Mieloma multiplo

Il mieloma multiplo è un tipo di tumore del sangue, trasformazione maligna delle plasmacellule (linfociti B differenziati, un sottotipo di leucociti, che fanno parte del sistema immunitario e sintetizzano anticorpi che aiutano l'organismo a combattere le infezioni). Normalmente, il midollo osseo produce plasmacellule (plasmacellule) e linfociti B nella quantità richiesta dall'organismo. Ad un certo punto, questo processo fallisce e, invece delle cellule normali, iniziano a essere prodotte cellule plasmatiche atipiche (tumorali), che sostituiscono gradualmente le cellule normali nel midollo osseo. Invece di anticorpi, queste cellule producono paraproteine, proteine ​​che danneggiano il tessuto renale..

I focolai tumorali multipli si verificano nel mieloma, principalmente nel midollo osseo, ma anche nelle ossa (di solito piatte, come ossa e costole craniche, ma anche le ossa tubulari, in particolare il femore, possono essere danneggiate), i linfonodi e altri organi. La molteplicità delle lesioni è un altro nome per la malattia del mieloma - mieloma multiplo. Poiché le cellule tumorali producono paraproteina, che fa riferimento alla malattia per emocrastosi paraproteinemica, malattie immunoproliferative maligne.

Fondamentalmente, le persone anziane - di età pari o superiore a 70 anni sono suscettibili al mieloma, sebbene anche i giovani di età inferiore a 40 anni si ammalino occasionalmente, gli uomini sono in qualche modo più probabili delle donne (il rapporto tra uomini e donne malati è 1,4: 1). Per una ragione sconosciuta, questa malattia si verifica nelle persone della razza Negroid due volte più spesso di qualsiasi altra.

Il mieloma multiplo è una malattia incurabile con un decorso cronico, tuttavia, sebbene una cura completa con i moderni mezzi medici sia irraggiungibile, il trattamento consente di ottenere una remissione a lungo termine, durante la quale le persone vivono una vita piena.

Sinonimi: mieloma multiplo (MM), plasmacitoma, malattia di Rustitsky-Kalera (dal nome degli scienziati che per primi hanno descritto la malattia).

Codice mieloma secondo ICD 10 - C90 (mieloma multiplo e neoplasie plasmatiche maligne).

Cause e fattori di rischio

Il motivo della malignità delle plasmacellule non è stato stabilito. Presumibilmente, esiste una predisposizione genetica. Infezioni virali, radiazioni ionizzanti (compresa la radioterapia), sostanze cancerogene, farmaci citostatici (chemioterapia), intossicazione cronica possono agire come fattori mutageni. Nel 10% delle persone con gammopatia monoclonale, si trasforma in mieloma.

I fattori predisponenti includono tutto ciò che ha un effetto soppressivo sul sistema immunitario: obesità, cattive abitudini, uno stile di vita malsano, instabilità da stress, ecc..

Forme

Esistono diverse classificazioni di MM.

Per manifestazioni cliniche:

  • sintomatico;
  • asintomatico (fumante);
  • gammopatia monoclonale di significato indeterminato (MGUS).

Composizione cellulare:

  • flamocytic;
  • plasmablastic;
  • cellula polimorfica;
  • piccola cellula.

A seconda della prevalenza dei fuochi:

A seconda del tipo di paraproteina prodotta:

  • G-mieloma (75% di tutti i casi);
  • Un mieloma;
  • D-mieloma;
  • E-mieloma;
  • Mieloma di Bens-Jones;
  • M-mieloma;
  • non classificato (gli ultimi due si riferiscono a forme rare).
  • avanzando lentamente;
  • in rapido progresso.

Forme di raggi X.

  • focale multipla;
  • porotico diffuso;
  • isolato.
  • focale;
  • nodoso;
  • maglia;
  • osteolitica;
  • osteoporotica;
  • misto.

Stadi della malattia

Esistono tre fasi nel corso del mieloma multiplo:

Esistono diversi criteri per la loro determinazione..

L'International Scoring System (ISS) è focalizzato sulla quantità di microglobulina beta-2 (β2M) e albumina sierica:

  1. β2M 100 g / l; il calcio nel sangue è la norma; paraproteina sierica 120 mg / l; paraproteina sierica> 70 g / l per IgG e> 50 g / l per IgA; escrezione urinaria di proteina Bens-Jones> 12 g / giorno; tre o più focolai di osteolisi (per determinare lo stadio III, è sufficiente la conformità con uno solo dei criteri elencati).

Ciascuno dei tre stadi della classificazione Dury-Salmon è suddiviso in sottostadi A e B, a seconda del contenuto sierico di creatinina, che funge da indicatore della funzione renale:

  1. Creatinina 2 g / dL (> 177 μmol / L).

Sintomi di mieloma

Prima che compaiano i primi sintomi, la malattia progredisce in modo asintomatico per lungo tempo (questo periodo può variare da 5 a 15 anni). In questo momento, un ROE elevato, la paraproteinemia possono essere rilevati in un esame del sangue e la proteinuria in un'analisi delle urine. Ma poiché il numero di plasmacellule nel midollo osseo non è aumentato, la diagnosi non può essere fatta..

Lo stadio avanzato è caratterizzato dall'aspetto e dalla crescita dei sintomi, che si manifesta con un numero di sindromi, che in diversi pazienti hanno diversi gradi di gravità.

I sintomi sono associati sia alla crescita del tumore focale delle plasmacellule sotto forma di tumori ossei, sia al fatto che le plasmacellule sintetizzano sostanze che promuovono la lisi, cioè la distruzione del tessuto osseo. Prima di tutto, le ossa piatte (ossa del bacino, cranio, scapole, costole, colonna vertebrale) soffrono, meno spesso - ossa tubulari (femore, omero). Di conseguenza, c'è un intenso dolore alle ossa, aggravato dalla pressione, durante il movimento, fratture patologiche (non causate da traumi), appaiono deformità ossee.

Danni al sistema ematopoietico

Leucopenia, trombocitopenia, plasmacellule nel sangue periferico, aumento del ROE, contenuto di mielogramma delle plasmacellule> 15% (in alcune forme di mielogramma MM potrebbe non presentare anomalie).

Sindrome da patologia proteica

È causato dalla sovrapproduzione di paraproteine ​​(immunoglobuline patologiche o proteina Bens-Jones), che è accompagnata da iperproteinemia (manifestata da sete, pelle secca e mucose), proteinuria, comparsa di anticorpi freddi (manifestata da allergia fredda, acrocianosi, disturbi trofici degli arti), amiloide quelle parti del corpo in cui si è verificata la deposizione di amiloide, l'allargamento delle labbra e della lingua).

