stato assegnato per la ricerca virologica" [1] e "Chi ha visto i virus nel cancro. Harald zur Hausen "[2]). Allo stesso tempo, l'idea dell'esistenza di forme infettive di cancro a prima vista può sembrare assurda. Anche se le cellule tumorali entrano in un individuo dall'altro, il sistema immunitario del secondo individuo riconosce le cellule tumorali come estranee e In effetti, il sistema immunitario rifiuta attivamente i trapianti di organi e tessuti prelevati anche da un individuo geneticamente vicino. Si può presumere che le cellule tumorali estranee non possano essere respinte da un organismo con un sistema immunitario indebolito e che tali casi siano effettivamente noti. Tuttavia, a volte le cellule tumorali possono trasmesso tra individui perfettamente normali, ad esempio in Tasmania diavoli e cani. Questo articolo raccoglie gli ultimi dati sulla biologia del cancro contagioso. In primo luogo, considereremo i casi speciali noti di cancro infettivo, quindi cercheremo di dedurre le proprietà generali che dovrebbero avere tutte le cellule tumorali che possono essere trasmesse da un individuo all'altro..

Tumore venereo trasmissibile nei cani

Il primo caso noto di tumore contagioso è stato un tumore venereo trasmissibile canino (CTVT). Oltre ai cani, la malattia è stata riscontrata in lupi, coyote e sciacalli. La possibilità di trasferire questo tumore da un individuo a un altro fu dimostrata sperimentalmente nel 1876. Tuttavia, ciò non dimostra che il tumore trasmesso sia rappresentato da cellule di un singolo lignaggio che una volta è emerso e non si sviluppa di nuovo ogni volta in cani diversi. L'identità delle cellule CTVT è diventata evidente dopo l'identificazione di identici riarrangiamenti cromosomici, nonché il rilevamento dell'integrazione del retrotrasposone LINE1 a monte del gene c-myc in tutte le cellule tumorali. Va notato che, in effetti, quasi tutte le cellule di qualsiasi organismo multicellulare differiscono leggermente l'una dall'altra [3] e la presenza di mutazioni identiche indica l'origine comune delle due cellule. La trasmissione del tumore (formazione densa fino a 10 cm di diametro) si verifica durante il rapporto sessuale e, nel nuovo individuo, il tumore di solito si sviluppa sui genitali. Curiosamente, le cellule CTVT prendono continuamente in prestito i genomi mitocondriali dei loro ospiti. Probabilmente, i genomi mitocondriali delle cellule tumorali si deteriorano rapidamente a causa di numerose mutazioni. In genere, il CTVT regredisce per diversi mesi dopo la crescita attiva, senza portare alla morte del cane, ma in alcuni casi non si verifica la regressione del tumore. Sono stati descritti anche casi di metastasi di CTVT. L'organo o il tessuto da cui derivano le cellule CTVT è sconosciuto [4-6].

Si stima che il CTVT sia apparso molto tempo fa - da 10 mila a 12 mila anni fa, il che lo rende la più antica linea cellulare autosufficiente (la prima linea artificiale autosufficiente era HeLa, derivata da cellule tumorali cervicali [7]). Si trova in tutti i continenti tranne l'Antartide [5]. Si ritiene che il CTVT abbia portato alla morte dei più antichi cani domestici americani, che arrivarono sul continente con i primi coloni circa 15 mila anni fa. A giudicare dall'analisi dei genomi antichi, le cellule CTVT sono geneticamente molto più vicine ai primi cani americani che agli animali moderni, motivo per cui il sistema immunitario del primo non è stato in grado di respingere efficacemente il tumore [8].

Tumori facciali del diavolo della Tasmania

Per la prima volta, il tumore facciale del diavolo della Tasmania (malattia del tumore facciale del diavolo 1, DFTD1) è stato descritto nel 1996 nella Tasmania nord-orientale. La trasmissione di questo tumore altamente aggressivo avviene attraverso morsi, che sono un importante mezzo di interazione sociale negli animali. La natura trasmissiva del tumore divenne evidente dopo la scoperta di riarrangiamenti cromosomici unici in tutte le cellule tumorali (Fig. 1), nonché dopo il sequenziamento completo dei genomi delle cellule di due diversi tumori [9].

Figura 1. Cariotipi di normali cellule del diavolo della Tasmania (a) e cellule tumorali facciali (b). Il cariotipo del diavolo normale comprende 14 cromosomi, di cui 12 autosomi. Nelle cellule del tumore facciale si perdono i cromosomi della seconda coppia e i cromosomi sessuali. Il cromosoma 5 subì un riarrangiamento, accompagnato da una completa eliminazione del braccio lungo, e il frammento cancellato si spostò su uno dei nuovi cromosomi (marker). Diverse eliminazioni si sono verificate nel braccio lungo del cromosoma 1, mentre è stato aggiunto nuovo materiale al cromosoma 6. Esistono anche 4 cromosomi marker non identificabili.