Si osserva nell'80% dei pazienti con MM, è caratterizzato dallo sviluppo di insufficienza renale cronica, che si manifesta con debolezza, nausea, riduzione dell'appetito e perdita di peso. Edema, ascite, ipertensione non sono caratteristici (uno dei segni diagnostici).

Come risultato dell'infiltrazione delle plasmacellule tumorali, si sviluppano lesioni del fegato, milza (più spesso), tratto gastrointestinale, pleura (meno spesso) in tutti gli organi interni con lo sviluppo di sintomi caratteristici.

La suscettibilità alle infezioni, le comuni malattie virali respiratorie sono gravi, spesso complicate dall'aggiunta di un'infezione batterica, le malattie infettive e infiammatorie del tratto urinario, l'herpes zoster, le infezioni fungine non sono rare.

Aumento della viscosità del sangue

È caratterizzato da microcircolazione compromessa, che si manifesta con compromissione della vista, debolezza muscolare, mal di testa, sviluppo di lesioni cutanee trofiche, trombosi. Osservato nel 10% dei pazienti con MM.

Si sviluppa a causa di una diminuzione della funzionalità delle piastrine e dell'attività dei fattori della coagulazione del sangue. Manifestato da sanguinamento delle gengive, sangue dal naso, ematomi multipli.

È causata dall'infiltrazione delle plasmacellule della dura madre, dalla deformazione delle ossa del cranio e delle vertebre, dalla compressione dei tronchi nervosi da parte dei tumori. Manifestato da neuropatia periferica, debolezza muscolare, deterioramento di tutti i tipi di sensibilità, parestesie, riduzione dei riflessi tendinei e altri sintomi a seconda dell'area della lesione.

È causato dalla lisciviazione del calcio dal tessuto osseo a causa della lisi. Manifestato da nausea, vomito, sonnolenza, disturbi della coscienza, perdita di orientamento.

Lo stadio terminale è caratterizzato da un'esacerbazione dei sintomi esistenti, una rapida distruzione delle ossa, una proliferazione di tumori nei tessuti vicini, un aumento dell'insufficienza renale, una grave anemia, complicanze infettive.

Diagnosi di mieloma multiplo

I principali segni di mieloma multiplo sono la plasmacitosi del midollo osseo (> 10%), i focolai di osteolisi, il gradiente M (proteina monoclonale) o la proteina Bence-Jones nel siero o nelle urine. È su questi segni che viene effettuata una ricerca diagnostica con il sospetto di una malattia e per la diagnosi è sufficiente stabilire plasmocitosi e un gradiente M (o proteina di Bens-Jones), indipendentemente dalla presenza di alterazioni ossee.

Sono utilizzati i seguenti metodi diagnostici:

  1. Radiografia del cranio, torace, bacino, colonna vertebrale, cintura scapolare, omero e femore.
  2. Tomografia computerizzata a spirale.
  3. Risonanza magnetica.
  4. Tomografia ad emissione di positroni.
  5. Biopsia di aspirazione del midollo osseo per determinare il mielogramma.
  6. Test di laboratorio su sangue e urina.
  7. Ricerca citogenetica.

Le lesioni ossee ed extraossee nel mieloma multiplo sono abbreviate come CRAB:

  • C - Calcio (calcio) - ipercalcemia, contenuto di Ca> 2,75;
  • R - Funzionalità renale (renale) - alterata, creatinina sierica> 2 mg / dL;
  • A - Anemia (anemia) - normocitica e normocromica, emoglobina

Istruzione: Università medica statale di Rostov, specialità "Medicina generale".

Le informazioni sono generalizzate e fornite solo a scopo informativo. Al primo segno di malattia, consultare il medico. L'automedicazione è pericolosa per la salute!

Mieloma multiplo

Cos'è il mieloma?

È una malattia tumorale derivante da globuli rossi (un sottotipo di leucociti, cioè globuli bianchi). In una persona sana, queste cellule sono coinvolte nei processi di difesa immunitaria, producendo anticorpi. Con il mieloma multiplo (chiamato anche mieloma), le cellule plasmatiche alterate si accumulano nel midollo osseo e nelle ossa, interrompendo la formazione di normali cellule del sangue e la struttura del tessuto osseo. A volte puoi sentire parlare di mieloma osseo, mieloma della colonna vertebrale, reni o sangue, ma questi non sono nomi completamente corretti. Il mieloma multiplo implica già un danno al sistema ematopoietico e alle ossa.

Classificazione del mieloma

La malattia è eterogenea, si possono distinguere le seguenti opzioni:

La gammopatia monoclonale di origine sconosciuta è un gruppo di malattie in cui un numero eccessivo di linfociti B (si tratta di cellule del sangue che partecipano a reazioni immunitarie) di una specie (clone) producono immunoglobuline anomale di classi diverse, che si accumulano in organi diversi e interrompono il loro lavoro (molto spesso i reni soffrono).

linfoma linfoplasmatico (o linfoma non Hodgkin), in cui un numero molto elevato di immunoglobuline di classe M sintetizzate danneggia il fegato, la milza e i linfonodi.

Il plasmacitoma è di due tipi: isolato (interessa solo il midollo osseo e le ossa) ed extramidollare (l'accumulo di plasmacellule si verifica nei tessuti molli, ad esempio nelle tonsille o nei seni nasali). Il plasmocitoma isolato delle ossa in alcuni casi si trasforma in mieloma multiplo, ma non sempre.

Il mieloma multiplo rappresenta fino al 90% di tutti i casi della malattia e di solito colpisce più organi.

asintomatico (fumante, mieloma asintomatico)

mieloma con anemia, danno renale o osseo, ad es. con sintomi.

Codice mieloma secondo ICD-10: C90.

Fasi di mieloma

Gli stadi sono determinati in base alla quantità di microglobulina beta-2 e albumina nel siero del sangue.

Mieloma di stadio 1: livelli di microglobulina beta-2 inferiori a 3,5 mg / L e livelli di albumina 3,5 g / dL o più.

Mieloma in stadio 2: la microglobulina beta-2 oscilla tra 3,5 mg / le 5,5 mg / l, oppure il livello di albumina è inferiore a 3,5, mentre la microglobulina beta-2 è inferiore a 3,5.

Mieloma in stadio 3: livelli sierici di microglobulina beta-2 superiori a 5,5 mg / L.