[9], cifra modificata

Nel 2014, un'altra linea di cellule tumorali facciali del diavolo della Tasmania (DFTD2) è stata scoperta nella Tasmania sud-orientale. Finora sono stati identificati 5 individui con DFTD2, tutti maschi. Il progenitore di DFTD1 era una femmina, mentre DFTD2 è apparso in un maschio. Forse le femmine in qualche modo riconoscono le cellule DFTD2 come estranee e si liberano di esse, ma è prematuro trarre conclusioni a causa della mancanza di dati. L'epidemiologia di DFTD2 non è stata ancora studiata, ma le manifestazioni di DFTD1 e DFTD2 sono molto simili: entrambe le malattie sono accompagnate dalla crescita di tumori fino a 10 cm di diametro sul viso e sul collo degli animali. Nel tempo, i tumori subiscono necrosi e si infiammano, portando a significativi cambiamenti nell'anatomia della mascella dell'animale. Inoltre, nel 65% dei casi, il tumore facciale metastatizza.

Marcatori genetici e cariotipi indicano che DFTD1 e DFTD2 sono nati in individui diversi. Le cellule DFTD1 discendono dalle cellule di Schwann che formano la guaina mielinica dei nervi periferici e l'origine delle cellule DFTD2 è ancora sconosciuta. A differenza di un tumore canino, la DFTD è sempre fatale, il che rappresenta una grave minaccia per il diavolo della Tasmania come specie. Sono stati descritti solo 6 animali che hanno sviluppato una risposta immunitaria alle cellule tumorali [4-6].

Leucemia trasmissibile di molluschi bivalvi

Almeno 15 specie di molluschi bivalvi sono sensibili alla leucemia trasmissibile fatale. Le cellule tumorali in questa malattia provengono da emociti - cellule che circolano nell'emolinfa. I primi casi di malattia furono descritti negli anni '70 e da allora la malattia si è diffusa rapidamente lungo la costa orientale del Nord America. Focolai di malattia a volte si verificano quando più del 90% della popolazione viene infettata. Le cellule di diversi tipi di leucemia trasmissibile sono caratterizzate da un aumento significativo del numero di copie di retrotrasposoni nelle stesse regioni del genoma.

Forse il movimento dei retroelementi è innescato da fattori ambientali come la sovrappopolazione, l'inquinamento, i cambiamenti della temperatura dell'acqua. Ad oggi, la leucemia trasmessa da vettori è stata studiata in dettaglio in cozze sabbiose (Mya arenaria), cozze (Mytilis trossulus), commestibili a forma di cuore (Cerastoderma edule) e polytapes d'oro (Polititapes aureus), e ogni specie ha una propria linea indipendente di leucemia trasmissibile. Il lobo del cuore ha due leucemie trasmissibili indipendenti, come il diavolo della Tasmania (Fig. 2).

Figura 2. Una preparazione dell'emolinfa a forma di cuore. La freccia indica la cellula di leucemia.

È interessante notare che la leucemia di Polititapes aureus è stata ottenuta da lui da un'altra specie di molluschi bivalvi, il venerupis corrugate, che attualmente non è sensibile alla leucemia, nonostante l'habitat comune con P. aureus. Probabilmente è riuscito ad acquisire resistenza a questa malattia. Le cellule tumorali vengono trasmesse attraverso l'acqua di mare, che viene filtrata nel corpo del mollusco. Nel tempo, le cellule tumorali si sono diffuse a tutti gli organi e tessuti dell'animale infetto [4-6].

Esiste un cancro contagioso nell'uomo??

Il trasferimento di cellule tumorali da una persona all'altra è estremamente raro. Di norma, si verifica durante il trapianto di organi, poiché il sistema immunitario del ricevente viene soppresso artificialmente al fine di prevenire il rigetto del trapianto. Altri casi riguardano il trasferimento di cellule tumorali dalla madre al feto, il movimento delle cellule di leucemia tra i gemelli nell'utero e il trasferimento di cellule extra-fetali del coriocarcinoma dal feto alla madre [10]. Recentemente ha descritto l'infezione di un paziente con AIDS con cellule tumorali che abitano la tenia nana dell'intestino. In tutti questi casi, l'integrità delle barriere fisiche e immunitarie del corpo è stata compromessa..

Esistono solo pochi casi noti di trasmissione di cellule tumorali estranee a persone con immunità normale. Un chirurgo ha accidentalmente trasportato cellule tumorali nel braccio durante un'operazione. Un altro caso si è verificato con un ricercatore che, inavvertitamente, ha iniettato inavvertitamente cellule da una linea di adenocarcinoma in se stesso con un ago, che ha portato alla formazione di un piccolo tumore. In questi due casi, i tumori sono stati rimossi con successo senza ulteriore recidiva [5].