Cause e patogenesi del mieloma

La causa del mieloma non è nota. Esistono diversi fattori che aumentano il rischio di ammalarsi:

Età. Fino a 40 anni, difficilmente si ammalano di mieloma, dopo 70 anni il rischio di sviluppare la malattia è significativamente aumentato

Gli uomini si ammalano più spesso delle donne

Le persone con pelle nera hanno il doppio del rischio di mieloma rispetto agli europei o agli asiatici

Gammopatia monoclonale disponibile. In 1 persona su 100, la gammopatia si trasforma in mieloma multiplo

Storia familiare di mieloma o gammopatia

Patologia immunitaria (HIV o uso di farmaci che sopprimono l'immunità)

Esposizione a radiazioni, pesticidi, fertilizzanti

In condizioni normali, il midollo osseo produce un numero rigorosamente definito di linfociti B e plasmacellule. Con il mieloma multiplo, la loro produzione va fuori controllo, il midollo osseo si riempie di plasmacellule anomale e la produzione di normali globuli bianchi e globuli rossi diminuisce. Tuttavia, al posto degli anticorpi utili nella lotta alle infezioni, queste cellule producono proteine ​​che possono danneggiare i reni..

Sintomi e segni di mieloma multiplo

Segni per aiutarti a sospettare il mieloma:

Dolore osseo, specialmente nelle costole e nella colonna vertebrale

Fratture ossee patologiche

Casi frequenti e ricorrenti di malattie infettive

Grave debolezza generale, affaticamento costante

Sanguinamento dalle gengive o dal naso, nelle donne, mestruazioni pesanti

Mal di testa, vertigini

Nausea e vomito

Diagnosi di mieloma multiplo

Può essere difficile fare una diagnosi, poiché nel mieloma non esiste un tumore evidente che può essere notato e talvolta la malattia procede senza alcun sintomo.

La diagnosi di mieloma multiplo viene solitamente eseguita da un ematologo. Durante l'interrogatorio, il medico identifica i principali sintomi della malattia in questo paziente, scopre se ci sono sanguinamento, dolore osseo, raffreddori frequenti. Quindi vengono effettuati ulteriori studi, necessari per un'accurata diagnosi e determinazione dello stadio della malattia..

La CBC per il mieloma indica spesso un aumento della viscosità del sangue e un aumento della velocità di eritrosedimentazione (VES). Spesso ridotto il numero di piastrine ed eritrociti, emoglobina.

I livelli di calcio sono spesso elevati nei test degli elettroliti nel sangue; secondo l'analisi biochimica, la quantità di proteine ​​totali è aumentata, i marcatori di disfunzione renale sono determinati - alti livelli di urea, creatinina.

Viene eseguito un test della paraproteina nel sangue per valutare il tipo e la quantità di anticorpi anomali (paraproteine).

Una proteina anormale (proteina di Bens-Jones), che è la catena leggera delle immunoglobuline monoclonali, viene spesso rilevata nelle urine.

Le radiografie delle ossa (cranio, colonna vertebrale, femori e ossa pelviche) mostrano lesioni caratteristiche del mieloma.

La puntura del midollo osseo è il metodo diagnostico più accurato. Un pezzo di midollo osseo viene prelevato con un ago sottile, di solito viene praticata una puntura nello sterno o nell'osso pelvico. Quindi il ottenuto viene esaminato al microscopio in laboratorio per le cellule plasmatiche degenerate e viene condotto uno studio citogenetico per rilevare i cambiamenti nei cromosomi.

La tomografia computerizzata, la risonanza magnetica, le scansioni PET possono rivelare aree di danno in esse.

Metodi per il trattamento del mieloma multiplo

Attualmente, vengono utilizzati diversi metodi di trattamento, principalmente la terapia farmacologica, in cui i farmaci vengono utilizzati in diverse combinazioni..

Terapia mirata usando un farmaco (bortezomib, carfilzomib (non registrato in Russia) che, a causa dell'effetto sulla sintesi proteica, causa la morte delle plasmacellule.

Le terapie biologiche, come talidomide, lenalidomide, pomalidomide, stimolano il sistema immunitario del sistema immunitario per combattere le cellule tumorali.

Chemioterapia con ciclofosfamide e melfalan, che inibiscono la crescita e portano alla morte di cellule tumorali in rapida crescita.

Terapia con corticosteroidi (trattamento aggiuntivo che migliora l'effetto dei principali farmaci).

I bifosfonati (pamidronato, acido zoledronico) sono prescritti per aumentare la densità ossea.

Gli antidolorifici, inclusi gli analgesici narcotici, sono usati per il dolore intenso (un disturbo molto comune in caso di mieloma multiplo); i metodi chirurgici e la radioterapia sono usati per alleviare le condizioni del paziente.

È necessario un trattamento chirurgico, ad esempio, per fissare le vertebre con placche o altri dispositivi, poiché il tessuto osseo viene distrutto, inclusa la colonna vertebrale.

Dopo la chemioterapia, viene spesso eseguito il trapianto di midollo osseo, mentre il più efficace e sicuro è il trapianto autologo di cellule staminali del midollo osseo, per cui vengono raccolte le cellule staminali del midollo osseo rosso. quindi viene somministrata la chemioterapia (di solito alte dosi di farmaci antitumorali) per uccidere le cellule tumorali. Dopo il completamento dell'intero corso del trattamento, viene eseguita un'operazione per trapiantare i campioni precedentemente raccolti e, di conseguenza, le normali cellule del midollo osseo rosso iniziano a crescere.

Alcune forme della malattia (principalmente il melanoma "fumante") non richiedono un trattamento urgente e attivo. La chemioterapia ha gravi effetti collaterali e, in alcuni casi, sono discutibili le complicanze e gli effetti sul decorso della malattia e sulla prognosi nel mieloma fumante asintomatico. In tali casi, viene eseguito un esame regolare e ai primi segni di una esacerbazione del processo, viene avviato il trattamento. Il medico stabilisce il piano di studi di controllo e la frequenza della loro condotta individualmente per ciascun paziente ed è molto importante rispettare questi termini e tutte le raccomandazioni del medico.

Complicanze del mieloma

Grave dolore osseo che richiede efficaci antidolorifici

Insufficienza renale che richiede emodialisi

Malattie infettive frequenti, incl. polmonite (polmonite)

Assottigliamento delle ossa con fratture (fratture patologiche)

Anemia che richiede trasfusione di sangue

Prognosi per mieloma multiplo

Con il mieloma "fumante", la malattia potrebbe non progredire per decenni, ma è necessaria un'osservazione regolare da parte di un medico per notare segni di attivazione del processo nel tempo, mentre la comparsa di focolai di distruzione ossea o un aumento del numero di plasmacellule nel midollo osseo superiore al 60% indica una esacerbazione della malattia (e un peggioramento previsione).

La sopravvivenza per il mieloma dipende dall'età e dalla salute generale. Allo stato attuale, la prognosi complessiva è diventata più ottimista di 10 anni fa: 77 persone su 100 con mieloma vivranno almeno un anno, 47 su 100 - almeno 5 anni, 33 su 100 - almeno 10 anni.