Come le cellule tumorali infettive combattono il sistema immunitario

Le cellule di qualsiasi tumore canceroso, sia infettivo che non infettivo, devono costantemente ingannare il sistema immunitario dell'ospite per evitare la distruzione. Uno dei metodi moderni di trattamento del cancro si basa sul ritorno delle cellule tumorali sotto la supervisione dell'immunità (per ulteriori informazioni su questo metodo di trattamento, puoi leggere su "Biomolecole": "Le cellule T sono marionette o come riprogrammare i linfociti T per curare il cancro" [11 ]). La sfida per le cellule del cancro infettivo è ancora più difficile. Per infettare un altro individuo, devono in qualche modo schivare il sistema immunitario, per il quale sono cellule estranee e, quindi, devono essere distrutte. Nei vertebrati mascellati, le molecole del principale complesso di istocompatibilità (MHC) svolgono un ruolo chiave nel riconoscimento di sé e degli alieni. Nelle cellule CTVT si osserva una diminuzione dell'espressione dei geni MHC, nonché dei geni associati alla presentazione dell'antigene e all'apoptosi.

Si ritiene che i diavoli della Tasmania non sviluppino un'efficace risposta immunitaria contro i tumori a causa della bassa diversità di MHC. Il fatto è che all'inizio del 20 ° secolo, la popolazione di diavoli è diminuita drasticamente, il che ha portato a una diminuzione della diversità genetica. Tuttavia, negli esperimenti sul trapianto della pelle di un diavolo su un altro, si è verificato il rigetto dell'innesto. Si è anche scoperto che anche le cellule DFTD sottoregolano l'espressione di MHC, così come le cellule tumorali canine. Nell'uomo, il trasferimento di cellule tumorali dalla madre al feto è possibile perché l'embrione ha un allele MHC dalla madre e se le cellule tumorali perdono l'allele che l'embrione non ha, non saranno riconosciute dal feto come estranee. I molluschi bivalvi, come tutti gli invertebrati, non hanno MHC. Tuttavia, hanno ancora qualche meccanismo per riconoscere il proprio e gli altri, poiché le loro leucemie, di regola, sono associate a una specie specifica. Forse questo è ottenuto usando lo stesso meccanismo che impedisce la fusione di colonie di tunicati di specie diverse [4], [5].

Va notato che le cellule CTVT e DFTD mantengono la capacità di esprimere i geni MHC piuttosto che perderlo irreversibilmente. Ad esempio, se le cellule DFTD1 vengono trattate con interferone γ, l'espressione dei geni MHC aumenterà notevolmente e verrà ripristinata la capacità di elaborare e presentare antigeni. I suddetti sei diavoli della Tasmania, che hanno sviluppato una risposta immunitaria contro il tumore, hanno anticorpi contro le cellule tumorali che sintetizzano l'MHC e due animali hanno persino sperimentato una regressione spontanea del tumore. In uno dei diavoli, i linfociti T CD4 + e CD8 + sono entrati nel tumore. Non è noto se questi animali abbiano formato una memoria immunologica per le cellule tumorali [4], [5].

La regressione del CTVT, che si osserva nella maggior parte dei cani, inizia con un aumento della percentuale di cellule tumorali che esprimono MHC. Allo stesso tempo, i linfociti T CD4 + e CD8 + iniziano a penetrare nel tumore e hanno un effetto citotossico sulle sue cellule. Probabilmente, l'interleuchina 6 e l'interferone γ, prodotti dai linfociti T nel tumore, innescano la formazione di MHC nelle cellule tumorali [5].

Le cellule tumorali che non esprimono MHC possono diventare vittime di altre cellule del sistema immunitario - cellule killer naturali. Per evitare ciò, le cellule CTVT rilasciano citochine che sopprimono la risposta immunitaria, come TGF-β (fattore di crescita del tumore β, fattore di crescita del tumore β). La secrezione di TGF-β è osservata durante la fase di crescita del tumore e nelle prime fasi della fase stazionaria. Quando i linfociti T iniziano a sintetizzare l'interleuchina 6 e l'interferone γ, si sviluppa una risposta infiammatoria più potente, neutralizzando l'effetto del TGF-β. La crescita di DFTD, molto probabilmente, non dipende dal TGF-β [5].

Evoluzione delle linee cellulari tumorali infettive

Geneticamente, le cellule dei tumori infettivi, e in effetti di molti tumori cancerosi in generale, differiscono dai loro ospiti. Se la vita delle cellule tumorali "ordinarie" termina con la morte dell'ospite, la vita di una linea di cellule tumorali infettive supera significativamente la vita di un individuo a causa della trasmissione da un organismo all'altro. Nel caso di CTVT, una linea di cellule tumorali infettive esiste da oltre 10.000 anni. Poiché l'evoluzione e la riproduzione di tali cellule sono completamente indipendenti dall'ospite, è allettante considerare persino le linee di cellule tumorali infettive come specie indipendenti [4].

In linea di principio, il processo di metastasi, ovvero un cambiamento nell'habitat delle cellule tumorali all'interno di un organismo, è simile al trasferimento delle cellule tumorali da un individuo all'altro. In entrambi i casi, le cellule tumorali si evolvono secondo Darwin, acquisendo mutazioni, che vengono quindi respinte dalla selezione naturale in base alle condizioni ambientali. Inoltre, entrambe le cellule sono costrette a inventare vari trucchi per evitare di essere distrutte dal sistema immunitario dell'ospite [5].