Cause di morte nel mieloma multiplo

Molto spesso, la morte è causata da complicanze infettive (ad esempio polmonite), nonché sanguinamento fatale (associato a un basso numero di piastrine nel sangue e disturbi della coagulazione del sangue), fratture ossee, grave insufficienza renale, embolia polmonare.

Nutrizione per mieloma multiplo

La dieta per il mieloma dovrebbe essere variata, contenere una quantità sufficiente di frutta e verdura. Si raccomanda di ridurre il consumo di dolci, conserve e cibi pronti pronti. Non devi seguire una dieta speciale, ma poiché il mieloma è spesso accompagnato da anemia, è consigliabile mangiare regolarmente cibi ricchi di ferro (carne rossa magra, peperoni, uvetta, cavoletti di Bruxelles, broccoli, mango, papaia, guava).

Uno studio ha dimostrato che l'assunzione di curcuma previene la resistenza alla chemioterapia. Gli studi sui topi hanno dimostrato che la curcumina può rallentare la crescita delle cellule tumorali. Inoltre, l'aggiunta di curcuma al cibo durante la chemioterapia può fornire un po 'di sollievo da nausea e vomito..

Tutti i cambiamenti nella dieta devono essere coordinati con il medico, in particolare durante la chemioterapia.

Come si sviluppa il mieloma del sangue e come può essere curato??

Il mieloma multiplo è una malattia pericolosa caratterizzata dallo sviluppo di tumori dalle plasmacellule del sangue, che influenzano negativamente principalmente il midollo osseo e le ossa del corpo umano. La malattia è molto pericolosa, ma non molto comune. In misura maggiore, la malattia colpisce le persone anziane (di solito 50-60 anni) e nella stragrande maggioranza colpisce i rappresentanti della forte metà dell'umanità. Per sbarazzarsi del mieloma, vengono utilizzati i metodi classici per sbarazzarsi del cancro: radioterapia, chemioterapia, ecc. Con un trattamento tempestivo e adeguato, nel 95% dei casi si osserva la remissione completa e il recupero del paziente.

Cos'è il mieloma

Questa patologia è definita plasmocitoma o mieloma multiplo. L'oncopatologia è definita leucemia mieloide cronica con un basso tasso di malignità. Inizialmente, il linfocita B raggiunge il livello delle plasmacellule e acquisisce la capacità di produrre anticorpi contro le infezioni. In uno stato normale, le plasmacellule regolano le immunoglobuline nel corpo, proteggendo il corpo dalla penetrazione e dalla diffusione dei virus. Le cellule patologiche non sono in grado di fornire protezione per il corpo, a causa di un'improvvisa riduzione della sintesi e della rapida distruzione di anticorpi sani.

Sotto l'influenza di alcuni fattori, il paziente inizia a formare cellule che si dividono e mutano costantemente. Durante questo, un gran numero di plasmablasti e plasmaciti si formano nel midollo osseo. Sintetizzano grandi quantità di proteine ​​immunoglobuliniche nel sangue che hanno una struttura irregolare. Tali composti proteici non perdono la loro capacità protettiva, ma si accumulano sempre più nelle strutture del midollo osseo..

L'oncopatologia di solito si sviluppa lentamente, distruggendo le strutture ossee, ma a volte può diffondersi ai tessuti linfatici, ai reni e alla milza. Dopo la formazione del mieloma, possono essere necessari diversi decenni prima che compaiano i sintomi. Quando viene diagnosticato un mieloma multiplo, senza un trattamento adeguato, la malattia può essere fatale entro due anni.

Sintomi di mielomatosi

Nelle fasi iniziali, la malattia può essere praticamente asintomatica. Quando il numero di cellule patologicamente alterate raggiunge un valore critico e il mieloma forma un focus solitario o multiplo, compaiono segni clinici di carcinoma plasmocitico..

I principali sintomi del mieloma multiplo:

  • dolore doloroso alle ossa di arti, scapole, cranio o colonna vertebrale;
  • tirando dolori al cuore e alle articolazioni (causati dalla deposizione di amiloide - una forma di conservazione delle paraproteine ​​negli organi interni);
  • frequenti infezioni batteriche;
  • fratture patologiche delle ossa degli arti, delle costole e delle vertebre;
  • debolezza, ritardo delle funzioni cognitive, interruzione del tratto gastrointestinale (a causa dell'ipercalcemia - il rilascio di calcio dal tessuto osseo disciolto nel sangue);
  • anemia;
  • palpitazioni (a seguito di un meccanismo compensativo in risposta alla mancanza di globuli rossi);
  • mancanza di respiro, mal di testa;
  • deformazione del torace dovuta a cambiamenti nel tessuto osseo;
  • nefropatia (compromissione della funzionalità renale dovuta alla formazione di calcoli di calcio nei loro dotti);
  • una diminuzione della coagulazione del sangue (con formazione di lividi multipli), spesso sullo sfondo di un aumento della viscosità plasmatica (di conseguenza, con sanguinamento frequente, possono formarsi coaguli di sangue nel paziente).

Cause della malattia

Gli scienziati non sono riusciti a studiare a fondo le cause dell'aspetto del mieloma, ma i fattori che possono provocare lo sviluppo del processo oncologico sono già stati stabiliti:

  • vecchiaia;
  • malattie del sangue croniche;
  • frequenti malattie infettive;
  • nefropatia (infezioni del sistema genito-urinario);
  • radiazioni ionizzanti a lungo termine;
  • vivere in un cattivo ambiente ecologico;
  • lavoro che prevede un contatto regolare con tossine e sostanze chimiche;
  • eredità e predisposizione genetica ai processi oncologici;
  • la presenza di cattive abitudini, in particolare il fumo e la dipendenza da alcol;
  • stress regolare ed esplosioni emotive.

Il principale fattore provocante è considerato l'interruzione dei linfociti B nelle plasmacellule durante la trasformazione in tutto il corpo. A causa di questo fallimento, il numero di plasmacellule anomale inizia ad aumentare rapidamente, formando cellule di mieloma all'interno delle ossa. Mentre la malattia progredisce, le cellule anormali sostituiscono le cellule normali, motivo per cui il sangue inizia gradualmente a coagulare male e l'immunità si deteriora.

Cause di mieloma multiplo

La causa dello sviluppo del mieloma sono le mutazioni nelle cellule progenitrici dei linfociti B. Ciò che porta a queste mutazioni non è completamente noto. Ma ci sono diversi fattori di rischio, in presenza dei quali la probabilità di sviluppare la malattia supera la popolazione generale:

  • Età superiore ai 40 anni.
  • Genere maschile.
  • Negroidism.
  • La presenza di gammopatia monoclonale - ogni centesimo di questi pazienti sviluppa mieloma.
  • Immunodeficienze secondarie - HIV, in terapia immunosoppressiva.
  • La presenza di mieloma tra parenti stretti del sangue.
  • Una storia di esposizione alle radiazioni, inclusa la radioterapia.

varietà

Sulla base del tipo di paraproteine ​​prodotte dalle plasmacellule atipiche, il mieloma del sangue è classificato in:

  • Mieloma A - diagnosticato nel 25% dei casi;
  • Il mieloma G è il tipo più comune, diagnosticato nel 50% dei pazienti;
  • M-mieloma: si verifica in non più del 6% dei casi di patologia;
  • E-mieloma: questo tipo di malattia viene diagnosticata in due pazienti su cento;
  • D-mieloma: questo tipo rappresenta circa il 3% dei pazienti;
  • Mieloma Bence-Jones: questo tipo di malattia rappresenta fino al venti percento dei casi;
  • Tumore non secernente: estremamente raro, non più dell'1% dei pazienti.

I mielomi del midollo osseo G, A, M, E e D producono cellule immunoglobuline anormali come IgG, IgA, IgE, IgD. Il mieloma di Bens-Jones è così chiamato a causa del rilascio della proteina Bens-Jones. Per la maggior parte, questa è la distribuzione teorica dei mielomi. In pratica, vengono spesso utilizzate classificazioni in base alla localizzazione delle cellule plasmocitiche e alla loro struttura, nonché alle caratteristiche del tumore. In base al numero di ossa o organi colpiti dalla patologia, si distinguono mielomi singoli e multipli.

Lettura consigliata Emangioma cavernoso - cause e trattamento

Plasmocitoma solitario

Questo tipo di patologia è caratterizzato dal verificarsi di un solo focus, che è in grado di formarsi in un certo linfonodo o osso, dove c'è il midollo osseo. Spesso localizzato nel femore, ma può interessare la colonna vertebrale e altre ossa tubulari.

Mieloma multiplo

Quando compaiono più forme, i focolai tumorali compaiono in diverse ossa. Anche il tronco spinale, le ossa craniche, le costole, le scapole, ecc. Sono ugualmente colpiti. Oltre alle ossa, la malattia può diffondersi alla milza e ai linfonodi..

Mieloma diffuso

La principale differenza tra tale oncopatologia è l'assenza di punti di crescita limitati delle neoplasie. Le plasmacellule si dividono e si diffondono rapidamente in tutte le ossa del corpo. All'interno dell'osso, la posizione delle plasmacellule non si limita a un focus, le cellule patologiche riempiono l'intera area del midollo osseo.

Mieloma focale multiplo

La malattia è caratterizzata dallo sviluppo simultaneo di focolai tumorali con il rapido sviluppo delle plasmacellule, nonché da una deformazione globale della struttura del midollo osseo. I plasmaciti occupano solo determinate aree e il resto dei cambiamenti patologici derivano dagli effetti della neoplasia. Con questa malattia, le plasmacellule possono trovarsi all'interno del tessuto osseo, colpire la milza o i linfonodi.

Mieloma focale diffuso

La malattia ha caratteristiche di mieloma multiplo e singolo. La forma focale diffusa è divisa in diversi tipi:

  • plasmocitaria;
  • plasmablastic;
  • cellula polimorfica;
  • piccola cellula.

Ogni sottospecie della malattia ha le sue caratteristiche del decorso..

Mieloma a cellule plasmatiche

Con tale oncopatologia, un gran numero di linfociti B appare nei fuochi della crescita della neoplasia, producendo attivamente paraproteine. Lo sviluppo di tale mieloma è lento e spesso difficile durante la terapia. A volte la produzione attiva di paraproteine ​​provoca danni a organi e sistemi vitali insensibili alla terapia.

Mieloma plasmablastico

In presenza di una malattia maligna, i plasmablasti predominano nell'osso, che sintetizzano una piccola quantità di paraproteine, ma si dividono e si moltiplicano troppo rapidamente. Con il rilevamento tempestivo della malattia, si presta bene alla terapia.

Mieloma polimorfico e a piccole cellule

Questi tipi di mielomi si distinguono per la presenza di plasmacellule in focolai patologici, che si trovano in diverse fasi della maturazione. Tali mielomi sono i più aggressivi, perché si sviluppano molto rapidamente e causano disfunzioni in molte parti del corpo..

Diagnostica: caratteristiche di


Per confermare la presenza di patologia, vengono eseguite una serie di procedure, tra cui la radiografia delle strutture ossee dello scheletro.
L'aspettativa di vita nel mieloma multiplo dipende in gran parte da quanto tempo è stata rilevata la patologia. Con un corso avanzato, sono possibili gravi complicazioni, che non possono sempre essere eliminate. A un paziente con oncologia vengono prescritti diagnostica di laboratorio e diagnostica strumentale, comprese le seguenti procedure:

  • KLA e biochimica;
  • mielogramma, che prevede lo studio delle cellule del midollo osseo;
  • misurazione del calcio plasmatico;
  • TC e risonanza magnetica;
  • Radiografia delle strutture ossee dello scheletro;
  • ECG;
  • ecocardiografia.
  • Analisi delle urine.

Stadi della malattia

La gravità dell'oncopatologia dipende dallo stadio in cui si trova la malattia.

Esistono tre fasi del mieloma multiplo:

  1. Al primo stadio, la massa totale del processo tumorale non raggiunge un chilogrammo, l'emoglobina nel sangue è pari a 100 g / le superiore. Questa fase non causa sintomi, quindi la malattia in questa fase del corso è estremamente rara..
  2. In secondo luogo, il peso della massa tumorale aumenta a 1,2 kg. Le manifestazioni cliniche compaiono sotto forma di diminuzione del ferro nel corpo, eccesso di calcio, insufficienza renale e dolore..
  3. Il terzo - questa fase è caratterizzata da un aumento della massa tumorale oltre 1,2 kg e un cambiamento significativo nella struttura del midollo osseo. Il livello di emoglobina scende a 85 g / l, il calcio scende a 12 mg / 100 ml. Il decorso del mieloma multiplo di grado 3 di solito termina con la morte del paziente. La causa principale è l'infarto o l'insufficienza renale.

Il successo del trattamento dipende principalmente dalla fase di sviluppo della malattia, pertanto si raccomanda di sottoporsi regolarmente a una visita medica completa.