Le cellule CTVT sono caratterizzate da stabilità unica per le cellule tumorali. In essi non si verificano quasi mutazioni e riarrangiamenti cromosomici e le cellule all'interno dei tumori sono notevolmente omogenee. Sulla base di questo, gli scienziati hanno concluso che l'evoluzione delle cellule CTVT, inizialmente accompagnata da numerose mutazioni e riarrangiamenti, ha ora raggiunto un plateau. Le cellule CTVT hanno raggiunto un delicato equilibrio con il loro ospite: da un lato, non lo uccidono, ma per lungo tempo, fino alla completa regressione del tumore, il cane ospite funge da portatore di cellule tumorali. Le cellule DFTD, d'altra parte, sono nelle prime fasi dell'evoluzione e sono ancora lontane dall'equilibrio con il loro ospite [6].

L'attivazione dei retrotrasposoni nelle cellule che in seguito divennero cellule di leucemia dei molluschi bivalvi fu probabilmente il risultato di un'estrema instabilità genomica. Queste cellule contengono più DNA delle cellule normali e sono spesso aneuploidi o tetraploidi. Inoltre, le cellule di leucemia all'interno dello stesso organismo possono differire nel numero di alcuni microsatelliti e sostituzioni nel DNA mitocondriale [6].

Sfortunatamente, la nostra conoscenza dei tumori cancerosi infettivi è molto scarsa ed è limitata a pochi esempi, che sembrano essere il risultato di un incidente mortale. Pertanto, è impossibile creare un concetto generale di cancro contagioso in questa fase. Non vediamo l'ora di nuovi dati che faranno luce sui meccanismi alla base di questa malattia..

Il cancro è contagioso?

Scienziati canadesi hanno concluso che le malattie non trasmissibili, tra cui cancro, diabete, obesità e malattie cardiache, sono infettive. Possono essere trasmessi, secondo i ricercatori, attraverso il microbioma - trilioni di microrganismi trovati sulla pelle e negli organi interni di una persona.

Gli scienziati del Canadian Institute for Advanced Study (CIFAR), insieme al professore tedesco Thomas Bosch dell'Università di Keele Christian Albrecht, sono giunti alla conclusione che le malattie non trasmissibili possono essere trasmesse da persona a persona. Queste malattie includono cancro, diabete, obesità e malattie cardiache, riferisce Focus, citando uno studio chiamato People and the Microbiome..

Gli esperti ritengono che le malattie non trasmissibili possano essere trasmesse attraverso il microbioma - trilioni di microrganismi che vivono negli organi interni e sulla pelle umana.

La maggior parte di essi sono piccoli batteri, oltre a funghi e virus. Sono estremamente importanti per la salute umana: aiutano la digestione, rilasciano nutrienti e disintossicano.

“I microbi sono buoni e cattivi. Possono svolgere un ruolo centrale nella trasmissione di malattie come l'obesità, le malattie cardiovascolari, il diabete e il cancro ", afferma l'articolo..

L'ipotesi dei ricercatori si basa su tre risultati che hanno collegato nella loro teoria. Il primo risultato afferma che il microbioma mostra marcati cambiamenti nelle persone con obesità, malattie infiammatorie intestinali, malattie cardiovascolari o diabete di tipo 2 rispetto al microbioma di persone sane..

Gli scienziati hanno anche trovato prove che un microbioma modificato può portare a malattie in un corpo sano se finisce in un organo originariamente sano. Nel loro esperimento, hanno trasferito il microbioma intestinale di un topo obeso in un animale sano. Di conseguenza, il secondo mouse divenne notevolmente più pieno..

In terzo luogo, gli esperti hanno dimostrato che il microbioma può essere trasmesso in modo indipendente ad altri organismi..

"I ricercatori sono stati in grado di osservare in laboratorio che il microbioma dei polipi d'acqua dolce, che condividono un habitat comune, si è adattato. Di conseguenza, anche il loro aspetto è stato adattato ", afferma il materiale..

Secondo Thomas Bosch, il trasferimento del microbioma può essere effettuato nella vita di tutti i giorni, ad esempio attraverso uno stretto contatto di persone nella stessa stanza. Pertanto, i microbi intestinali dei coniugi erano molto simili tra loro con differenze significative nel microbioma di parenti lontani..

Gli stessi scienziati definiscono audaci le loro ipotesi. Richiede ulteriori studi per comprendere il meccanismo di trasmissione microbica e le sue conseguenze. Ulteriori ricerche su questo argomento sono previste per i prossimi anni..

In precedenza è stato riferito che gli scienziati dell'Università di Cardiff hanno scoperto un nuovo tipo di recettore delle cellule immunitarie. Sono fiduciosi che la scoperta aiuterà a sviluppare un modo efficace per curare il cancro.

Inoltre, i medici hanno identificato i tipi di dieta più pericolosi per la salute umana. Il primo posto in questo elenco è stato preso dalla dieta cheto, che provoca lo sviluppo di varie malattie, tra cui il cancro e il diabete. Come parte di questa dieta, le persone cambiano drasticamente la dieta tagliando carboidrati e aumentando i grassi. I medici hanno dichiarato che è possibile ridurre il peso con l'aiuto della dieta cheto, ma non può essere seguito a lungo..

Un'altra scoperta è stata un legame diretto tra la quantità di alcol consumata e la comparsa del cancro. Gli esperti hanno studiato informazioni su oltre 63 mila pazienti provenienti da ospedali in tutto il Giappone, che sono stati raccolti dal 2005 al 2016. Oltre ai dati su genere, età, data e durata del ricovero, i ricercatori hanno tenuto conto dei risultati di un sondaggio sulla quantità di alcol che i partecipanti allo studio hanno bevuto al giorno. Si è scoperto che più il paziente beveva, maggiore era la probabilità di arrivare all'oncologo..

La probabilità quasi zero è stata nei pazienti che non hanno bevuto alcolici per 10 anni.

I cambiamenti nel DNA spazzatura influiscono anche sul rischio di sviluppare il cancro. Lo studio mostra che il rischio ereditario di sviluppare il cancro è dovuto non solo alle mutazioni degli oncogeni e dei geni soppressori del tumore, ma anche ai cambiamenti nel DNA che controlla l'espressione di questi geni, spiegano i ricercatori..

A differenza delle mutazioni nel DNA codificante, che sono rare ma aumentano significativamente il rischio di cancro, i cambiamenti nel SNP sono comuni nella popolazione ma aumentano il rischio di cancro di meno.

L'oncologo e immunologo Daniil Schepelyaev ha commentato l'ipotesi degli scienziati canadesi secondo cui il cancro può essere trasmesso da persona a persona. "Ci sono stati casi in cui i tumori potevano essere trasmessi a persone con grave immunodeficienza. Ma quelle persone che vivono solo con terapia sostitutiva", ha detto il medico in un'intervista con Ura.ru.

Shchepelyaev ha anche osservato che esiste una forma virale di cancro negli animali: il sarcoma di Rous. Ma questo tipo non si trova tra le persone..

Secondo il medico, in medicina non esiste ancora una comprensione inequivocabile dei meccanismi dell'insorgenza di un tumore nell'uomo, quindi gli scienziati non hanno motivo di parlare della trasmissione del cancro..

Nessun duplicato trovato

gli scienziati non hanno ancora motivo di parlare della trasmissione del cancro.

Ma non lo rifiutano neanche, perché non ci sono prove inequivocabili. Esistono abbastanza versioni, ad esempio, secondo una di esse, l'agente causale è chiamato clamidia, di cui esiste un'enorme varietà di varietà, ed è stato persino dimostrato sperimentalmente che le cellule tumorali in una soluzione nutritiva vengono riconvertite in clamidia. I pazienti sono stati curati con trichopolum ordinario. La versione non è ufficialmente riconosciuta, sfortunatamente ho dato il libro a qualcuno.

molto probabilmente, ancora "lo scienziato ha violentato il giornalista". IMHO, significava che alcuni tipi di cancro hanno una connessione con la presenza di batteri che producono tossine e non con il CANCRO. 1111

Tutto dipende dal sistema immunitario della persona. Non si può spargere marcio. Le malattie devono essere trattate in tempo, evitando infiammazioni gravi e a lungo termine. Qualsiasi medico confermerà che le malattie croniche sono una scorciatoia per il cancro..

Ora tutti i soggetti allergici impazziscono senza una fisarmonica a bottoni, perché l'allergia è una malattia piuttosto cronica

Quindi l'allergia è il risultato di una violazione del meccanismo per l'implementazione della risposta immunitaria del corpo.

La scorciatoia per il cancro è il consumo di antibiotici che distruggono la microflora naturale del corpo. Secondo le mie osservazioni, dei pazienti che conosco appartengono a questa categoria.

Quindi tutto è passato attraverso gli antibiotici, negli anni '80 con angina, che non avevano prescritto, e Biseptol e Streptocide, con infezioni respiratorie acute avevano un farmaco preferito - Eritromicina, cosa puoi fare qui.

Tutto è veleno e tutto è medicina - la domanda è nella dose. Usavano antibiotici molto spesso: uno per infezioni persistenti, il secondo senza motivo, ad esempio un naso che colava veniva trattato con ampicillina.

Quindi quelli che abbiamo chiamato oscurantisti a causa della riluttanza a vivere accanto ai malati di cancro hanno ragione? Informazioni sul caso: D

Certo, esatto, perché l'ipotesi è la verità ultima (sarcasmo se quella).

Io e il linfoma. Parte 4. Di nuovo chimica

La chemioterapia colpisce il corpo lentamente ma sicuramente. Anche con un protocollo di trattamento così tossico come il mio. Verso la fine del secondo corso, la pelle divenne come carta. C'era una specie di sottotono grigio, costante secchezza, nonostante tonnellate di creme idratanti. Gli occhi erano infossati e sullo sfondo delle sopracciglia diradate sembrava terrificante.