Mieloma osseo: prognosi

La malattia ossea del mieloma ha una prognosi sfavorevole. I pazienti vivono senza trattamento per circa 1-2 anni. L'uso di una terapia complessa consente di prolungare questo periodo fino a 4 anni.

Il mieloma di grado 1 e la giovane età del paziente sono buoni fattori prognostici. Scarsa prognosi nelle persone di età superiore ai 65 anni con insufficienza renale, ipercalcemia, anemia, trombocitopenia, lesioni ossee multiple e cattiva salute generale. Ridurre la sopravvivenza e la ricaduta.

Lo sviluppo di farmaci come Lenalidomide e Bortezomib ha migliorato la sopravvivenza globale e libera da malattia nei pazienti con mieloma multiplo. I pazienti che rispondono bene al trattamento con questi farmaci vivono fino a 5 anni. La scarsa risposta al trattamento peggiora la prognosi.

Sintomi della malattia

In presenza di mieloma, le ossa e i reni sono principalmente colpiti, il che provoca disturbi nel sistema ematopoietico. I sintomi del mieloma dipendono dallo stadio del suo sviluppo e dal grado di danno. Poiché lo sviluppo della malattia richiede molto tempo, il suo decorso asintomatico può durare per circa quindici anni. In questo momento, il paziente non sospetterà nemmeno della presenza di una grave patologia. È possibile identificare il mieloma attraverso test di laboratorio per l'esame preventivo o il trattamento di altre patologie.

Letture consigliate Adenocarcinoma (carcinoma ghiandolare) - sintomi, tipi, trattamento

I sintomi del mieloma sono i seguenti:

  • vertigini frequenti;
  • si sviluppa l'anemia;
  • la presenza di dolore;
  • astenia;
  • la rapida riduzione del peso del paziente;
  • ARVI e ARI permanenti.

Quando compaiono questi segni di mieloma, dovresti immediatamente andare a consultare uno specialista e sottoporti a un esame aggiuntivo per riconoscere la patologia.

Con l'abbondante diffusione del mieloma multiplo, i pazienti molto spesso hanno le seguenti sindromi:

  • Danno patologico alle ossa: durante il mieloma, i tessuti ossei vengono immediatamente colpiti, perché è in essi che sorgono i focus principali dell'oncopatologia. Con la progressione della neoplasia, compaiono forti dolori, frequenti fratture ossee e tumori dei tessuti molli. Dopo qualche tempo, l'osso nella zona interessata collassa e compaiono focolai secondari di distruzione. Il paziente sviluppa l'osteoporosi.
  • Disturbi nel lavoro del sistema circolatorio: il paziente sviluppa gradualmente anemia, accompagnata da pallore della pelle, problemi respiratori e un aumento della debolezza. I neutrofili e le piastrine iniziano a essere prodotti in quantità minori, il che porta allo sviluppo della sindrome emorragica.
  • Sindrome da patologia proteica - si verifica a causa dell'eccessiva produzione di proteine ​​patologiche. Grandi quantità di paraproteina possono essere trovate nelle urine e negli organi interni. Si verificano mal di testa, la vista si deteriora, si verificano ulcere trofiche.
  • Sindrome renale del mieloma: circa l'80% dei pazienti presenta un danno renale nel mieloma, che si verifica a causa della comparsa di plasmacellule in essi e della deposizione di calcificazioni. Pertanto, la disfunzione renale si verifica quando si sviluppa il mieloma..

Anche con lo sviluppo della malattia, il sistema nervoso centrale è interessato e inizia l'ipercalcemia, ciò complica solo il decorso della malattia. Quando la patologia entra nella fase finale, i sintomi clinici aumentano in modo significativo. In alcuni casi, la leucemia acuta si sviluppa nella quarta fase..

Sintomi

Lo stadio iniziale della malattia è più spesso asintomatico, un tale periodo può durare per un tempo piuttosto lungo - fino a 15 anni, tuttavia, nell'analisi delle urine, è possibile rilevare una maggiore quantità di proteine ​​e un aumento della VES nel sangue.

In futuro, i sintomi potrebbero diventare più luminosi, ma è facile confonderlo con segni di altre malattie:

  • dolore osseo: può apparire di notte o quando si cambia la posizione del corpo;
  • anemia, che è accompagnata da affaticamento rapido. La pelle diventa pallida, può svilupparsi insufficienza cardiaca;
  • la febbre e la perdita di peso indicano uno stadio avanzato della malattia,
  • nausea e vomito.

Per differenziare il mieloma da altri disturbi che possono essere accompagnati da sintomi simili, è necessario consultare uno specialista ed esaminare a fondo il corpo.

Per quanto riguarda i primi segni di malattia, può essere una forte diminuzione dell'attività fisica, perdita di appetito e rapida perdita di peso. Il dolore osseo è progressivo e non scompare con antidolorifici.

I pazienti affetti da mieloma spesso soffrono di varie malattie infettive e possono anche sperimentare sanguinamento nel naso o aumento del sanguinamento mestruale. Cambiamenti caratteristici si verificano anche nel sistema nervoso: nei casi più gravi si può sviluppare paralisi, la parte inferiore del corpo può perdere sensibilità ed è possibile l'incontinenza urinaria.

È necessario consultare un medico ai primi segni della malattia: dolore alle ossa, debolezza, anemia.

Diagnostica

Se si sospetta la presenza di mieloma, la diagnosi viene effettuata da un medico esperto in ambito ospedaliero. Fondamentalmente, i pazienti vengono dal medico il cui esame del sangue ha mostrato un aumento significativo dell'ESR, che è caratteristico del mieloma.

Durante la diagnosi, ai pazienti vengono assegnati alcuni test di laboratorio, che consentono di riconoscere la malattia anche nella fase della sua formazione. Innanzitutto, il medico esamina il paziente e specifica anche il periodo di insorgenza dei primi segni clinici della malattia, quindi prescrive test.

Con il mieloma, la diagnosi viene effettuata utilizzando i seguenti studi:

  • analisi clinica generale di urina e sangue (viene determinato un aumento delle proteine ​​nelle urine);
  • chimica del sangue;
  • mielogramma;
  • tomografia computerizzata a spirale;
  • radiografie ossee;
  • metodo di immunoelettroforesi.

Il corso della terapia è prescritto dal medico solo dopo aver eseguito tutti i test diagnostici..

Diagnosi della malattia

La diagnosi del mieloma osseo nelle prime fasi può essere difficile, poiché i dolori articolari di solito spingono i medici a pensare alla sciatica o alla nevralgia. Spesso le persone iniziano a trattare l'anemia o l'insufficienza renale senza conoscerne la causa. Pertanto, lo stadio 1 della malattia viene diagnosticato solo nel 15% dei casi. E nel 60% succede in ritardo - in 3 fasi.

Quali metodi vengono utilizzati per rilevare la malattia?

  1. Il primo passo nella diagnosi del mieloma osseo è la radiografia, che aiuterà a valutare le condizioni dell'osso. Con una forma focale diffusa, molti fuochi sono visibili sull'immagine a raggi X, con contorni chiari, 1-3 cm di diametro. Oltre al diradamento del tessuto osseo e all'espansione del canale del midollo osseo, questo tipo di tumore può presentare focolai di osteosclerosi. Quando il mieloma delle ossa del cranio è caratterizzato da uno schema di "cranio che perde". Il cancro alla colonna vertebrale si manifesta sotto forma di appiattimento dei corpi vertebrali e curvatura della colonna vertebrale. La sostanza ossea è scarsa, gli archi della colonna vertebrale sono fortemente enfatizzati. Con lesioni diffuse, è più difficile rilevare i cambiamenti nelle ossa ai raggi X rispetto a quelli solitari o nodulari. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche. Poiché il plasmocitoma è simile nei sintomi e nel quadro radiologico alle lesioni metastatiche ossee, è importante effettuare una diagnosi differenziale basata sullo studio del puntato di midollo osseo, sangue biochimico e test delle urine.
  2. Biopsia per aspirazione del midollo osseo. Il puntinato viene prelevato dal midollo osseo delle ossa interessate utilizzando un ago speciale in anestesia locale. Secondo le indicazioni, viene eseguita la trepanobiopsia, che comporta l'apertura dell'osso. Per fare una diagnosi di mieloma nel campione ottenuto deve essere presente dal 10% delle plasmacellule. L'esame istologico mostra iperplasia e spostamento dei normali elementi del mieloma. Il quadro citologico è caratterizzato dalla proliferazione mielomcellulare. Nel 13% dei casi, si verifica epatomegalia, nel 15% - paraamilidosi e patologia proteica.
  3. KLA e OAM, analisi del sangue biochimica con il conteggio della quantità di immunoglobuline. Un esame del sangue per il mieloma osseo mostra un basso contenuto di emoglobina (105 mg / L), un aumento della creatinina, in alcuni casi - eritrokariocitosi, mieloma o trombocitopenia. Il numero ESR può raggiungere 60-80 mm / ora. Quando si analizza il siero di sangue mediante elettroforesi per le frazioni proteiche e proteiche, di norma viene rilevato un alto contenuto di paraproteine ​​IgG (> 35 g / L) e IgA (> 20 g / L) o un basso contenuto di immunoglobuline normali. Un altro importante criterio diagnostico è la proteinuria di Bence-Johnson (più di 1 g / die) sull'analisi delle urine. L'aumento dei livelli di fosfatasi alcalina e fosforo sono altri marcatori comuni di mieloma multiplo..

I principali segni di plasmocitoma sono una combinazione di un alto contenuto di plasmacellule nel midollo osseo (> 10%), proteinuria di Bence-Johnson e grandi cambiamenti nel sangue (IgG> 35 g / L, IgA> 20 g / L). Anche se la paraproteinosi non è così pronunciata, ma c'è una diminuzione della concentrazione di immunoglobuline normali, il livello delle plasmacellule è superiore al 30% e ci sono focolai di osteolisi ossea ai raggi X, questo indica anche una malattia del mieloma. La diagnosi viene fatta se sono presenti almeno 1 dei criteri principali e 1 criterio minore. Quest'ultimo include anche ipercalcemia, anemia e un aumento della creatinina, che indicano disfunzioni caratteristiche del mieloma..

Prima di iniziare il trattamento, è necessario sottoporsi ad altri test:

  • Radiografia di tutte le ossa dello scheletro;
  • calcolo della perdita giornaliera di proteine ​​nelle urine;
  • studio della funzionalità renale secondo Zimnitsky;
  • test del siero di sangue per creatinina, calcio, urea, bilirubina, colesterolo, azoto residuo, proteine ​​totali, ecc..

In alcuni casi, il medico ordinerà una risonanza magnetica o PET. Questi studi aiutano a scansionare l'intero corpo e rilevare anche le più piccole metastasi del mieloma osseo..

Principi generali di terapia

Il trattamento del mieloma non prevede l'uso di metodi radicali, poiché il compito principale del corso di terapia è prolungare e migliorare la qualità della vita. È impossibile curare completamente il mieloma. Tuttavia, nella lotta contro la lesione tumorale, è possibile rallentarne lo sviluppo e causare la remissione..

Dopo un'accurata diagnosi del mieloma, il trattamento viene effettuato utilizzando metodi palliativi che rallentano la crescita della neoplasia e indeboliscono i sintomi. I trattamenti palliativi per il mieloma comprendono la chemioterapia, le radiazioni e la gestione nutrizionale. Non è consigliabile eseguire il trattamento con rimedi popolari a casa..

Letture consigliate Cheratoma cutaneo: trattamento, cause, rimozione

Chemioterapia

La chemioterapia è il trattamento più efficace per il mieloma. Nel corso del trattamento, è possibile utilizzare sia un farmaco (monochemioterapia) sia diversi farmaci (polichemioterapia).

Quando si prescrive la polichemioterapia, è possibile utilizzare i seguenti farmaci:

I farmaci vengono assunti per via orale o endovenosa mediante iniezione intramuscolare. Quando viene prescritto un ciclo di chemioterapia, il trattamento può essere eseguito secondo uno dei diversi regimi:

  • Regime MP: assunzione di melfalan e prednisolone in compresse.
  • Schema M2 - somministrazione di iniezioni endovenose di vincristina, ciclofosfamide e BCNU. Insieme a questo, per due settimane è necessario assumere compresse di prednisone e melfalan..
  • Schema VAD: la terapia viene eseguita in 3 sessioni. Durante la prima sessione, il trattamento viene effettuato con farmaci doxirubicina e vincristina. Durante le sessioni successive, è necessario assumere compresse di desametasone.
  • Schema VBMCP - assegnato a pazienti di età inferiore ai 50 anni. Il primo giorno di terapia, ai pazienti vengono somministrati vincristina, ciclofosfamide e carmustina per via endovenosa. Quindi, il melfalan e il prednisone dovrebbero essere bevuti per una settimana. Dopo un mese e mezzo, vengono nuovamente iniettati carmustina..

Con qualsiasi regime terapeutico, i farmaci vengono assunti solo sotto la stretta supervisione di specialisti..

Dopo il trattamento con farmaci chemioterapici, si osserva una remissione stabile nel 40% dei pazienti.