Le labbra erano molto screpolate, le gengive venivano periodicamente infiammate. Dovremmo essere contenti che non ci fosse stomatite? Ho iniziato a stancarmi più velocemente e a dormire di più, ma i primi giorni dopo l'iniezione successiva ho avuto spesso incubi. Nello stesso periodo, mi sentivo una principessa e un pisello: il letto precedentemente comodo divenne improvvisamente duro. Le pieghe sono rimaste costantemente sul corpo e sul viso.

I leucociti hanno iniziato a cadere sempre di più. In linea di principio, tutti loro trattati con chimica mantenuti al di sotto della norma, ma poi più spesso hanno cercato l'unità. Il cervello della chemio mi raggiunse presto. Penso rapidamente e parlo in fretta, ma a un certo punto le pause tra le parole si sono allungate, i finali hanno iniziato a confondersi e compiti apparentemente semplici hanno impiegato più tempo a risolvere.

Dopo la quarta iniezione di chimica, siamo di nuovo andati a Minsk per PET-CT. Ho pianto quando ho letto i risultati, ma questa volta ho pianto di gioia - la grande paura era che il trattamento non funzionasse.

Il risultato è piaciuto anche al mio ematologo. In generale, avrei già potuto essere inviato a irradiare le aree colpite, ma il medico curante ha deciso di ridurre ulteriormente le dimensioni della formazione nel mediastino con l'aiuto della chimica. Ho dovuto scavare altre 4 volte.

Digressione lirica :-) Sono nata nel 1993 e allo stesso tempo mi è stato diagnosticato un gruppo sanguigno - II negativo. Quando sono stato ricoverato per la prima volta nel lavoro di ricerca, il dottore mi ha mandato a donare sangue per il gruppo. L'ho immediatamente sventolato e mi sono offerto di fare una copia del certificato di nascita con il timbro di analisi. Il medico ha insistito e dopo un po 'è apparso un nuovo inserto sulla mia carta:

Nessuna trasfusione di sangue, trapianto di midollo osseo, SMS e registrazione :-)

Il terzo corso di chimica non si distinse per nulla di significativo, ma il quarto iniziò la spazzatura. La bleomicina, uno dei farmaci del mio regime, "risponde" alla tossicità polmonare. Dopo la settima iniezione, sono uscito dalla stanza di manipolazione con una tosse schiacciante. Dopo 4 ore, la temperatura è salita a 39, è apparso il vomito. La volta successiva, tutto è stato ripetuto esattamente, ma per diversi giorni dopo l'iniezione, persisteva una respirazione difficile e dolorosa. Il medico ha concluso che è stato Bleo a buttarmi giù, anche se recenti studi dimostrano che la sua dose totale di 150 mg è considerata tossica. Apparentemente, 120 mg sono stati sufficienti per me.

Quando abbiamo lasciato Kiev, l'Ucraina aveva già introdotto la quarantena, ma il collegamento di trasporto non era stato interrotto. La scansione PET-CT finale era prevista per il 22 marzo, che in seguito si trasformò in una vera ricerca. Come prima, la dinamica positiva della PET significherebbe una transizione alla fase successiva del trattamento.

Carcinoma renale La mia storia. Ospedale

Capisco benissimo che la mia storia è lungi dall'essere drammatica, orribile ed eroica come altre. Ho solo intravisto e praticamente non ho sentito la vera realtà oncologica - sono sceso con una leggera paura. Spero di scendere. Tra qualche mese sarà possibile affermare con sicurezza, quando supererò i test successivi e eseguirò un'ecografia / TAC, che, spero, confermerà il risultato positivo del trattamento, e un anno dopo stabiliranno finalmente lo stato di "guarito".

Mi è stato spinto a scrivere questo lungo post non tanto dalla mia "esperienza difficile" (anche se non è stato certamente facile in alcuni posti), ma piuttosto dal desiderio di condividere le informazioni in una forma comoda e concentrata con quei fortunati come me. Fortunati, perché, come ha detto un medico sul nostro dipartimento (reparto urologico, oncologico, chirurgico) - "ecco tutti quelli che sono fortunati". È stato fortunato, perché l'oncologia è stata rilevata nella fase iniziale e può essere efficacemente curata con un metodo chirurgico. Inoltre, ciò che è interessante, c'è una tendenza molto interessante in urologia: se lo stadio iniziale, allora è molto ben trattato, così buono che in molti casi non è necessario alcun ulteriore trattamento oncologico (chimica, radiazioni, ecc.). Ma se il palcoscenico viene trascurato, le possibilità di un esito positivo non sono affatto grandi, e spesso i pazienti non vengono nemmeno operati, perché semplicemente causa sofferenze inutili e impiega un paio di mesi dalla vita residua molto breve.

Bene, ora torniamo da me su una barella in sala operatoria.