Radioterapia

L'uso della radioterapia è di solito prescritto per tumori solitari e focali di grandi dimensioni, quando il trattamento con farmaci chemioterapici è impotente. In questo caso, è possibile rallentare lo sviluppo della formazione maligna e indebolire le manifestazioni cliniche della malattia..

Se le radiazioni e l'uso di sostanze chimiche non hanno funzionato, i pazienti vengono sottoposti a trapianto di midollo osseo. In circa il 40% dei pazienti, il trapianto di cellule staminali aiuta a raggiungere la remissione permanente della malattia..

Trattamento sintomatico

Questo metodo di trattamento del mieloma multiplo prevede l'assunzione di farmaci prescritti. La loro azione è mirata ad alleviare il dolore, regolando la concentrazione di calcio nel sangue. I farmaci normalizzano la coagulazione del sangue e stabilizzano la funzione renale.

A volte è ancora possibile eseguire un'operazione per rimuovere un singolo focus del mieloma, su cui viene quindi eseguito un esame citologico. Se la malattia è grave, ai pazienti possono essere prescritti morfina, buprenorfina e altri stupefacenti.

Nutrizione

Durante il trattamento della malattia, è indispensabile aderire a una corretta alimentazione. Una dieta per mieloma multiplo è prescritta dallo specialista presente. Nella dieta, dovresti limitare l'uso di cibi ricchi di proteine. Il paziente ha bisogno di mangiare meno carne, uova, legumi e noci.

Approcci terapeutici

La malattia non è praticamente trattata. L'obiettivo della terapia è fermare l'ulteriore sviluppo del processo al fine di prolungare la remissione il più a lungo possibile..

I plasmocitomi sono divisi in 2 gruppi:

  • Mieloma asintomatico o fumante;
  • Forma sintomatica.

Vengono prese diverse misure a seconda della forma in cui si trova il cancro..

Il mieloma lento non viene spesso trattato affatto: gli effetti collaterali dei farmaci e i rischi del trattamento stesso possono superare il beneficio previsto. Tali pazienti sono attentamente monitorati e viene monitorata la composizione di qualità del sangue e delle urine..

L'intervento medico viene eseguito immediatamente dopo la comparsa dei sintomi o la composizione qualitativa e quantitativa dei cambiamenti di sangue o delle urine.

È quasi impossibile curare la forma sintomatica: puoi solo ottenere un miglioramento della qualità della vita e un aumento della sua durata.

A tale scopo vengono utilizzati i seguenti metodi:

  • Chemioterapia;
  • Radioterapia;
  • Trapianto di midollo osseo.

Nonostante il fatto che i metodi non diano recupero, danneggiano le cellule sane del corpo. Inoltre, i farmaci chemioterapici offrono una gamma significativa di effetti collaterali..

Gli effetti collaterali più comuni della chemioterapia sono:

  • Indebolimento del sistema immunitario del corpo;
  • Disturbi digestivi - nausea, vomito, perdita di appetito, bruciore di stomaco, ecc.;
  • Stomatite;
  • Perdita di forza;
  • La perdita di capelli;
  • Disturbi nervosi;
  • Manifestazioni cutanee.

Effetti negativi delle radiazioni:

  • Aumento della fatica;
  • Perdita di appetito, sebbene una buona alimentazione nel mieloma sia di grande importanza;

Previsione e prevenzione

Di solito, con mieloma multiplo, la prognosi è scarsa. Quasi tutti i pazienti riescono a raggiungere la remissione per due o tre anni, nella migliore delle ipotesi questo periodo può essere aumentato di altri due anni. Senza un trattamento adeguato per il mieloma, l'aspettativa di vita dei pazienti non supera i due anni. Il pieno recupero è possibile solo nel caso di una forma solitaria di oncopatologia.

Non ci sono modi specifici per prevenire la formazione di un tumore al mieloma. Si consiglia alle persone che cadono nella zona a rischio di morbilità di sottoporsi a regolari esami preventivi per la rilevazione tempestiva della patologia. Dovresti monitorare attentamente la tua salute, condurre uno stile di vita attivo e sbarazzarti delle cattive abitudini.

Criteri per il successo del trattamento del cancro del sangue

È estremamente difficile prevedere il successo della terapia prima di iniziare. Molto dipende dal livello di resistenza dei tessuti tumorali all'azione dei farmaci citostatici. Ad esempio, in presenza di resistenza primaria alla chemioterapia, l'aspettativa di vita media del paziente non è superiore a un anno..

Tuttavia, numerosi parametri iniziali influiscono anche sull'esito del trattamento. Questi includono l'età e lo stato di salute del paziente prima dell'inizio dei sintomi clinici, lo stadio del mieloma, il tipo di cellule proliferanti, il numero e la localizzazione dei focolai tumorali, la presenza di complicanze concomitanti (fratture patologiche, insufficienza renale e cardiaca, disturbi neurologici), ecc..

Di norma, la remissione a lungo termine con mieloma ematico è possibile con:

  • diagnosi precoce di patologia;
  • piccolo volume e numero di focolai della malattia (la forma solitaria del mieloma è relativamente rara, tuttavia, nelle fasi iniziali, il plasmocitoma multiplo non è ancora comune in tutto il corpo);
  • mancanza di resistenza al tumore ai farmaci citostatici e un rapido aumento dei livelli di emoglobina dopo l'inizio del trattamento;
  • la capacità di applicare in questo caso clinico una terapia complessa, comprese le radiazioni e i corsi intensivi di chemioterapia.

Metodi di trattamento

  • Il principale metodo di trattamento del mieloma è la chemioterapia, che è ridotta all'assunzione di alte dosi di farmaci citostatici..
  • Dopo un'efficace chemioterapia, i pazienti vengono sottoposti a donatore o al proprio trapianto di cellule staminali.
  • Quando la chemioterapia è inefficace, viene utilizzata la radioterapia. L'esposizione ai raggi radioattivi non guarisce il paziente, ma per qualche tempo può alleviare significativamente le sue condizioni, inoltre, aumentando la sua aspettativa di vita.
  • Il dolore osseo doloroso può essere trattato con antidolorifici.
  • Le malattie infettive sono trattate con alte dosi di antibiotici.
  • Gli emostatici (come vicasol ed etamsilato) aiuteranno a far fronte al sanguinamento.
  • I tumori che comprimono gli organi interni vengono rimossi chirurgicamente.

Trapianto di cellule staminali

Se la chemioterapia ha successo, al paziente vengono trapiantate le proprie cellule staminali. Viene eseguita una puntura per raccogliere il midollo osseo. Avendo cellule staminali isolate da esso, vengono nuovamente trapiantate nel corpo del paziente. Con l'aiuto di questa manipolazione, è possibile ottenere una remissione stabile, durante la quale il paziente si sente sano..