L'operazione non è stata la più difficile, ma piuttosto grave: la resezione del segmento superiore del rene destro (rimozione del tumore con tessuti adiacenti). Questa è un'operazione di conservazione dell'organo: i reni rimangono, viene rimossa solo una parte dell'organo con il tumore. Esistono diverse opzioni per eseguire un'operazione del genere - quale è effettivamente migliore, non posso dire. Ma il mio medico ha spiegato che la chirurgia laparoscopica, stranamente, è meglio per rimuovere il rene che per resezione. Semplificato, quando il rene viene rimosso, l'arteria viene bloccata e l'intero organo viene rimosso; durante la resezione, è meglio vedere vivo l'intero rene e capire cosa e dove è necessario tagliare, reagire al sanguinamento locale, ecc. pertanto, la resezione viene eseguita meglio con la solita grande incisione.

Mi è stata somministrata l'anestesia completa, con arresto respiratorio, ventilazione meccanica, ecc..

Naturalmente non ricordo l'operazione stessa, ma ricordo di essermi svegliata molto bene.

Mi sembra che stia affogando, soffocando - poi faccio un respiro profondo e sento le voci "Sono state fatte le radiografie, i polmoni raddrizzati", e poi un forte spasmo e dolore ai muscoli addominali sulla destra - quindi le mie prime parole sono state "Ho un forte spasmo addominale, fammi un'iniezione".

Naturalmente, nessuno ha fatto nulla, e dopo un po 'sono stato riportato in reparto, il che suggerisce che l'operazione non è stata la più difficile (come ho già scritto), ed è andata secondo i piani. Coloro che hanno un'operazione più seria o hanno problemi lungo il percorso vengono portati all'unità di terapia intensiva per un giorno per motivi di sicurezza, e solo allora (se tutto va bene) ritornano al reparto.

Come sono salito sul mio letto da una barella - non ne ho idea, ma l'ho fatto da solo, perché le infermiere semplicemente non potevano sollevarmi fisicamente (80 kg. Peso) o geometricamente - semplicemente non potevano avvicinarsi al letto da entrambi i lati da era in piedi contro il muro. Inoltre, seguendo i risultati dell'operazione, ho trovato un paio di provette: una sporgeva dal pene e terminava con una sacca di urina, la seconda sporgeva direttamente dal lato destro e terminava con una sacca di sangue.

Il primo giorno ho dormito per lo più o ero in semi-oblio, tuttavia, in questi primi giorni sono stato in grado di chiamare mia moglie e i miei genitori e informarmi che ero vivo dopo l'operazione, parlare un po 'con il mio vicino. In generale, lo stato è abbastanza sopportabile: non stai mentendo con un corpo inconscio e puoi valutare e reagire in modo adeguato all'ambiente.

Il secondo giorno dopo il round, a causa del fatto che l'urina era normale senza sangue, il dispositivo di raccolta del catetere-urina è stato rimosso. Ad essere sincero, avevo molta paura di questa "operazione", ma tutto si è rivelato facile e veloce, non ha fatto male e un massimo di 2 secondi è stato spiacevole. Forse la ragione di ciò sono state le abili mani dell'infermiera procedurale, che successivamente ha eseguito altre manipolazioni con il mio corpo altrettanto facilmente e quasi impercettibilmente. Dopo aver rimosso il catetere, avrei potuto e avrei dovuto iniziare a camminare - non puoi andare in bagno nel tubo. In generale, si è rivelato possibile. Non facile, ma possibile. Mi girava la testa, le gambe mi tremavano, la pancia mi faceva male, è qui che la benda è tornata utile. Avevamo un gabinetto nel reparto - cammina un paio di metri. Ma mi sono costretto ad uscire nel corridoio e fare un cerchio di 10 metri, solo per capire che questo è possibile.

Successivamente è arrivato il solito processo postoperatorio. Osservazioni, analisi, iniezioni, contagocce. Nel complesso, le mie analisi sono state buone. Ho gocciolato per diversi giorni contagocce con soluzione salina - per sciacquare il corpo, i reni, compensare la perdita di sangue, ecc. La temperatura era generalmente normale, ma più volte è salita a 37,5-38. Una volta addirittura saltato a 38,5 - abbattuto con una troika. Apparentemente, questa è stata la reazione del corpo alla chirurgia e alla guarigione, perché la cucitura stessa non era infiammata e non c'era dolore alla palpazione - cioè non c'è stata infezione. E l'infezione è la principale brutta cosa che può accadere dopo l'intervento chirurgico, specialmente nella cavità addominale. Molti sono rimasti in ospedale per altri 7-10 giorni a causa dell'infiammazione della sutura e della necessità di ricevere antibiotici e un monitoraggio aggiuntivo. E questa è tutt'altro che la peggiore opzione - tuttavia, secondo le statistiche, oggi gravi complicazioni sono inferiori all'1% durante le operazioni elettive di routine, che dovrebbero mettere il paziente in uno stato d'animo positivo..

Se ricordi, avevo ancora un altro tubo sporgente nella mia parte destra - un drenaggio per il sangue. Con questo, non è andato tutto male anche per me, almeno il dottore era molto soddisfatto della quantità minima di sangue nella borsa (50-70 g ad occhio), e il terzo giorno anche questo dispositivo è stato rimosso - per questo sono dovuto andare in camerino e sdraiarsi su un tavolo speciale. L'infermiera procedurale ha eseguito di nuovo perfettamente questa operazione con le sue mani leggere - non era praticamente doloroso, tranne per il fatto che era leggermente spiacevole sentire il tubo che si muoveva all'interno, e ci è voluto un po 'più di tempo rispetto al sacco per le urine - forse cinque secondi. In generale, non dovresti preoccuparti troppo di questo..

Il prossimo argomento interessante e molto importante è la toilette, ma non la toilette "fare pipì" - con questo, come capisci, tutto è più o meno chiaro e facile e la "cacca" della toilette è defecazione scientifica. La domanda è in realtà molto importante e complessa. Di solito, prima dell'intervento, il paziente aderisce a un certo regime dietetico e si adatta idealmente all'operazione a stomaco vuoto e intestino. È successo così bene per me: sono andato a defecare la mattina prima dell'operazione. Grazie a ciò, e dato che un paio di giorni dopo l'operazione, solo l'acqua e il brodo portati da sua moglie si arrampicano in gola, la questione del successivo movimento intestinale è stata rinviata a tempi migliori. E questi tempi migliori sono inevitabili. Dopotutto, il corpo umano ha bisogno di cibo per la vita e il recupero, che ho iniziato a prendere il 3 ° giorno. Di conseguenza, il 4 ° o 5 ° giorno, avevo bisogno di andare in bagno. È stato un esercizio difficile e lungo - ti senti oppresso da debolezza e dolore, non puoi stringere i muscoli addominali - devi fare affidamento su naturale rilassamento e gravità. Ma ci vuole molto tempo - le gambe e la schiena iniziano a gonfiarsi. Alla fine, sono riuscito solo alla terza visita alla toilette - ma quanto è stato meraviglioso, ero solo orgoglioso di me stesso. Successivamente, grazie alla dieta e al regime ospedaliero, ho stabilito un programma regolare e il processo è stato molto più semplice. Nonostante tutta l'intimità dell'argomento, è molto importante e non dovresti affatto aggravare il processo, portando la questione ai clisteri (in linea di principio, non l'evento più piacevole, e anche con un mal di stomaco dopo l'operazione - doppiamente).

L'ottavo giorno dopo l'operazione, le analisi sono state buone, non è stata osservata alcuna infiammazione da sutura. Potevo già mentire ordinatamente da una parte e dall'altra, era facile (in una benda, ovviamente) camminare attraverso il dipartimento e raggiungere il negozio al piano terra. La cucitura praticamente non ha fatto male, se non disturbata, e ha risposto con dolore acuto con un movimento acuto senza successo. In generale, non ero ancora sano, ma non soddisfacevo i criteri per un paziente che necessitava di una degenza in ospedale - e naturalmente, con gioia e parole gentili, fui dimesso dall'ospedale.

Come raccomandazione ufficiale per l'ulteriore recupero e la vita in generale, sono stati proposti alimenti classici sani (senza grassi, fritti, affumicati, salati, piccanti), fumo e cessazione dell'alcool, educazione fisica e sport. Come raccomandazione non ufficiale, il dottore ha detto che le mie condizioni, ovviamente dopo un completo recupero, non richiedono rigidi divieti o restrizioni come (ho bevuto 100 ge morto), puoi vivere una vita completamente normale. Ma spera che dopo l'esperienza presterò maggiore attenzione alla mia salute e condurrò a uno stile di vita sano. Per quanto riguarda l'ulteriore trattamento, non c'era nessuno. Non c'è niente da trattare: tutto è stato tagliato. Osserviamo, facciamo un esame in 6 e 12 mesi. Tutti.

E sì, ho ottenuto i risultati di una biopsia - carcinoma a cellule renali a cellule chiare, bordi della resezione (pezzo rimosso del rene) - senza crescita del tumore, ad es. tutte le conclusioni basate sui risultati degli ultrasuoni / CT / analisi sono state confermate del 100%.

L'ultima sorpresa dell'ospedale mi stava aspettando sulla strada per il taxi.

Certo, non mi consideravo del tutto sano, ma i miei successi nel camminare lungo i corridoi dell'ospedale formarono in me la sensazione che un bel po 'rimase fino allo stato di "perfettamente sano". Era un'illusione. Il mio viaggio con un paio di pacchi dall'ospedale all'entrata dell'ospedale (i taxi non erano ammessi nel territorio) mi esaurì completamente. Sudavo, stanco, respiravo spesso, mi fermavo a riposare - e tutto questo a una distanza di 300 metri. In generale, mi sono reso conto che il recupero è ancora molto lontano.

Questo conclude la parte ospedaliera della storia..

Restanti 2 mesi di recupero dopo l'intervento chirurgico (non ancora completato).

Ma questo è nel prossimo post - c'è così tanto testo per oggi.